Persone

Bashar al-Assad

Bashar al-Assad (nato a Damasco nel 1965) è il presidente della Siria.

Laureato in medicina a Damasco e con una specializzazione in oftalmologia a Londra Bashar, figlio dell’ex presidente Hafiz al-Assad, ha preso il posto del padre alla guida del Paese il 17 luglio del 2000. E’ stato riconfermato per un terzo mandato di 7 anni nelle prime elezioni multipartitiche del 2014 con l’88% di preferenze.

L’autocrate anti Israele, appoggiato da Iran e Russia, dal giorno del suo insediamento ha mantenuto il potere reprimendo militarmente ogni dissenso.

Dal 2012 è in corso in Siria una guerra civile, sostenuta per procura da diversi Paesi arabi, (Turchia, Iran, Arabia Saudita) iniziata dopo le proteste della primavera araba. Nel Paese si scontrano da allora l’esercito di regime, i curdi che aspirano all’indipendenza, i ribelli che vogliono detronizzare Assad, e i combattenti dell’Isis.

Bashar Al Assad, di fede alawita (un gruppo sciita) è sposato ad Asma - nata, cresciuta e laureata a Londra da facoltosi genitori siriani- e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Bashar al-Assad

    Siria, Trump ordina di togliere le sanzioni contro la Turchia

    Il presidente russo Vladimir Putin e Assad si erano sentiti al telefono dopo che il primo aveva raggiunto con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan l'intesa in dieci punti. Cremlino minaccia i curdi: andateve o sarete spazzati via. Donald Trump si era detto «completamente preparato» a un'azione militare contro la Turchia se «necessario» ma il suo amabasciatore Nato frena

    Siria, perché Assad va in soccorso ai miliziani curdi

    Per la prima volta dallo scoppio della guerra, si va verso lo scontro diretto tra l'esercito siriano e quello turco. Al-Assad ha colto la palla al balzo per stringere una nuova alleanza con le milizie curde, con l'obiettivo di frenare l'avanzata di Erdogan sul suo territorio

    – di Roberto Bongiorni

    Siria, una tragedia lunga un secolo con troppi responsabili

    I numeri sono inesatti, inadeguati, quasi 'offensivi'; un bilancio vero e proprio non si può fare. Nel 2014, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (UNHCHR), aveva annunciato addirittura di non poter più fornire cifre ufficiali e affidabili sui morti della guerra in Siria. Adesso, dovremmo accogliere in compartecipazione emotiva le parole dell'Alto Rappresentante per la Politica Estera dell'UE, Federica Mogherini, secondo la quale "chiediamo alla Turchia di fermare gli atta...

    – Francesco Mercadante

1-10 di 602 risultati