Aziende

Amplifon

Amplifon è un’azienda che opera nel settore degli apparecchi acustici: fondata a Milano nel 1950 da Algernon Charles Holland, è quotata in borsadal 2001.

Attiva nella distribuzione di sistemi uditivi (i cosiddetti apparecchi acustici) e nel loro adattamento e personalizzazione alle esigenze dei pazienti, Amplifon ha da tempo ampliato il suo mercato anche in due altri business collaterali. Il primo, collegato all’attività principale, è rappresentato dallo sviluppo, dalla produzione e dalla commercializzazione di strumentazione otologica e di accessori per l’udito, mentre il secondo è rappresentato dalla distribuzione di apparecchiature diagnostiche e biomedicali in aree cliniche differenti. La leadership di mercato di Amplifon in Italia è nata negli anni Sessanta, quando l’azienda ha sviluppato una vasta rete di punti vendita in tutte le regioni italiane. In quel periodo la notorietà dell’azienda è tale che il termine Amplifon viene spesso usato, nella lingua comune, come sinonimo di apparecchio acustico. Nel 1971 la società ha istituito il Centro Ricerche e Studi Amplifon e, allo stesso tempo, il premio Internazionale Crs, considerato come il più importante nella ricerca sull’udito.

Dagli anni Novanta, con il rinnovamento del management, Amplifon ha puntato a essere sempre più una società di servizi che, attorno all’apparecchio acustico, ha sviluppato e commercializzato servizi esclusivi di personalizzazione e di assistenza. Sempre all’avanguardia nella ricerca di soluzioni ai problemi di sordità, Amplifon, nel 1996, ha introdotto in Italia il primo apparecchio acustico completamente digitale che ha unito alle dimensioni molto ridotte una qualità sonora ad altissima definizione.

Amplifon opera in 22 Paesi e detiene (dati 2016) il 9% della quota di mercato mondiale delle soluzioni per l'udito.
Nel primo semestre del 2016 Amplifon ha realizzato un giro d'affari di 544,21 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 16 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sanità | Studi Amplifon | Algernon Charles Holland | Borsa Valori | Italia | Internazionale Socialista |

Ultime notizie su Amplifon

    Per Piazza Affari una settimana positiva, ma la Juve paga pegno

    Piazza Affari ha chiuso la settimana con un rialzo dell'1,24% rispetto all'ottava precedente mentre la performance da inizio anno registra un incremento del 12,49%. A livello di settori, il Ftse Italia Small Cap Index ha chiuso in calo dell'1,15% mentre l'indice bancario ha guadagnato lo 0,49% e

    – di Andrea Fontana e Corrado Poggi

    Il tutto esaurito sui Btp spinge Piazza Affari, l'Europa chiude debole

    Corre Piazza Affari, migliore listino del Vecchio Continente, grazie al tutto esaurito registrato dalle aste del Tesoro sui Btp (da complessivi 6,5 miliardi) con rendimenti in sensibile calo. Milano chiude in rialzo dello 0,82% mentre lo spread scende a 261 punti base e, a livello globale, si

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

    Nexi arriva su Ftse Mib e fa retrocedere Banca Generali

    Nexi dal 24 giugno entra nel Ftse Mib e scalza Banca Generali. La società fintech che ha debuttato il 16 aprile con la più grande Ipo dell'anno a livello europeo ha fatto retrocedere Banca Generali, quotata dal 2006 e che oggi capitalizza 2,7 miliardi. L'arrivo di un altro titolo finanziario

    – di Valeria Novellini e Lucilla Incorvati

    Prove di accordo Lega-M5s spingono Piazza Affari. Wall Street positiva con la Fed

    Le prove di accordo tra Lega e M5s per mantenere in vita il Governo hanno spinto al rialzo Piazza Affari, in un contesto complessivamente positivo per i mercati azionari grazie alla prospettiva di politiche monetarie accomodanti sia in Europa che negli Stati Uniti. Il FTSE MIB milanese ha così

    – di E. Micheli e P. Paronetto

    Europa cauta, Piazza Affari -0,5% con spread a 284 in vista mosse Bruxelles

    Chiusura debole per le Borse europee, mentre l'Italia è rimasta la sorvegliata speciale. A pesare su spread e Borsa le tensioni nel Governo dopo le elezioni europee con il rafforzamento della Lega e la volontà del vicepremier Matteo Salvini di rivedere i parametri europei. Si sono poi diffusi i

    – di Eleonora Micheli

    Settimana turbolenta per le Borse europee. A Milano si salva la Juve

    La settimana delle Borse europee si è chiusa in deciso calo, con ampia parte dei settori in discesa, penalizzati dal braccio di ferro tra Stati Uniti e Cina sul trade e dagli attacchi di Washington al colosso tecnologico Huawei. La performance peggiore è stata infatti quella del comparto auto

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Borse in balìa delle tensioni Usa-Cina. Piazza Affari giù con le banche

    Chiusura debole per le Borse europee, ancora penalizzate dall'incertezza sul futuro del commercio internazionale e sui rapporti Usa-Cina, dopo le novità delle ultime ore sull'azienda Huawei. Sul finale Milano ha perso lo 0,61%, nonostante lo spread BTp/Bund sia migliorato in area 271 punti, a pochi

    – di Eleonora Micheli

    L'Europa rialza la testa, Piazza Affari chiude a +0,8% al traino di St

    Il parziale allentamento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, o perlomeno la mancanza di nuove escalation, ha dato fiato alle Borse europee, che hanno rialzato la testa dopo la debolezza di ieri. A Piazza Affari il FTSE MIB ha chiuso in rialzo dello 0,77%, trainato dal rimbalzo di

    – di C. Di Cristofaro e P. Paronetto

    Oggi «mezzo» Ftse Mib stacca la cedola, Intesa Sp la big più generosa

    Lunedì 20 maggio è l' «ex-dividend date» per la metà dei titoli del Ftse Mib: 20 società su 40 del paniere staccheranno la cedola agli azionisti per un monte dividendi complessivo di circa 11,5 miliardi di euro. L'operazione comporterà un ribasso tecnico pari al 2,08% in apertura sul Ftse Mib. Il

    – di Stefania Arcudi e Andrea Fontana

1-10 di 168 risultati