Le nostre Firme

Angelo Mincuzzi

Caporedattore e inviato |  @Angelo_Mincuzzi |  LinkedIn |  angelo.mincuzzi@ilsole24ore.com |

Angelo Mincuzzi è caporedattore e inviato del Sole 24 Ore, dove scrive di indagini giudiziarie, paradisi fiscali, evasione fiscale e criminalità economico-finanziaria. È uno degli ideatori del format multimediale “Fiume di denaro”, una serie di inchieste sul quotidiano di carta e sul web e di videoreportage sui flussi di capitali illeciti nazionali e internazionali.

Nella sua vita professionale si sono intrecciate, in passato, anche altre esperienze alla Mondadori, per il mensile Espansione, poi a ItaliaOggi e all’agenzia di stampa Radiocor-Telerate.

Nel 1989 ha seguito da Berlino Est e da Bucarest gli ultimi sussulti dei regimi comunisti e nel 1992 ha raccontato la stagione dell’inchiesta “Mani pulite” a Milano. Poi è stata la volta dello scandalo Parmalat, dei processi a Silvio Berlusconi e delle indagini giudiziarie della procura milanese.

Negli ultimi anni ha scritto dai Balcani, dai Paesi baltici, da Dubai e dalla Cina nei giorni delle Olimpiadi del 2008. Da caporedattore ha guidato per alcuni anni la redazione di Economia Italiana.

Nel 2011 ha pubblicato con Giuseppe Oddo il libro “Opus Dei, il segreto dei soldi” (Feltrinelli), un’inchiesta giornalistica sull’omicidio del banchiere cattolico Gianmario Roveraro. Poi, nel 2015, ha scritto con il whistleblower Hervé Falciani il libro “La cassaforte degli evasori” (Chiarelettere), nel quale ha raccontato la storia del più grande furto di dati mai avvenuto in una banca.

Il libro è stato tradotto e pubblicato anche in Cina e in Giappone dopo essere uscito nelle librerie in Francia, in Spagna, in Portogallo, in Grecia e a Taiwan.

Nel 2016 ha avviato il blog “L'Urlo” sul sito del Sole 24 Ore. Tra il 2015 e il 2017 ha frequentato i seminari della London City University sulla finanza illecita, organizzati da Finance Uncovered per giornalisti investigativi e Ong.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Italiano, inglese
  • Argomenti: Inchieste, evasione fiscale, paradisi fiscali, riciclaggio

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2019

Ultimi articoli di Angelo Mincuzzi

    Lo spreco miliardario di acqua che trasforma la politica italiana in clientela

    In Italia ogni anno viene disperso il 47,9% dell'acqua prelevata causa buchi della rete. Una risorsa, quella idrica, sulla quale la politica galleggia sempre e non affoga mai anche perché, soprattutto al Sud, chiude un occhio sulla riscossione delle bollette

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Così Popolare Bari cercava di vendere i bond che non voleva nessuno

    Tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019, il banker Gianluigi Torzi, sentito dal Sole 24 Ore, diventa uno snodo cruciale in due distinte operazioni finanziarie che si dipanano tra Italia, Gran Bretagna, Lussemburgo, Malta e Vaticano

    – di Angelo Mincuzzi

    Evasione, le banche estere pagano più di 150 milioni di euro al Fisco italiano

    Decine di banche estere sono in fibrillazione in Svizzera, Austria, Liechtenstein, Principato di Monaco, Lussemburgo e in un'altra dozzina di paesi in giro per il mondo. Hanno ricevuto i questionari dell'Agenzia delle Entrate italiana che chiede di indicare le attività finanziarie svolte con contribuenti italiani. E' la seconda tranche di una maxi indagine, partita all'inizio del 2019, che vede nel mirino 220 banche straniere

    – di Angelo Mincuzzi

    Ruja, la criptoregina in fuga che voleva uccidere i bitcoin

    A New York si celebra il processo a Ruja Ignatova, la criptoregina bulgara che voleva uccidere i bitcoin e rifondare l'economia e la finanza su una nuova moneta virtuale: onecoin. Per molti investitori che hanno perso tutto è la più grande truffatrice della giovane storia delle criptomonete. In circa 3 anni Ruja e il fratello Konstantin avrebbero convinto oltre tre milioni di persone sparse tra 175 Paesi del mondo a investire 4,5 miliardi di euro. Buona parte sarebbe finita nei paradisi fiscal...

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Banca popolare di Bari, gli affari (e i compensi) della famiglia Jacobini

    La Banca popolare di Bari era un affare di famiglia. A tal punto che anche i compensi dei vertici dell'istituto erano una variabile indipendente rispetto all'andamento dei conti, al contrario di quanto accadeva ai dipendenti e ai 69mila risparmiatori. Il culto di San Nicola, le origini calabresi e la masseria da 4,6 milioni di euro: ritratto dell'ex presidente Marco Jacobini

    – di Angelo Mincuzzi

1-10 di 664 risultati