Aziende

Basf

Basf Se è una delle più importanti compagnie chimiche al mondo. Con sede a Ludwigshafen, in Germania controlla 6 società e possiede due holding di partecipazione. Opera nel settore dei prodotti chimici, vernici, poliuretani, prodotti per l’agricoltura, lastre di polistirene estruso, prodotti di nobilitazione, prodotti chimici per l’edilizia, catalizzatori e metalli preziosi per catalizzatori.

Dotata di più di 150 siti produttivi dislocati in 41 Paesi tra cui Europa, Asia, Nord e Sud America, Basf Se conta 160 tra filiali e joint venture. La società impiega più di 95.000 persone, di cui più di 47.000 solo in Germania, ha clienti in più di 170 Paesi e fornisce 8.000 prodotti ad alcuni settori dell'industria. E' quotata alle Borse di Londra, Zurigo e Francoforte.

La società è nata nel 1865 e da allora si è affermata a livello internazionale. Per Basf Se, l’Italia rappresenta il terzo mercato a livello mondiale.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Prodotto chimico | Basf Se | Borsa di Londra | Europa | Borsa di Francoforte |

Ultime notizie su Basf

    Così il doppio registro della Germania condiziona la politica estera europea

    E infine Angela Merkel: in quindici anni al potere ha compiuto tredici visite ufficiali accompagnando, ad esempio, l'ultimo progetto d'investimento della Basf, 10 miliardi per realizzare il suo più grande impianto di produzione al mondo – più grande di quello del quartier generale a Ludwigshafen.

    – di Attilio Geroni

    Germania protagonista degli investimenti esteri in Cina: numeri e strategie

    «Quella della parità di accesso è un cavallo di battaglia delle aziende tedesche, in particolare, e di quelle europee in generale – dice Joerg Wuttke, presidente della Camera di commercio europea in Cina e vicepresidente di Basf China... Basf ha firmato un accordo per costruire un nuovo impianto chimico nel Guangdong da circa 10 miliardi di euro e ha annunciato piani per potenziare un sito di Nanchino.

    – di Rita Fatiguso

    Investimenti, perché le Borse premiano azioni e indici sostenibili

    Tra gli esclusi troviamo molte società industriali, come gli aerospaziali Airbus e Thales o il produttore di pneumatici Continental; i chimici Lanxess e Basf, ma non Akzo Nobel; quasi tutto il comparto auto (Fca, Ferrari, Volkswagen, Daimler, Peugeot) con poche eccezioni, tra le quali Renault; le banche principali, eccetto Intesa (Commerzbank, UniCredit, Bnp); i petroliferi, da Total a Eni a Tenaris, ma non la finlandese Neste, che è anche tra le azioni salite di più negli ultimi tre anni.

    – di Marzia Redaelli

    Riparte la corsa delle start up La Campania sorpassa il Veneto

    «Collaboriamo con Italcementi e Basf - spiega il fondatore e Chief Technology Officer Costantino Menna - ma devo dire che il 2020 è un anno importante in termini di contatti, di richieste da parte del mercato».

    – di Luca Orlando

    Frontiera chimica verde

    Negli ultimi 30 anni ridotte del 60% le emissioni di gas serra e migliorata del 55% l'efficienza energetica. I casi delle imprese virtuose

    – di Jacopo Giliberto

    Chimica Ue in frenata (-5,2%), serviranno due anni per tornare ai livelli pre Covid

    Passaggio di testimone alla guida del Cefic: l'ad di Versalis (Eni), Daniele Ferrari, lascia la presidenza al ceo di Basf, Martin Brudermueller: «Senza la chimica non è possibile nessun green deal. La sfida è mantenere il settore competitivo mentre attraversa questa enorme trasformazione»

    – di Cristina Casadei

1-10 di 249 risultati