Le nostre Firme

Andrea Carli

Redattore ordinario |  @AncarliCarli |

Romano, classe 1978, lavora nella redazione romana de Il Sole 24 Ore, dove segue temi legati alla politica estera italiana e alla geopolitica. Fa parte del desk integrato carta - online. Laureato in Scienze politiche, indirizzo Internazionale e comunitario, ha intrapreso il percorso della carriera diplomatica, salvo poi scoprire la passione per il giornalismo, e abbracciare il mondo dell’informazione. Ha partecipato alla squadra che ha sviluppato Italy24, un quotidiano online in lingua inglese che ha inteso raccontare le mille sfaccettature dell’Italia agli stranieri, a cominciare dall’economia e dalla politica. In precedenza, dopo un periodo di collaborazione, ha lavorato presso le redazioni milanesi de L’Esperto Risponde, Rapporti e Norme e tributi.

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese e francese
  • Argomenti: Politica estera e geopolitica

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2019

Ultimi articoli di Andrea Carli

    Commissario Ue, taglio parlamentari e manovra: i tre nodi da sciogliere

    Entro il 26 agosto andrà indicato il candidato italiano per la nuova Commissione Von der Leyen. L'Italia punta alla Concorrenza, ma più passa il tempo e più la strada per raggiungere l'obiettivo si fa in salita. Il 9 settembre approderà alla Camera la riforma costituzionale per il taglio dei parlamentari voluta dal M5S. Dopodiché si dovrà definire il pacchetto delle misure per la prossima manovra

    – di Andrea Carli

    Ddl sport, il Cio scrive al Coni. L'Italia rischia di essere fuori da Tokyo 2020

    Nella lettera che ha per destinatario il presidente del Coni Giovanni Malagò, il Cio esprime «seria preoccupazione» per alcune disposizioni del disegno di legge sullo sport, approvato in via definitiva dal Senato. Nella lettera è stato messo in evidenza che il provvedimento, nella formulazione attuale, avrebbe limitato «chiaramente l'autonomia del Coni» in sei punti. Il Cio ha avvertito: è possibile, per la protezione del «Movimento di un paese la sospensione o il ritiro del riconoscimento del ...

    – di Andrea Carli e Marco Mobili

    Sicurezza bis alla prova della fiducia: le incognite dissidenti M5S e quorum

    Dal numero di pentastellati dissidenti che potrebbero alla fine tirarsi indietro alla strategia di Forza Italia e Fratelli d'Italia, forze politiche di opposizione al governo Conte ma che condividono i contenuti del provvedimento caro al leader della Laga Matteo Salvini

    – di Andrea Carli

    Contratti collettivi, più della metà sono scaduti

    Il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro dispone di un archivio presso il quale vengono depositati in copia autentica gli accordi di rinnovo e i nuovi contratti entro 30 giorni dalla loro stipula e dalla loro stesura. Sono 885 (dato aggiornato a tutto giugno). Ne risultano scaduti 504 (il 56,9%); con scadenza successiva al 30 giugno i restanti 381 (il 43,1%)

    – di Andrea Carli

    Governo Conte, sette decreti legge su 16 approvati con almeno un voto di fiducia

    L'Aula della Camera ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sull'approvazione del Dl sicurezza bis. Il via libera di Montecitorio è atteso entro il pomeriggio del 25 luglio. Il testo passerà poi al Senato, dove non si esclude che l'esecutivo decida di ricorrere alla stessa soluzione. Il 43,75% dei decreti deliberati dal governo Conte ha avuto bisogno di almeno un voto di fiducia per l'approvazione

    – di Andrea Carli

    Difesa, la spesa per il personale cresce di 293,3 milioni in un anno e assorbe il 74,1% del budget

    La spesa è passata dai 10.072,9 milioni di euro del 2018 ai 10.366,2 del 2019 (+2,83%). Se si guarda alla ripartizione delle risorse a disposizione per finanziare la "Funzione Difesa", viene fuori che su un importo a disposizione per quest'anno di 13.982,5 milioni di euro, la voce "personale" assorbe il 74,1% del budget . Per gli investimenti invece un taglio di oltre 23% in un anno

    – di Andrea Carli

    Nel 2018 export trainato dai mercati Ue (+4,1%) ma crescono India, Usa e Canada

    Sul rallentamento nelle aree extra-Ue hanno influito l'apprezzamento dell'euro, l'aumento delle tensioni nelle politiche commerciali e la debolezza di alcune tradizionali aree di sbocco nel Mediterraneo e in Medio Oriente. Resta limitata la quota di mercato in Cina (0,9 per cento) a fronte della grande dimensione e forte crescita dei consumi di questo paese

    – di Andrea Carli

1-10 di 805 risultati