Persone

Bashar al-Assad

Bashar al-Assad (nato a Damasco nel 1965) è il presidente della Siria.

Laureato in medicina a Damasco e con una specializzazione in oftalmologia a Londra Bashar, figlio dell’ex presidente Hafiz al-Assad, ha preso il posto del padre alla guida del Paese il 17 luglio del 2000. E’ stato riconfermato per un terzo mandato di 7 anni nelle prime elezioni multipartitiche del 2014 con l’88% di preferenze.

L’autocrate anti Israele, appoggiato da Iran e Russia, dal giorno del suo insediamento ha mantenuto il potere reprimendo militarmente ogni dissenso.

Dal 2012 è in corso in Siria una guerra civile, sostenuta per procura da diversi Paesi arabi, (Turchia, Iran, Arabia Saudita) iniziata dopo le proteste della primavera araba. Nel Paese si scontrano da allora l’esercito di regime, i curdi che aspirano all’indipendenza, i ribelli che vogliono detronizzare Assad, e i combattenti dell’Isis.

Bashar Al Assad, di fede alawita (un gruppo sciita) è sposato ad Asma - nata, cresciuta e laureata a Londra da facoltosi genitori siriani- e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Bashar al-Assad

    Ucraina, chi si ricorda più della guerra? Reportage dal fronte dimenticato d'Europa

    Anche se Putin afferma che la Crimea ha sempre fatto parte della Russia, il suo operato in Ucraina rientra nell'elenco sempre più lungo delle accuse che gli sono mosse, tra le quali l'interferenza nelle elezioni degli Stati Uniti, l'intervento militare a sostegno del regime di Bashar Al-Assad in Siria, e gli attentati con gas nervino contro un ex agente russo che faceva il doppio gioco a Salisbury in Gran Bretagna.

    – di Roman Olearchyk e Davide Bond

    Il multilateralismo è finito?

    Nella fase immediatamente successiva alla sua elezione alla presidenza degli Stati Uniti, ci si era giustamente domandati se Donald Trump si sarebbe rivelato «tutto fumo e niente arrosto» una volta assunta la carica. Per varie ragioni, molti erano convinti che la sua personalità e le sue

    – di Zaki Laïdi

    Denuclearizzazione sì, ma per tutti

    Esistono due tipi di politica estera: una basata sul principio della "legge del più forte" e una basata sullo stato di diritto internazionale. Gli Stati Uniti vogliono seguire entrambi i criteri: ritenere gli altri Paesi responsabili di fronte al diritto internazionale, e allo stesso tempo non

    – di Jeffrey Sachs

    Viaggio tra le diverse anime di Beirut nel giorno di un voto chiave per il Medioriente

    Beirut - Dahieh, la roccaforte degli sciiti di Hezbollah. Ghobeiry, quartiere sunnita vicino al premier Saad Hariri. Ashrafieh, il cuore pulsante dell'area cristiana. Il nostro viaggio tra le diverse anime di Beirut inizia la mattina presto. La capitale del Libano si presenta con un aspetto

    – dal nostro inviato Roberto Bongiorni

    Quand'è che gli Stati possono ricorrere alla forza?

    I recenti attacchi missilistici di Stati Uniti, Regno Unito e Francia contro le basi militari siriane in risposta al presunto impiego di armi chimiche da parte del governo nella città di Douma, controllata dai ribelli, hanno riproposto la domanda sull'accettabilità dell'uso della forza contro uno

    – di Gareth Evans

    «Buone notizie» da Kim, ma è l'Iran il fronte caldo della politica estera Usa

    «Very good news», «Big progress?for all!». Davvero una bella notizia, un grande progresso per tutti. Con l'ormai consueta immediatezza, Donald Trump ha manifestato entusiasmo via twitter alle ultime notizie da Pyongyang, dichiarandosi ansioso di realizzare il previsto incontro con Kim Jong-un. Un

    – di S. Carrer e M. Valsania

1-10 di 595 risultati