Persone

Ben Bernanke

Ben Bernanke è nato il 13 dicembre del 1953 ad Augusta (Georgia) ed è un economista statunitense.

Dal 1° febbraio 2006 al 3 febbraio 2014 è stato Presidente del Comitato dei Governatori della Federal Reserve negli Usa, precedentemente ha ricoperto la carica di Presidente del Comitato dei Consiglieri Economici del Presidente degli Stati Uniti e di membro del Comitato dei Governatori della Federal Reserve.
Ben Bernanke si è laureato in economia nel 1975 ad Harvard e 4 anni più tardi ha conseguito un dottorato al Mit (Massachusetts Institute of Technology).

Professore di Economia e Affari Pubblici alla Princeton University, dal 1996 al 2002 è stato Presidente del Dipartimento di Economia.

Nel 2004 è diventato Presidente del Comitato dei Consiglieri Economici del Presidente degli Stati Uniti e membro del Comitato dei Governatori della Fed.

Nel 2005, l’allora Presidente Usa George W. Bush ha nominato Bernanke alla successione di Alan Greenspan come Presidente della Federal Reserve. Bernanke è entrato ufficialmente in carica nel 2006.

Nel 2009 l’attuale Presidente Barack Obama lo ha riconfermato fino al 2014, quando è stato sostituito dall'attuale Presidente della Federal Reserve, Janet Yellen.

Ben Bernanke è autore di numerosi articoli, libri e testi di finanza ed economia. Ha ricevuto anche borse di studio e premi, tra cui il Guggenheim Fellowship e la Sloan Fellowship Econometric Society.

Nel 2009 è stato eletto Persona dell'anno 2009 dalla prestigiosa rivista Time.

Nel 2011 è stato incluso nella lista redatta dallo staff del Jerusalem Post, dei dieci ebrei più influenti del mondo.

E' sposato con Anna Friedmann dal 1978.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Ben Bernanke | Comitato dei governatori | George W. Bush | Barack Obama | Stati Uniti d'America | Fed | Harvard | MIT | Janet Yellen | Alan Greenspan | Anna Friedmann |

Ultime notizie su Ben Bernanke

    Powell: Fed pronta a cambiare rotta sui tassi

    La Fed è pronta a cambiare strada. Se le condizioni finanziarie dovessero diventare troppo restrittive - e quindi, se la Borsa dovesse scendere ancora - la politica monetaria potrebbe anche prendere una pausa. Al momento non ci sono però le condizioni. Il presidente della Federal reserve Jim

    – di Riccardo Sorrentino

    Il crollo di Apple (-10%) travolge Wall Street. Corsa a oro e yen, balzo dello spread

    L'aria di tempesta su Wall Street contagia le Borse europee: con l'eccezione di Milano e Londra (che limitano le perdite), i listini pagano il taglio delle stime di Apple sul trimestre ottobre-dicembre e con esso i timori per un rallentamento della congiuntura globale. Chiusura in forte calo a New

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

    Perché la Fed deve proseguire la stretta nonostante le picconate di Trump

    Donald Trump continua a protestare: per il presidente degli Stati Uniti, un altro rialzo dei tassi sarebbe davvero un errore. La Federal reserve ha però previsto almeno un altro ritocco del costo ufficiale del credito entro fine anno e per questo motivo gli analisti si aspettano che i tassi

    – di Riccardo Sorrentino

    Esiste un volto buono del populismo?

    L'autore di questo post è Tammaro Terracciano, Ph.D. candidate presso lo Swiss Finance Institute di Ginevra. La sua maggiore area di interesse è la macroeconomia internazionale - Sentiamo quotidianamente parlare dei populismi, ma cosa ne sappiamo veramente? Sono tutti uguali? Sicuramente hanno dei tratti comuni, ma al contempo presentano delle grosse differenze. Proviamo a fare un po' di chiarezza. In genere un movimento populista teorizza l'esistenza di un popolo, inteso come un unicum con un...

    – Econopoly

    I dazi di Trump, il rialzo dei tassi e il rischio di un contagio cinese

    Quando la Cina alla fine attraverserà un'inevitabile fase di "crescita recessiva" (incremento modesto del Pil con aumento della disoccupazione) - che quasi sicuramente, dato il massiccio indebitamento dell'economia, sarà amplificata da una crisi finanziaria - in che modo questo inciderà sul resto

    – di Kenneth Rogoff

    Tutti gli errori fatti nel salvataggio di Lehman Brother che hanno portato al populismo

    Alcuni commentatori hanno scritto che il fallimento di Lehman Brother provocò una recessione economica di tali dimensioni che portò a sua a volta un duro attacco alla sopravvivenza stessa della classe media occidentale e alla successiva nascita dei movimenti populisti. Per questo è molto importante analizzare l'importante ricostruzione di quei drammatici momenti con l'ammissione degli eventuali errori fatti avvenuta recentemente al Brookings Insititute a New York in occasione del decennale di qu...

    – Vittorio Da Rold

    Tassi Fed, il sorpasso (inutile) sull'inflazione

    Alla fine è successo: da ieri i tassi di interesse nominali della banca centrale americana (Fed) saranno superiori al tasso di inflazione: per la prima volta dopo dieci anni, i tassi di interesse reali torneranno a essere positivi, cioè normali. Peccato che la notizia sia totalmente irrilevante,

    – di Donato Masciandaro

1-10 di 1845 risultati