Aziende

Ascopiave

Ascopiave Spa è un primario operatore nella distribuzione del gas naturale. La società è partecipata da 93 comuni del Nord Est Italia e ha quote in altre 20 società attive nella vendita di gas, energia elettrica, impianti fotovoltaici ed energie alternative. La quota di maggioranza è detenuta con il 61,562% da Asco Holding S.p.A., società che annovera come soci 91 Comuni delle province di Treviso, Belluno, Pordenone e Venezia nonché le società Plavisgas S.r.l. e Bluenergy Group S.p.A.

Gruppo detiene concessioni e affidamenti diretti per la gestione dell'attività di distribuzione inoltre 200 Comuni, fornendo il servizio ad un bacino di utenza di oltre un milione di abitanti,attraverso una rete di distribuzione che si estende per oltre 8.800 chilometri.

L’azienda è nata dal Consorzio obbligatorio fra i Comuni della Marca Trevigiana facenti parte del Bacino imbrifero del Piave, fondato nel 1956. Nel 1971 è stata avviata la metanizzazione dei 34 comuni consorziati e di 58 limitrofi. Nel 1996 la società è diventata Azienda Speciale Consortile del Piave e nel 2001 l’assetto si è allargato agli attuali 93 Comuni, trasformandosi in Spa. Nel 2002 Ascopiave Spa ha acquisito 7 società distributrici di gas del Nord Italia e il Gruppo Mirant Italia Srl, attivo nello sviluppo di impianti di generazione elettrica. Nel 2006 Ascopiave Spa ha acquisito una quota di partecipazione del 15% in Ital Gas Storage Srl, attiva nello sviluppo di un sito di stoccaggio del gas in Nord Italia. Nello stesso anno l’operatore è stato ammesso alla Borsa di Milano. Nel 2007 ha assorbito il ramo di Bimetano Servizi Srl dedicato alla vendita del gas.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Comune | Ascopiave Spa | Bluenergy Group S.p.A. | Plavisgas S.r.l. | Asco Holding Spa | Borsa di Milano | Società per Azioni | Asco Holding S.p.A. | Gruppo Mirant Italia Srl | Ital Gas Storage Srl | Bimetano Servizi Srl | Nord Est Italia | Italia del Nord |

Ultime notizie su Ascopiave

    Utility, A2A e Hera in cerca di prede. Parte il risiko veneto

    Tutti soggetti che si sono già incrociati sul dossier Ascopiave, in cui alla fine l'ha spuntata proprio Hera: ora, sull'asse Verona-Vicenza, sono pronti a scendere nuovamente in campo per rafforzare la presenza in una delle Regioni più... Il primo round su Ascopiave Il primo round, sul fronte veneto, era iniziato ormai un anno fa, quando la trevigiana Ascopiave aveva avviato un percorso per la ricerca di un partner di maggioranza sulla vendita diretta di elettricità e gas per...

    – di Cheo Condina

    «Iren pronta all'M&A. In campo per Sorgenia»

    Il Ceo della multiutility, Massimiliano Bianco, sottolinea: «La società energetica è perfettamente complementare al nostro disegno industriale: da noi un'offerta forte, italiana e completa, senza alcun spezzatino»

    – di Cheo Condina

    Hera e Ascopiave volano sui massimi storici dopo l'alleanza nel Nord Est

    In una giornata particolarmente brillante per le utility in tutta Europa (+2,5% lo stoxx di settore grazie al calo dei tassi sull'obbligazionario) e anche a Piazza Affari, brillano Hera e Ascopiave, che dopo la maxi partnership nel Nord Est annunciata ieri toccano entrambe i massimi storici. Hera è

    – di Cheo Condina

    Borse euforiche, da Draghi e Trump doppio segnale di fiducia

    Chiusura in forte rialzo per le Borse europee spinte dal numero uno della Banca centrale europea, Mario Draghi, che ha aperto alla possibilità di nuovi stimoli monetari a sostegno dell'economia. Anche l'euro si è subito indebolito nei confronti del dollaro, portandosi a quota 1,1191 (da 1,122

    – di Eleonora Micheli

    Sorgenia contesa dai tedeschi di Rwe e da una cordata Eph-A2A

    I tedeschi di Rwe, i cechi di Eph in possibile cordata con A2A, alcuni fondi esteri e vari soggetti industriali italiani e stranieri. Si alza il velo sui soggetti pronti a giocare un ruolo nel riassetto di Sorgenia che, quattro anni dopo il passaggio sotto il cappello delle principali banche

    – di Cheo Condina

    Donnarumma: «Acea sarà leader nelle rinnovabili, nessun piano di fusione con Ama»

    Sulle rinnovabili, il traguardo è più che ambizioso: centrare già quest'anno i 50 megawatt acquisendo impianti fotovoltaici dal secondario e realizzandone di nuovi in grid parity per arrivare a 150 megawatt al 2022 in modo da collocarsi tra i primi operatori del settore con un investimento di 200

    – di Celestina Dominelli

1-10 di 60 risultati