Persone

Antonio Di Pietro

Antonio di Pietro è attualmente Presidente del partito dell'Italia dei Valori nonché deputato alla Camera.

Di Pietro è leader del partito che lui stesso ha fondato nel 2000.

Nel 2006, anche grazie al buon successo elettorale, fu nominato da Romano Prodi Ministro delle Infrastrutture. Precedentemente, era stato eletto Europarlamentare alle elezioni europee del 1999. Ancor prima, nel 1997, era stato eletto tra le fila dei Democratici al Senato della Repubblica. Di Pietro aveva già ricoperto un incarico di governo, nel 1996, come Ministro dei Lavori Pubblici, all'epoca del primo governo Prodi. Di Pietro aveva ricoperto questo incarico però solo per pochi mesi, avendo deciso di dimettersi dopo aver ricevuto un avviso di garanzia.

Prima di questi importanti sviluppi politici e istituzionali Di Pietro aveva già avuto contatti con la politica, nel corso della sua carriera di magistrato. Nel 1994 Silvio Berlusconi gli aveva offerto incarichi di governo, che però Di Pietro aveva declinato. In quel periodo Di Pietro godeva di elevatissima popolarità grazie alla notorietà conquistata come pubblico ministero dell'inchiesta Mani Pulite, che diede il via al periodo cosiddetto di Tangentopoli.

Di Pietro è laureato in giurisprudenza ed è originario del Molise, regione che rappresenta anche la sua roccaforte elettorale.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Antonio Di Pietro | Idv | Romano Prodi | Silvio Berlusconi | Camera dei deputati | Senato |

Ultime notizie su Antonio Di Pietro

    Il ponte Morandi e quegli «omissis» nelle concessioni

    A proposito di autostrade, si ricorderà il tema che pose nel 2006-2007 l’allora ministro dei Lavori pubblici Antonio Di Pietro (quando la società Autostrade stava per finire sotto il controllo della spagnola Abertis) contestando la mancata realizzazione di investimenti programmati nonostante gli aumenti tariffari già concessi, in virtù di una convenzione che risaliva ai tempi della privatizzazione.

    – di Giorgio Santilli

    Perché le convenzioni autostradali sono segrete

    Dunque, nulla poté nemmeno la furia mostrata nel 2006 da Antonio Di Pietro nei panni di ministro delle Infrastrutture nel fermare la prima operazione Autostrade-Abertis attaccando i privilegi dei concessionari. All’epoca, Di Pietro creò l’Ivca (l’Ispettorato di vigilanza concessioni autostradali, poi diventato struttura Svca dopo il passaggio al ministero), che fece apparire come un ufficio di superispettori.

    – di Maurizio Caprino

    Da Dettori ad Adamo, si riaccendono i fari sugli uomini di Casaleggio a Palazzo Chigi

    A Palazzo Chigi nello staff del vicepremier è approdata dal M5S di Bruxelles (come la portavoce di Di Maio ministro, Cristina Belotti) Sara Mangieri, un passato nella comunicazione dell’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro da cui arriva... E chi curava una decina di anni fa il sito dell’Idv e la comunicazione di Di Pietro ministro dei Trasporti?

    – di Manuela Perrone

    Chiedi chi era Ligresti: ascesa e declino del vicerè di Milano

    Se c'è un aggettivo adatto per descrivere la parabola di Salvatore Ligresti questo è «trasversale». Lui è stato trasversale al tempo, che ha scandito adattandosi a tutti i suoi mutamenti; allo spazio, che ha occupato fisicamente con le sue inconfondibili torri; alla politica, che ha cavalcato con

    – di Stefano Elli

    Elezioni: solo tre magistrati in Parlamento, finita epoca iniziata con Mani Pulite

    Ormai è divorzio tra toghe e Parlamento. Nelle nuove Camere siederanno solo in tre tra ex e magistrati ancora in servizio. Erano nove le toghe nella legislatura appena conclusa. E addirittura 18 in quella precedente. Il Pd, dopo un feeling durato oltre trent'anni, ha consumato con Renzi una

    – di Andrea Gagliardi

    Election day: in Lombardia rottura a sinistra, nel Lazio si tratta ancora

    Election day: per gli elettori di Lazio (4,4 milioni) e per la Lombardia (7,5 milioni) il 4 marzo - in base a quanto comunicato dal Viminale - si voterà non solo per il rinnovo di Camera e Senato, ma anche per eleggere il nuovo governatore. Una decisione che dovrebbe consentire di risparmiare quasi

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Un'alleanza ipotetica di 14 sigle: così torna l'incubo Unione

    Utopia o incubo? E' ancora presto per dire quali risultati porterà la ritrovata voglia di unità di Matteo Renzi. Certo è che se l'obiettivo di una coalizione «la più vasta possibile» dovesse andare in porto ci sarebbe quasi da preoccuparsi: l'elenco di movimenti e partiti che Piero Fassino e Lorenzo

    – di Riccardo Ferrazza

    Non solo Sicilia. Con Lombardia e Lazio nel 2018 al voto sette regioni

    Le elezioni regionali siciliane saranno una svolta cruciale in vista delle prossime politiche del 2018. Ma queste ultime non saranno l'unico appuntamento elettorale di peso del prossimo anno: sono attesi infatti i rinnovi di ben 7 consigli regionali. Si parte con Lombardia, Lazio e Molise (che

    – di Andrea Marini

1-10 di 1495 risultati