Aziende

Banca Popolare di Vicenza

La Banca Popolare di Vicenza è stata fondata a Vicenza nel 1866 ed è la prima Banca Popolare nata in Veneto.

Nel 2015 iniziano le indagini della Guardia di Finanza sull’istituto vicentino e il presidente Gianni Zonin si dimette nel novembre di quell’anno.

Il 5 marzo 2016 l’assemblea delibera la trasformazione in Società per azioni, l’aumento di capitale e la quotazione in borsa. Tuttavia, la mancata sottoscrizione dell’aumento da parte della stragrande maggioranza dei soci costringe il Fondo Atlante a intervenire per assicurare comunque la necessaria ricapitalizzazione della banca. A questo punto, dal momento che il socio principale possiede oltre il 99% delle azioni, la quotazione in borsa viene revocata per la mancanza del flottante necessario.

La Popolare di Vicenza che ha registrato 1,9 miliardi di perdita nel 2016 è guidata dal 6 dicembre da Fabrizio Viola (ex manager di Monte dei Paschi di Siena) . Viola nella stessa data è stato cooptato da Veneto Banca come consigliere dell'istituto e presidente del comitato strategico con delega al progetto di fusione delle due ex popolari.

Il 21 giugno 2017 Intesa San Paolo ha acquistato a 1 euro Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca senza farsi carico dei crediti deteriorati.

Ultimo aggiornamento 22 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Mercati finanziari | Banca Popolare di Vicenza | Aumento di capitale | Gianni Zonin | Società per Azioni | Borsa Valori | Guardia di Finanza | Atlante | Veneto |

Ultime notizie su Banca Popolare di Vicenza

    Anche Corrado Passera in campo per il salvataggio della pasta veneta Zara

    Ha debiti complessivi per oltre 300 milioni: un debito finanziario lordo di 241 milioni, di cui 178 milioni nei confronti di varie banche e in particolare 73 milioni riferibili ad affidamenti ottenuti da Banca Popolare di Vicenza e da Veneto Banca, debiti finiti alla Sga.

    – Carlo Festa

    Quattro offerte per Pasta Zara. In corsa anche Corrado Passera

    Ha debiti complessivi per oltre 300 milioni: un debito finanziario lordo di 241 milioni, di cui 178 milioni nei confronti di varie banche e in particolare 73 milioni riferibili ad affidamenti ottenuti da Banca Popolare di Vicenza e da Veneto Banca, debiti finiti alla Sga.

    – di Carlo Festa

    Def, ai risparmiatori truffati dalle banche rimborsi per 1,5 miliardi

    Un maxi “Fondo di rimborso” per risarcire i risparmiatori di Veneto Banca, Banca Popolare di Vicenza e delle 4 banche dell'Italia centrale, con una ricca dote da 1,5 miliardi di euro. ...nel giugno 2017 (Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca).

    – di Marco Mobili

    Una sentenza potrebbe aiutare la causa dei risparmiatori delle banche venete

    Una carta in più per i risparmiatori potrebbe arrivare dalla doppia sentenza della Corte di giustizia sull'accesso agli atti ispettivi delle autorità di vigilanza finanziaria; un fatto che potrebbe avere un impatto sensibile sui casi già aperti davanti ai tribunali della penisola, inclusi quelli legati a Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Sul fronte dei crack bancari, ora i risparmiatori puntano agli atti secretati per accedere ai documenti finora "iper protetti" dalle regole del Tuf (il t...

    – Barbara Ganz

    Banche venete e in risoluzione: al via la procedura per avviare i rimborsi

    ...nel giugno 2017 (Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca). ... Le domande possono essere presentate anche dai risparmiatori che abbiano sottoscritto titoli emessi da Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca tramite le loro rispettive controllate, Banca Nuova e Banca Apulia.

    Ex popolari, sale l'attesa dei soci. In Veneto quasi 5 miliardi in fumo

    «Sappiamo che aspirare a risarcimenti del 100% sarebbe illogico, basterebbe arrivare a una cifra dignitosa, come non si è fatto finora». Don Enrico Torta è il parroco di Dese, Venezia, che da quattro anni affianca i comitati dei risparmiatori travolti dal fallimento delle banche venete. «Quattro

    – di Barbara Ganz

    Intesa Sp, conti oltre attese con utile a +25,4%. Ma il mercato non festeggia

    Intesa ha chiuso il primo semestre del 2018 con un utile netto di 2,179 miliardi, in crescita del 25,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (escludendo dai risultati di allora il contributo pubblico cash da 3,5 miliardi per l'acquisto degli asset della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca).

    – di E. Miele e P. Paronetto

    L'Italia scelga: Milano o Roma, apertura o chiusura, merito o arretratezza

    Oh Milano, sono contento che ci sei. Vincenzo dice che sei fredda, frenetica senza pietà ma è cretino e poi vive a Roma, che ne sa? Alberto Fortis, "Milano e Vincenzo" Nei giorni scorsi è stato presentato a Milano il rapporto della Banca d'Italia sull'economia della Lombardia. Mentre il direttore della sede milanese Giuseppe Sopranzetti illustrava i buoni dati del 2018 e spiegava le ragioni della vivacità della congiuntura - a fronte del contesto politico nazionale che stiamo vivendo - mi sono ...

    – Beniamino Piccone

1-10 di 592 risultati