Ultime notizie:

Andrea Di Consoli

    Il caso Lavorini, tra pedofilia e strategia della tensione

    Viareggio, 31 gennaio 1969. Un dodicenne, Ermanno Lavorini, figlio di commercianti, esce di casa alle 14.30, ma non torna più, scompare nel nulla. La famiglia e l'intera città iniziano una disperata ricerca del ragazzo, che verrà trovato senza vita il 9 marzo, seppellito malamente sulla spiaggia di

    – di Andrea Di Consoli

    Guido Rossa, dalla parte dello Stato: con lui morì la lotta armata delle Br

    Carlo Casalegno (1916-1977), vicedirettore de "La Stampa", fu il primo giornalista assassinato dalle Br. Era il 29 novembre del 1977 e, in seguito a quest'omicidio, Ugo Pecchioli, altissimo dirigente del Pci e fedelissimo di Enrico Berlinguer, rilasciò un'intervista al "Corriere della sera" nella

    – di Andrea Di Consoli

    Quando la DC decise di trattare con le BR per liberare Ciro Cirillo

    Tre anni dopo il "caso Moro", in Campania un altro esponente della Democrazia Cristiana fu sequestrato dalle Brigate Rosse. Si trattò di Ciro Cirillo (1921-2017), ex presidente della Regione e in quel momento Presidente della commissione regionale che doveva gestire tutti gli appalti della

    – di Andrea Di Consoli

    Mirella Gregori, storia di una sparizione

    Sono le 15.30 del 7 maggio del 1983. Siamo a Roma, in un appartamento di Porta Pia, zona Nomentana. Una quindicenne, Mirella Gregori, risponde al citofono. La madre, a qualche metro di distanza, sente dire alla figlia questa frase: "Se non mi dici chi sei, non scendo". Mirella però è serena e

    – di Andrea Di Consoli

    Così si creò il buco dei derivati di Stato

    In epoca moderna gestire uno Stato con i criteri di un buon padre di famiglia è improduttivo e arcaico, poiché la finanza offre strumenti straordinari di reperimento fondi e di gestione dei debiti, che sono sempre ristrutturabili, cioè "dinamici"; è infatti un grande errore contrapporre

    – Andrea Di Consoli

    Shoah e libertà di ricerca storica

    Deborah E. Lipstadt è una storica americana che nel 2003 pubblicò un libro sulla Shoah intitolato Denying the Holocaust. Lo storico negazionista David Irving, nel 2005, la denunciò per le accuse rivoltegli nel libro. Ne scaturì un processo lungo e tormentato, soprattutto perché Irving decise che

    – di Andrea Di Consoli

    I sauditi in fermento

    L'Arabia Saudita. Uno Stato islamico contro le donne e i diritti (Castelvecchi, 284 pagg., 19,50 euro), di Liisa Liimatainen, è un'inchiesta sul campo di grande precisione e affidabilità - purtroppo la pubblicistica mediorientale è spesso improvvisata o banalmente ideologica. Dal libro della

    – di Andrea Di Consoli

    A ciascuno la sua Roma

    Una cinquantina tra artisti, scrittori, filosofi, architetti, urbanisti (tra i quali Selvetella, Scego, Berdini, Echaurren, Albinati, Prestinenza Puglisi, Perniola, eccetera) sono stati chiamati da Giorgio De Finis e Fabio Benincasa, curatori di Rome. Nome plurale di città (Bordeaux, 391 pagg., 24

    – di Andrea Di Consoli

    La vita pacchiana di Escobar

    Cose c'è di male se il figlio di un boss decide di raccontare la sua esperienza personale? Non si può leggere Il padrone del male. La vera storia del più grande narcotrafficante del mondo raccontata da suo figlio (Newton Compton, pagg. 377, ? 9,90) di Juan Pablo Escobar - appunto, figlio di Pablo

    – di Andrea Di Consoli

1-10 di 23 risultati