Aziende

Apple

E' la famosa azienda americana con sede a Cupertino (Silicon Valley, California) che produce computer, sistemi operativi e dispositivi multimediali.

E' stata fondata nel 1976 da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne.

Conosciuta in tutto il mondo a partire dagli anni '80, grazie alla produzione del computer Macintosh, vanta la produzione di dispositivi multimediali come il lettore di musica digitale iPod, l'iPhone, lo smartphone, il tablet iPad e l'Apple Watch e di sistemi operativi come il famoso Mac OS X.

La società è quotata al mercato borsistico statunitense NASDAQ, e risulta tra quelle maggiormente capitalizzate del listino (800 miliardi di dollari a maggio 2017).

Il Ceo dell’azienda dall’agosto del 2011, alcuni mesi prima della morte di Steve Jobs, è Tim Cook.

Ultimo aggiornamento 09 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Software | Sistema operativo | Apple Watch | Cupertino | Steve Jobs | Borsa Valori | Steve Wozniak | Ronald Wayne | Formula 1 | Nasdaq | California | Persona fisica | PRA | Apple |

Ultime notizie su Apple

    Il «piano B» di Huawei: un suo sistema operativo entro l'autunno

    Il passaggio a un nuovo OS sarebbe una svolta per il mercato, oggi largamente dominato da Android, che è sul 74,85% degli smartphone seguito da iOS per i device Apple con il 22,9% (dati Statcounter). ... La storia recente è costellata di tentativi di uscire dal duopolio Google-Apple, ma tutti fallimentari.

    – di Luca Salvioli

    Fiat 500X da record: prodotte mezzo milione di unità

    La serie speciale 500X 120° è stata lanciata allo scorso Salone di Ginevra per celebrare il 120esimo anniversario del marchio Fiat ed è caratterizzata dalla livrea bicolore, per la prima volta disponibile su 500X, e dai 6 mesi di Apple Music in omaggio.

    – di Corrado Canali

    Caso Huawei: gas e "terre rare", l'arma cinese puntata su Trump

    La guerra scatenata dal presidente americano Donald Trump contro Huawei, il secondo gruppo al mondo nel settore degli smartphone (dietro a Samsung e davanti a Apple) difficilmente resterà senza risposte da parte di Pechino. ... , il secondo gruppo al mondo nel settore degli smartphone (dietro a Samsung e davanti a Apple) difficilmente resterà senza risposte da parte di Pechino.

    – di Carlo Andrea Finotto

    Fuga dai dazi: le imprese tagliano la produzione in Cina

    Apple sta spostando l'assemblaggio di iPhone di fascia alta in India, ma trovare alternative alla professionalizzata manodopera e alla logistica su cui può contare il suo fornitore per eccellenza, Foxconn, non sarà facile.

    – di Gianluca Di Donfrancesco e Marco Valsania

    L'Europa della giustizia fiscale è a portata di mano

    Se continuiamo a scontrarci con il blocco dell'unanimità nelle decisioni fiscali, è sufficiente dimostrare che un'ottimizzazione fiscale aggressiva è una distorsione della concorrenza, come ha già dimostrato la storica decisione della Commissione del 2016 di ordinare alla Apple di rimborsare all'Irlanda 13 miliardi di euro.

    – di Eva Joly

    Usa contro Huawei, Xi Jinping: pronti a un'altra Lunga Marcia

    Difficile del resto immaginare che Huawei rimanesse esposta a una simile minaccia proprio nella parte di business più rilevante: il segmento consumer – tablet ma soprattutto smartphone dove Huawei è seconda al mondo come produttore, dietro Samsung e prima di Apple – pesa per poco meno della metà dei 105 miliardi di dollari di vendite del 2018 (+19,5%) e solo nell'ultimo anno ha registrato una crescita del 45,1%.

    – di Andrea Biondi

    Toyota Aygo Connect, arriva l'utilitaria «pay per use»

    Il modello attuale già prevede la Smartphone integration con i sistemi Apple Car Play e Android Auto e a questa si aggiunge il nuovo modulo: attraverso la App MyT sarà possibile visualizzare la posizione di parcheggio e pianificare un itinerario sull'app, oppure verificare lo stato della propria vettura attraverso il controllo di diversi indicatori.

    – di Giulia Paganoni

    L'Europa e il tech, così Bruxelles indica la via agli Usa su privacy e concorrenza

    Non succede così di frequente che l'Economist, pilastro liberal dei settimanali anglosassoni, elogi l'Europa e soprattutto la Ue. Gli ultimi strappi alla regola nascono dallo stesso motivo: la capacità di Bruxelles di fissare qualche paletto allo strapotere delle multinazionali del tech

    – di Alberto Magnani

1-10 di 9872 risultati