Ultime notizie:

Andrea Martini

    Il cinema come passione

    Per quarant'anni, dal dibattito sull'arte degli anni Venti fino a quello sull'autore degli anni Sessanta, molti letterati italiani hanno arricchito il nostro cinema: non solo negli ambiti più connaturali della critica e della sceneggiatura ma anche in quelli, più ibridi, della progettualità, della

    – di Andrea Martini

    Il «Tango» ritrovato di Bernardo Bertolucci

    Ultimo Tango fu all'epoca della sua uscita, nel '72, paragonato da Pauline Kael, guru indiscussa della critica americana, alla Sagra della Primavera di Stravinskij: «stessa eccitazione ipnotica, stessa forza primitiva, medesimo trascinante impatto erotico». In occasione del ritorno del film in sala

    – di Andrea Martini

    Il Lubitsch ritrovato, attore dongiovanni

    Il cinema muto, segmento importante del patrimonio visivo del secolo scorso, resta in gran parte sepolto. Sicché ogni ritrovamento è un arricchimento della nostra memoria che, in una sorta di archeologia del contemporaneo, offre non solo il racconto del passato prossimo ma anche preziosi elementi

    – di Andrea Martini

    Sentire il palcoscenico

    Che Woody Allen sia uno dei grandi autori del nostro tempo, in grado di combinare un pensiero profondo e originale con una forma elegante, è ormai un assioma: per questo stupisce che la critica, anche la più teoricamente agguerrita, fuorviata forse dall'apparente semplicità interpretativa, sia

    – di Andrea Martini

    Furiosi borghesi americani

    Molti segnali lasciavano indovinare condizioni particolarmente propizie alla celebrazione del rito di fine estate di quest'anno. E le migliaia di persone accorse come al solito ai bordi marini della laguna veneziana per celebrare gli dei Penati che proteggono i loro sogni non sembrano per ora

    – di Andrea Martini

    Cézanne sapeva tutto del cinema

    Si può nutrire scarso entusiasmo per il cinema di Wenders o magari solo essere sconsolati dal confronto tra i suoi primi film Alice nelle città, Falso movimento, Nel corso del tempo - una trilogia che divenne riferimento collettivo di una intera generazione europea, permettendo al regista di

    – di Andrea Martini

    I miei quadri in movimento

    «I miei film sono quadri filmati, ritratti in movimento imprigionati su celluloide». Difficile trovare una definizione migliore per il cinema di David Lynch. In linea con un'altra affermazione del regista del Montana: «la pittura è un'arte che si trascina dietro tutte le altre», quasi un richiamo

    – di Andrea Martini

    Addio maschera crudele

    Un'innata eleganza e una timidezza infantile protrattasi nel tempo - a dispetto di atteggiamenti spesso anticonformistici - hanno contribuito a fare di Charlotte Rampling, attrice raffinata di sicuro talento, un'antidiva: incarnazione dell'interprete non riconciliata, in grado di trovare nella

    – di Andrea Martini

    Addio a Gian Luigi Rondi, decano della critica

    Venticinquenne, nel lontano 1947 era passato dalla critica drammatica a cui era stato indirizzato da Silvio D'Amico a quella cinematografica. Non tanto per il fascino dello schermo, che pur avrà avuto un ruolo, quanto «perché al cinema si poteva andare a tutte le ore e nel buio della sala si poteva

    – di Andrea Martini

1-10 di 16 risultati