Aziende

Banca Popolare di Milano

La Banca Popolare di Milano (Bpm) è stato uno storico istituto di credito italiano: fondato nel capoluogo lombardo nel 1865.Quotata in borsa dal 1994, Banca Popolare di Milano ha annoverato oltre 48mila soci, pari a più della metà degli azionisti, ed è stato a capo di un gruppo composto da tre reti bancarie integrate (Banca Popolare di Milano, Banca di Legnano e Cassa di Risparmio di Alessandria).

Il 1°gennaio del 2017 la Bpm si è fusa con il Banco Popolare trasformandosi in Banco BPM S.p.A., terzo gruppo bancario italiano.

La fondazione della Banca Popolare di Milano risale ai primi anni dell’Unità d’Italia: su iniziativa di Luigi Luzzatti, trecentocinquanta cittadini di ogni ceto diedero vita a una cooperativa di credito in grado di assicurare ai propri soci i mezzi necessari alla loro impresa.

Ultimo aggiornamento 02 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Mercati finanziari | Risparmio personale | Istituto di credito | Banca Popolare di Milano | Socio | Luigi Luzzatti | Borsa Valori | Lombardia | Banco Popolare | Banco BPM S.p.A. | Bpm |

Ultime notizie su Banca Popolare di Milano

    Globalisti e sovranisti alla conferenza di pace di Versailles (e l'Italia isolata)

    Sui nostri due negoziatori Indro Montanelli, in uno dei suoi volumi sulla storia d'Italia, riporta la battuta pungente di Luigi Luzzatti (fondatore della Banca Popolare di Milano ed ex presidente del Consiglio nel 1910-11): «Sonnino tacerà in tutte le lingue che sa, Orlando parlerà in tutte le lingue che non sa».

    – di Piero Fornara

    Saviola rafforza le relazioni industriali

    Mauro Saviola si lascia alle spalle la crisi e getta le basi per un nuovo premio di risultato. Il gruppo mantovano - primo produttore italiano di pannelli truciolari e tra i principali per mobili in kit - chiude l'anno con un fatturato di 600 milioni e circa 100 milioni di margine operativo lordo.

    – di Matteo Meneghello

    Borsa, investitori esteri oltre il 50%: allarme Consob sui fondi alternativi

    Lo studio cita l'acquisizione di quasi il 90% dell'Istituto centrale delle banche popolari a opera di tre fondi di private equity (2015); del controllo di DoBank (sempre nel 2015) da parte di Fortress; e l'operazione pionieristica dell'ingresso di Investindustrial, nel 2011, con quasi il 10% della Banca Popolare di Milano, accompagnata dall'introduzione di clausole statutarie volte ad attribuire particolare rilievo al fondo su nomine e governance.

    – di Antonella Olivieri

    Domande & risposte

    Inoltre aggiunge che, a fronte del procedere dell'integrazione tra la ex Banca Popolare di Milano e il Banco Popolare, sono escluse operazioni straordinarie fino a quando il piano d'impresa non avrà avuto la sua completa esecuzione.

    Più peso ai fondi, in Borsa sale la voglia di «ribaltone»

    L'offensiva del fondo Elliott su Tim, per ribaltare gli equilibri in consiglio di amministrazione e incidere sulla governance, arriva a pochi giorni di distanza da quella del fondo Capital Management su Carige per chiedere l'ingresso di propri rappresentanti nel board (richiesta per ora rifiutata).

    – di Alessandro Graziani

    Bnp Paribas, sempre più consolidatore dei servizi di banca depositaria: ora nel radar gli asset di BancoBpm

    Bnp Paribas punta a diventare consolidatore, anche in Italia, delle attività di banca depositaria. La banca transalpina, che in Italia controlla Bnp, sarebbe infatti in trattativa per rilevare i servizi di banca depositaria di BancoBpm. La valutazione sarebbe, secondo i rumors di mercato, tra i 150 milioni e i 200 milioni di euro. Del resto, l'attività di banca depositaria, eredità del Banco Popolare, è diventata meno strategica dopo la cessione di Gestielle. Bnp Paribas, che opera a livello g...

    – Carlo Festa

    De Benedetti alla Consob: «Ecco cosa mi ha detto Renzi sulle Popolari»

    «Allora, con le nostre controparti ... avevamo fatto 620 milioni, di cui le Popolari solo 5. Tutte le altre operazioni hanno il taglio di 20, ma se io avessi saputo, avrei fatto 20 anche sulle Popolari, o di più, e ho fatto meno! Cioè è una roba che è un controsenso. Cioè questa è la prova provata

    – di Lorenzo Bagnoli* e Angelo Mincuzzi

    La slavina degli Npl minaccia l'economia della Valtellina

    La cittadina elegante e silenziosa, dove la mattina di sabato scorso - negli spazi pubblici destinati agli annunci funebri - sono comparsi manifesti in cui si annuncia «La perdita dei cari risparmi». Le seconde case e gli impianti di sci in alta valle. Qui ogni cosa è composta e tenuta insieme

    – di Paolo Bricco

1-10 di 844 risultati