Andrea Goldstein è un economista e professore universitario. Ha lavorato all'OCSE e al Foreign Investment Advisory Service della Banca Mondiale. Da ottobre 2015 è managing director di Nomisma.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 30 aprile 2021
    Flussi migratori da programmare con i datori di lavoro

    Commenti

    Flussi migratori da programmare con i datori di lavoro

    L’elezione di Joe Biden, come la formazione del governo Draghi, generano speranze che il populismo stia perdendo consensi e che sia possibile tornare a parlare seriamente di policy senza cadere nelle semplificazioni. Forse il principale ambito in cui questo potrà essere vero è quello delle

  • 06 aprile 2021
    Addio a Mundell, il Nobel canadese architetto dell’euro

    Commenti

    Addio a Mundell, il Nobel canadese architetto dell’euro

    Se, come scrisse Keynes, «gli uomini pratici, che si ritengono completamente liberi da ogni influenza intellettuale, sono generalmente schiavi di qualche economista defunto», Robert Mundell ha avuto il raro privilegio di assistere in vita alla traduzione di una sua fondamentale intuizione in una

  • 12 febbraio 2021
    I capitali cinesi e il dibattito che non c’è

    Commenti

    I capitali cinesi e il dibattito che non c’è

    Tra i motivi per cui è erroneo definire nuova Guerra fredda lo stato attuale delle relazioni internazionali, forse il principale è che i legami economici e finanziari tra i due contendenti, Stati Uniti e Cina, sono infinitamente più intensi di quanto lo siano mai stati quelli tra Washington e

  • 11 febbraio 2021
    Così il vaccino è diventato la nuova misura della potenza geopolitica

    24Plus

    24+ Così il vaccino è diventato la nuova misura della potenza geopolitica

    Tra Usa, Cina, Russia e Europa una partita tra diversi modelli di sviluppo e sfere di influenza

  • 18 dicembre 2020
    Un anno di successi e passi falsi per il capitalismo di stato cinese

    24Plus

    24+ Un anno di successi e passi falsi per il capitalismo di stato cinese

    Il rimbalzo post pandemia ha oscurato i nodi finanziari, demografici e geopolitici che tuttavia esistono e pesano sul futuro di Pechino