Ultime notizie:

Belstaff CEO

    • News24

    Bally «rinfresca» collezioni e retail

    «Il vero lusso, l'artigianalità che serve a un marchio di alta gamma come Bally? Si trova solo in Italia». Parola di Pablo Coppola, da meno di un anno direttore creativo dello storico marchio, nato in Svizzera nel 1851. «Ho la fortuna di avere a disposizione uno degli archivi più grandi e meglio

    – Giulia Crivelli

    • Agora

    Flash: Labelux designa Ceo di Belstaff Harry Slatkin (ex Wall Street) e coopta Tommy Hilfiger

    Chi snobba Labelux dovrà ricredersi. Da pochi minuti è arrivata la notizia che Reinhard Mieck, Ceo di Labelux Group (controllata dalla ricchissima famiglia austriaca Reimann), ha designato Ceo della neoacquisita Belstaff Harry Slatkin, ex director di Bear Stearns, che aveva lasciato Wall Street a inizio anni '90 per fondare la Slatkin & Co., specializzata in home fragrance, numero uno nel segmento lusso e licenziataria del segmento per Ralph Lauren, Christian Dior e Martha Stewart tra gli altri....

    – Paola Bottelli

    • News24

    Jimmy Choo passa agli austriaci di Labelux

    Il nuovo gruppo del lusso che non t'aspetti. Potrebbe essere austriaco - e non italiano - il rivale prossimo venturo dei colossi francesi Lvmh e Ppr. Domenica

    – di Giulia Crivelli

    • Agora

    Labelux rileva Jimmy Choo pagando 3,3 volte i ricavi

    Ecco i dettagli dell'operazione di acquisizione di Jimmy Choo da parte di Labelux, che vi ho anticipato ieri (vi siete accorti che abbiamo battuto un'altra volta il Wwd?). Secondo Bloomberg, Labelux ha pagato a TowerBrokk Capital Partners oltre 500 milioni di sterline, pari a 3,3 volte i ricavi del 2010. Per TowerBrook si tratta di una valorizzazione di oltre 3 volte l'investimento iniziale: erano 185 milioni di sterline nel 2007 quando rilevò l'azienda dalla fondatrice Tamara Mellon, che contin...

    – Paola Bottelli

    • Luxury 24

    Jimmy Choo passa agli austriaci di Labelux

    La società controllata dalla famiglia tedesca Reimann ha acquistato dal fondo di private equity inglese Towerbrook il marchio di calzature per 500 milioni di sterline

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Bally «rinfresca» collezioni e retail

    «Il vero lusso, l'artigianalità che serve a un marchio di alta gamma come Bally? Si trova solo in Italia». Parola di Pablo Coppola, da meno di un anno direttore creativo dello storico marchio, nato in Svizzera nel 1851. «Ho la fortuna di avere a disposizione uno degli archivi più grandi e meglio