Aziende

Banco Bpm

Il Gruppo Banco BPM nasce il 1° gennaio 2017 dalla fusione di due grandi banche popolari, Banco Popolare – Società Cooperativa e Banca Popolare di Milano che a seguito della trasformazione in Società per Azioni, hanno dato vita a una nuova realtà bancaria.

Il gruppo con 25.000 dipendenti e 2.500 filiali rappresenta il terzo gruppo bancario in Italia (dopo Intesa San Paolo e Unicredit) , serve 4 milioni di clienti attraverso una rete distributiva operante nel Nord Italia, in particolare in Lombardia, Veneto e Piemonte. Fanno parte del gruppo:

Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Verona,

Banca Popolare di Novara, Banca Popolare di Lodi, Credito Bergamasco, Banco S.Geminiano e S.Prospero, Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno, Banca Popolare di Cremona, Banca Popolare di Crema, Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, Banco San Marco, Banca Popolare del Trentino, Cassa di Risparmio di Imola, Banco Popolare Siciliano, Banca Aletti, Banca Akros, ProFamily.

Banco BPM nasce con un capitale sociale pari a Euro 7.100.000.000,00, rappresentato da n.

1.515.182.126 azioni ordinarie prive di valore nominale.

Il debutto delle azioni Banco BPM sul mercato telematico Azionario di Borsa Italiana S.p.A. è avvenuto il 2 gennaio 2017. Presidente del gruppo è Carlo Fratta Pasini, l' ad è Giuseppe Castagna.

Ultimo aggiornamento 03 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Gruppo Banco BPM | Banco Popolare | Banca Popolare di Milano | Banca Akros | Banco di Chiavari e della Riviera Ligure | Borsa Italiana | Banca Aletti | Italia del Nord | Società per Azioni | Intesa Sanpaolo | Giuseppe Castagna | Banca Popolare di Crema | Banca Popolare di Cremona | Carlo Fratta Pasini |

Ultime notizie su Banco Bpm

    Sfida alla speculazione con lo scudo anti-spread

    Quando a Bruxelles e a Francoforte si parla di banche italiane, c'è sempre la tendenza a evidenziarne solo le debolezze. Il recente balzo dei tassi e il carico eccessivo di BTp in portafoglio hanno persino peggiorato il vizio. Quello che nessuno dice, però, è che per quanto "arretrate" nei loro

    – di Alessandro Plateroti

    Stress test, per i broker il quadro delle banche in Italia è confortante

    ...rispetto a Ubi e Banco Bpm e che quindi dovrebbero vedersi confermati o ridotti i livelli di Srep 2019 (cioè i requisiti patrimoniali minimi indicati dal processo di valutazione della Vigilanza Bce). ...i test per Ubi e Banco Bpm risentano dell'utilizzo del 2017 come anno base di partenza che contabilizzava costi straordinari per entrambi gli istituti.

    – di Andrea Fontana

    Piazza Affari chiude la settimana a +3,8%. Sullo spread si allenta la tensione

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui i listini), che tuttavia hanno bruscamente frenato sul finale, risentendo dell'andamento debole di Wall Street. Sul mercato Usa ha pesato il crollo di Apple, i dubbi su un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina, il deficit commerciale salito

    – di Eleonora Micheli

    Piazza Affari svetta con lo spread sotto 300. Petrolio ai minimi da 7 mesi

    Chiusura contrastata per le Borse europee, che hanno registrato un andamento volatile per il clima festivo per Ognissanti. Nonostante Wall Street abbia continuato a recuperare terreno per la terza seduta consecutiva, gli investitori hanno puntato i riflettori sul petrolio, che si è addirittura

    – di Eleonora Micheli

    Piazza Affari (+0,2%) in coda all'Europa, spread in calo a 305

    Chiusura in vivace rialzo per le Borse europee, incoraggiate anche dal recupero di Wall Street. Milano, tuttavia, è rimasta indietro, con il FTSE MIB in rialzo solamente dello 0,27%. Piazza Affari ha risentito dei dati macro deludenti: dopo quello sul pil del terzo trimestre di ieri, la cui

    – di Eleonora Micheli

    Piazza Affari in apnea, lo spread sale a 311. Wall Street chiude in rialzo

    Chiusura debole per le Borse europee con l'Italia che ancora una volta è fonte di preoccupazione visto che l'economia italiana nel terzo trimestre 2018 ha accusato una battuta d'arresto con crescita zero, ponendo fine a un periodo di espansione iniziato oltre tre anni fa. Il dato sul pil ha posto

    – di Eleonora Micheli

1-10 di 591 risultati