Aziende

Banca Popolare di Vicenza

La Banca Popolare di Vicenza è stata fondata a Vicenza nel 1866 ed è la prima Banca Popolare nata in Veneto.

Nel 2015 iniziano le indagini della Guardia di Finanza sull’istituto vicentino e il presidente Gianni Zonin si dimette nel novembre di quell’anno.

Il 5 marzo 2016 l’assemblea delibera la trasformazione in Società per azioni, l’aumento di capitale e la quotazione in borsa. Tuttavia, la mancata sottoscrizione dell’aumento da parte della stragrande maggioranza dei soci costringe il Fondo Atlante a intervenire per assicurare comunque la necessaria ricapitalizzazione della banca. A questo punto, dal momento che il socio principale possiede oltre il 99% delle azioni, la quotazione in borsa viene revocata per la mancanza del flottante necessario.

La Popolare di Vicenza che ha registrato 1,9 miliardi di perdita nel 2016 è guidata dal 6 dicembre da Fabrizio Viola (ex manager di Monte dei Paschi di Siena) . Viola nella stessa data è stato cooptato da Veneto Banca come consigliere dell'istituto e presidente del comitato strategico con delega al progetto di fusione delle due ex popolari.

Il 21 giugno 2017 Intesa San Paolo ha acquistato a 1 euro Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca senza farsi carico dei crediti deteriorati.

Ultimo aggiornamento 22 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Mercati finanziari | Banca Popolare di Vicenza | Aumento di capitale | Gianni Zonin | Società per Azioni | Borsa Valori | Guardia di Finanza | Atlante | Veneto |

Ultime notizie su Banca Popolare di Vicenza

    Banca Ifis rileva il 70,77% di Farbanca

    Si tratta dell'istituto dedicato al mondo della farmacia e della salute, ultimo asset in vendita della commissariata ex Popolare di Vicenza

    Oltre il debito, il nuovo fronte dell'Italia a Bruxelles: la libera concorrenza

    Negli ultimi 20 anni, l'Italia è stata nell'Unione europea l'ultima della classe in termini di finanza pubblica, esclusa la Grecia che è quasi fallita. Il capitolo è noto, e non serve ricordare l'elevato debito pubblico, aumentato da quando la moneta unica ha visto la luce, nonostante le tante promesse fatte ai nostri partner europei. Ormai è chiaro in questa fine d'anno che anche su un altro fronte l'Italia sembra essere sempre più in ambascia nel rispettare le regole: la libera concorrenza. D...

    – Beda Romano

    Cattolica la peggiore di Piazza Affari dopo il blitz del cda su Minali

    Ieri il board ha revocato le deleghe al manager e le ha assegnate al direttore generale, Ferraresi. Le azioni sono tornate di nuovo sui livelli dell'autunno 2017, prima del rally innescato dall'ingresso di Warren Buffet, che detiene una quota attorno al 9%

    – di Eleonora Micheli

    Espansione a Nordest con l'apertura di filiali a Vicenza e Treviso

    Guarda a crescere in tutto il Nord-Est, Cassa di Risparmio di Bolzano. La Sparkasse, forte di una leadership consolidata nell'Alto Adige (dove controlla circa il 20 per cento del mercato, grazie a 60 filiali nella provincia di Bolzano, a cui si aggiungono le 13 a Trento) punta a sviluppare la

    – di L.D.

    Rimborsi banche, tutti i dubbi dei risparmiatori

    Le due associazioni di risparmiatori indicate come le più vicine ai partiti di Governo, paradossalmente, si sono rifiutate di aderire all'accordo alla presenza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del ministro dell'Economia Giovanni Tria. Il dato può apparire curioso, eppure va

    – di Stefano Elli

    Banche, passa linea Tria: rimborsi automatici per i redditi sotto ai 35mila euro

    Per accedere automaticamente ai rimborsi i risparmiatori penalizzati dalle crisi bancarie dovranno avere un reddito Irpef entro i 35 mila euro o un patrimonio finanziario complessivo di 100.000 euro. Gli altri avranno i rimborsi tramite un arbitrato tipizzato e semplificato. E' previsto un diritto

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 619 risultati