Persone

Angelo Vassallo

Angelo Vassallo è nato il 22 settembre del 1953 a Pollica (SA) ed è deceduto, sempre a Pollica, il 5 settembre del 2010, è stato sindaco del comune di Pollica e vittima di un agguato di sospetta matrice camorristica.

Era noto come il "sindaco pescatore", sia per il suo passato di pescatore che per la sua profonda passione per il mare, la cui protezione dall'inquinamento e dall'abusivismo edilizio aveva sempre messo al centro della sua azione politica ed amministrativa.

E' stato sindaco di Pollica per ben tre mandati (dal 1995 al 1999, dal 1999 al 2004 e dal 2005 al 2010) ricandidatosi nel 2010 era unico candidato ed era stato eletto con voto plebiscitario, raggiugendo addirittura il 100% dei voti.

Già consigliere provinciale di Salerno con la Margherita, era un esponente del PD e ricopriva anche la carica di presidente della Comunità del parco, organo con potere consultivo e propositivo dell'ente Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni.

Ambientalista convinto si era fatto promotore, in qualità di sindaco, di un'ordinanza che prevedeva multe salatissime per chi venisse sorpreso a gettare a terra cenere e mozziconi di sigarette. Si tratta di un provvedimento che per l'epoca forse appariva "sconcertante", oggi invece è quanto mai attuale anche per la vigenza del disposto normativo collegato alla legge di stabilità del 2015 che prevede per l'appunto la sanzionabilità pecuniaria nel caso di abbandono a terra di rifiuti di piccole dimensioni quali scontrini, fazzoletti di carta, gomme da masticare, mozziconi di sigarette ecc.

Grazie alla sua perseveranza nella politica ambientalistica, Angelo Vassallo è riuscito a far ottenere al comune di Pollica, grazie alla purezza delle acque marine, il massimo riconoscimento della Bandiera Blu di Legambiente e Touring club, dando peraltro un forte impulso al turismo balneare.

Angelo Vassallo è stato il promotore dell'inclusione della dieta mediterranea tra i patrimoni orali ed immateriali dell'umanità, proposta che è stata accolta dall'UNESCO il 16 novembre 2010, a Nairobi.

E' stato ucciso la sera del 5 settembre del 2010, mentre tornava a casa, con 9 colpi di pistola, l'ipotesi più accreditata è che sia caduto vittima di un attentato camorristico ma allo stato attuale per il suo omicidio risulta un unico indagato, Bruno Humberto Damiani.

Alla memoria di Angelo Vassllo sono stati intitolati diversi luoghi ed istituzioni e la sua storia eroica è stata ricordata in numerose trasmissioni ed incontri.

All'esempio di Angelo Vassallo sono stati dedicati il film di Luca Miniero "Benvenuti al sud", con Claudio Bisio protagonista e la fiction "Il sindaco pescatore", diretta da Maurizio Zaccaro, interpretata da Sergio Castellitto e trasmessa su Rai 1 in prima serata, l'8 febbraio del 2016.

Angelo Vassallo era sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Angelo Vassallo | Sindaco | Salerno | Legambiente | Angelo Vassllo | Maurizio Zaccaro | Sergio Castellitto | Organizzazione delle nazioni unite per l'educazione, la scienza e la cultura | Claudio Bisio | Pd | Bruno Humberto Damiani | Touring | Luca Miniero | Blu | La Margherita | RAI |

Ultime notizie su Angelo Vassallo

    Nutrire città e paesi del futuro: prove tecniche per salvare il Pianeta.

    Italia paese dei campanili. Paese della frammentazione programmatica, frastagliata in tessuti imprenditoriali, sociali, culturali, istituzionali, economici sfilacciati e di piccole dimensioni, ma di enorme potenzialità e valore, che compongono la biodiversità straordinaria del nostro Paese. Parliamo di 7904 Comuni. Luoghi dove la biodiversità prolifica nelle denominazioni di origine, che valgono 17 miliardi di euro e impiegano 180.000 operatori e dove insistono 285 consorzi. Luoghi dove, però...

    – Sara Roversi

    Inequivocabilmente responsabili

    A valle del mese più caldo degli ultimi 2000 anni, è arrivato inesorabilmente il messaggio forte e chiaro dell'IPCC - Intergovernmental Panel on Climate Change che ancora una volta lancia un monito preoccupante all'umanità, «inequivocabilmente» responsabile per lo stato di salute del Pianeta.  Alcuni effetti dei cambiamenti climatici ormai sono irreversibili e mai nella storia sono avanzati così velocemente, ma ciò non vuol dire che possiamo arrenderci, oggi necessario intervenire per mitigarne...

