Ultime notizie:

Antonella Anedda

    Tra l'isola e il cosmo

    Historiae è un bellissimo titolo per un libro di poesia di questi giorni. Sembrando ironico, esagerato o perfino astratto, illumina il nesso profondo, riconducibile almeno ai primordi greci della nostra letteratura, che ravvicina canto e memoria; e riafferma, se non addirittura reclama, la

    – di Nicola Gardini

    E tutto finisce in poesia

    Domenica scorsa ci siamo chiesti cosa resta del Novecento nella lingua narrativa di questi anni. E abbiamo registrato, alla prova dei fatti, un progressivo allontanamento dal passato, inteso come modello di uno stile «scritto», sensibile alle forme di prestigio. La maggior parte dei nostri

    – di Gianluigi Simonetti

    Se il luogo coincide col viaggio

    Fino a non molti anni fa, il viaggio per nave si è potuto considerare - è il caso di dire - un relitto del passato. Già nel 1950 la scelta della Nazionale di calcio - unica a quei Mondiali - di affrontare la lunga trasferta in Brasile in nave, anziché in aereo, veniva considerata anacronistica.

    – di Andrea Cortellessa

    Arte del viaggio, arte dell'addio

    Davvero il viaggio è finito - con la sua pretesa di esplorare e conoscere l'Altro, e di trasformare noi stessi - , ed è scomparso ogni altrove? Questa la malinconica tesi di Levi-Strauss all'inizio di Tristi tropici (1955), confermata dal turismo di massa, dal consumo seriale dell'esotico, dalle

    – di Filippo La Porta

    Collezionare "parole" con il libro d'artista -

    Nel maggio 2014, in occasione dell'apertura a Pisa dello spazio espositivo Passaggi Silvana Vassallo ha inaugurato una personale di Sabrina Mezzaqui, Una forma di attenzione, realizzata con la partecipazione della poetessa Antonella Anedda (vincitrice del Premio Pu?kin 2014). La direttrice Silvana

    – di Maria Adelaide Marchesoni

    Antonio Presti lancia la raccolta di 100mila firme per liberare il fiume Oreto e farne un parco

    Centinaia di palloncini si solleveranno portando in volo, virtualmente, l'Oreto. L'acqua putrida del fiume di Palermo volerà via, cercando di dimenticare rifiuti e fango. Sarà una sorta di cerimonia in nome della Bellezza desiderata e agognata, quella che giovedì 19 marzo è in programma alla foce del fiume: Antonio Presti, da cinque anni impegnato in un progetto di impegno etico, culturale ed educativo per il reupero dell'Oreto, darà il via alla raccolta di 100.000 firme per salvare il fiume. Fi...

    – Nino Amadore

1-10 di 13 risultati