Aziende

Bayer

Fondata in Germania nel 1863 da Friedrich Bayer e dal suo socio Johann Friedrich Weskott, la Bayer Ag è oggi una dalle società farmaceutiche più importanti del mondo.

A partire dal 2003 l’azienda con sede a Leverkusen ha riorganizzato il suo business farmaceutico e non, che oggi fa capo alla holding Bayer Ag che è quotata a Francoforte, Londra e New York. Dal punto di vista produttivo invece le attività di Bayer sono oggi suddivise in tre società operative, ognuna delle quali rappresenta uno dei principali settori di business (Bayer HealthCare per la salute, Bayer CropScience per la nutrizione e Bayer MaterialScience per i materiali innovativi) e in altre tre società di servizi, ovvero Bayer Business Services (centro di competenza per servizi finanziari e amministrativi), Currenta (servizi per i poli produttivi in Germania) e Bayer Technology Services (servizi tecnologici).

Famosa nel mondo come l’azienda dell’aspirina, Bayer opera da sempre nell’area farmaceutica e oggi, anche in seguito all'acquisizione di Schering, offre una vasta gamma di farmaci specializzati in diverse aree terapeutiche, dalla cardiologia alla diagnostica. Nel settore dei farmaci da automedicazione Bayer è ai primi posti in Italia ed Europa grazie alla gamma di prodotti analgesici e antinfiammatori, multivitaminici, preparati contro malattie da raffreddamento e tosse. Tra questi c’è proprio Aspirina, ma ci sono anche Citrosodina, Alka Seltzer, Supradyn e Saridon.

Nel 2002, con l’acquisizione della Aventis CropScience è stata fondata la Bayer CropScience, società che è oggi una delle più innovative del settore agrochimico e che opera nel business della protezione delle piantagioni, sviluppando pesticidi non agricoli e biotecnologia di semi e piante.

Nel settembre del 2016, dopo lunghe trattative, il colosso tedesco ha messo a segno l'acquisizione da 66 miliardi dollari della multinazionale di biotecnologie agrarie Monsanto. Si tratta della la maggior acquisizione estera mai realizzata da un'azienda tedesca.

Ultimo aggiornamento 14 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sanità | Business | Friedrich Bayer | Aventis | Johann Friedrich Weskott | Europa |

Ultime notizie su Bayer

    Piazza Affari interrompe il rally di Natale e chiude a -0,44%, corre Wall Street

    Dopo una settimana brillante, che ha visto Piazza Affari in crescita del 3% circa, i listini sono fiacchi, nonostante il rialzo di Wall Street, sostenuta dal rally di Boeing. A Milano ancora protagonista Nexi, corre Banca Generali al ritorno sul Ftse Mib,occhi su Mediaset. Ma è il nuovo scontro tra Autostrade per l'Italia e il Governo a tenere banco

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Borse alla finestra con Wall Street inchiodata, neanche Fca regala spunti

    Indici poco mossi dopo i recenti massimi. La Borsa americana guarda al voto della Camera sull'impeachment di Trump. Tiene banco in Borsa la maxi-fusione tra i due gruppi dell'auto. A Piazza Affari bene Poste Italiane ed Exor, in coda ancora Nexi. Spread chiude a 158 punti, uno più della vigilia, petrolio poco mosso. Ancora in calo la sterlina, scende anche l'euro

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Addio Anna Karina, icona della Nouvelle Vague

    A 79 anni si è spenta la musa di Jean-Luc Godard, regista con cui è stata sposata per sette anni e con cui ha realizzato diversi film memorabili

    – di Andrea Chimento

    Gianluca racconta Indigo.ai: uno studio di AI conversazione che disegna tecnologie di linguaggio ed esperienze conversazionali

    Qualche settimana fa durante il Digital Design Days Milano ho avuto il piacere di ascoltare l'intervento di Gianluca Maruzzella Co-founder e CEO di Indigo.ai uno studio di AI conversazionale che progetta e costruisce assistenti virtuali, tecnologie di linguaggio ed esperienze conversazionali. Conosciamo insieme al sua storia! Gianluca raccontami un pò di te! «Sono nato a Napoli e - subito dopo la maturità - mi sono trasferito a Milano per frequentare Ingegneria Gestionale al Politecnico di Mil...

    – Gloria Chiocci

    Xi: «Vogliamo l'intesa con gli Usa»

    Leggero sollievo sui mercati, dopo le crescenti preoccupazioni sulla attesa «fase uno» dell'accordo commerciale in negoziazione. Tuttavia si moltiplicano le frizioni tra Washington e Pechino: tensioni nel Mar Cinese Meridionale.

    – di Stefano Carrer

    Un nuovo logo e un nuovo sito per i vent'anni di Radio 24

    Tra i 45.000 contributi presentati all'iniziativa @crealogo lanciata in occasione delle celebrazioni del ventennale, la giuria composta da Fabio Tamburini, Federico Silvestri, Sebastiano Barisoni, Marco Gay e Pietro Maestri ha selezionato la proposta di Giovanni Burrascano, 38enne torinese, a cui è stato assegnato un premio di 15.000 euro

    Wto, rischio recessione e Brexit affondano le Borse. Spread balza a 153

    Gli istituti tedeschi tagliano le stime sulla crescita della Germania, dopo che ieri i dati sull'attività manifatturiera negli Stati Uniti scesi ai minimi da 10 anni hanno messo in allarme gli investitori. Male anche Wall Street. Occhi puntati sulla Gran Bretagna, con il premier Johnson ha presentato la sua ultima offerta per la Brexit. Spread sopra 150 punti, petrolio in forte calo dopo rialzo scorte Usa

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

1-10 di 797 risultati