    – Sara Roversi

    G20 Trieste. Innovazione e ricerca, motore della transizione.

    Si è da poco concluso l'incontro G20 a Trieste su Ricerca ed Innovazione, settori cruciali per assicurare una transizione verso un futuro più sostenibile.  Ed al centro della ministeriale, una posizione di spicco è stata ricoperta dal digitale: digital economy, digital government sono parole cardine alla base della Dichiarazione Ministeriale sulla digitalizzazione, stressate come trampolino di lancio per accelerare verso una maggiore trasparenza, inclusione, efficienza, trasformazione dei modell...

    – Sara Roversi

    Da desertificazione a rigenerazione. Invertire la rotta partendo da Mediterraneo.

    Con l'estate in corso ed i pericoli di siccità prolungata pronti a diffondersi sull'intero Stivale, il ruolo dell'incontro ministeriale del G20 su Ambiente, Clima ed Energia che si svolgerà a Napoli, in Campania, nel cuore del Bacino Mediterraneo, offre un ulteriore stimolo per accelerare la rotta verso nuove politiche e nuovi approcci, rigenerativi, inclusivi, ecosistemici.  UN'ITALIA CHE AVANZA VERSO LA DESERTIFICAZIONE Quando si parla di desertificazione in Italia i dati non sono molto inco...

    – Sara Roversi

    G20 MATERA: COALIZIONI E COLLABORAZIONI PER SISTEMI AGROALIMENTARI PIU' INCLUSIVI

    In una Matera surreale, bellissima, afosa e assolata si sono incontrati i ministri degli Esteri delle 20 economie più potenti del mondo, per la prima volta di nuovo in presenza, per discutere e trovare insieme soluzioni multilaterali alle crisi globali, in primis alla pandemia che ha stravolto le nostre vite. Una ministeriale che pone l'accento sull'urgenza di cooperazione, di multilateralismo, di governance globale, di valori. Tutti aspetti cruciali per correggere le falle accelerate da e con l...

    – Sara Roversi

    Dalla gastronomia ai sistemi alimentari: un'idea di cura e sostenibilità.

    Soffermarsi sull'idea di "cura" legata alla gastronomia sostenibile e ai sistemi alimentari, mai come ora, a valle di una pandemia che ha portato alla luce le patologie croniche di un pianeta malconcio e di una umanità malata, risulta essenziale. Ma che cosa vuol dire cura? Curare significa "amministrare, farsi carico, gestire" e viene più che altro collegato con il mondo degli affari. La cura può anche essere intesa come "terapia, trattamento" o "guarigione". Mentre il terzo significato, meno ...

    – Sara Roversi

    Dieta Mediterranea, patrimonio dell'umanità. Celebriamo oggi e co-progettiamo il domani.

    Dieci anni fa, oggi, il 16 Novembre 2010, il Comitato Intergovernativo della Convenzione Unesco sul Patrimonio Culturale Immateriale approvava l'iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale. Succedeva a Nairobi, in Kenya, e succedeva anche per il lavoro incessante del Sindaco pescatore Angelo Vassallo, simbolo di legalità, tenacia e sostenibilità, che dal Comune di Pollica (SA) ha dato inizio al processo destinato a fare la storia della Dieta Mediterranea,...

    – Sara Roversi

    Oltre la criminalità ricordando il sindaco Vassallo

    La sera del 5 settembre del 2010 un uomo ha quasi raggiunto il portone di casa, si è appena lasciato alle spalle il paese e le sue luci sul mare, quando trova davanti a sé lo sbarramento di nove colpi di pistola. Sette andranno a segno, due a vuoto. Stasera ad Acciaroli, frazione di Pollica, cuore

    – di Serena Uccello

    Tommaso Cestrone, il volontario che ripuliva la Reggia di Carditello contro "gli analfabeti della bellezza"

    Era un volontario che ripuliva "i rifiuti lasciati dagli analfabeti della bellezza". Mi piace la definizione data da Massimo Marnetto sul sito articolo21 nel suo ricordo di Tommaso Cestrone. Chi era questo signore di 48 anni, agricoltore, morto d'infarto a Natale? Fra gli amici e sul web era noto come l'"Angelo di Carditello" un po' come gli angeli che arrivarono a Firenze per ripulirla dal fango. Cestrone invece da solo, ogni santo giorno, dopo il lavoro nella sua azienda agricola, ripuliva da ...

    – Vitaliano D'Angerio

1-10 di 46 risultati