Aziende

Amplifon

Amplifon è un’azienda che opera nel settore degli apparecchi acustici: fondata a Milano nel 1950 da Algernon Charles Holland, è quotata in borsadal 2001.

Attiva nella distribuzione di sistemi uditivi (i cosiddetti apparecchi acustici) e nel loro adattamento e personalizzazione alle esigenze dei pazienti, Amplifon ha da tempo ampliato il suo mercato anche in due altri business collaterali. Il primo, collegato all’attività principale, è rappresentato dallo sviluppo, dalla produzione e dalla commercializzazione di strumentazione otologica e di accessori per l’udito, mentre il secondo è rappresentato dalla distribuzione di apparecchiature diagnostiche e biomedicali in aree cliniche differenti. La leadership di mercato di Amplifon in Italia è nata negli anni Sessanta, quando l’azienda ha sviluppato una vasta rete di punti vendita in tutte le regioni italiane. In quel periodo la notorietà dell’azienda è tale che il termine Amplifon viene spesso usato, nella lingua comune, come sinonimo di apparecchio acustico. Nel 1971 la società ha istituito il Centro Ricerche e Studi Amplifon e, allo stesso tempo, il premio Internazionale Crs, considerato come il più importante nella ricerca sull’udito.

Dagli anni Novanta, con il rinnovamento del management, Amplifon ha puntato a essere sempre più una società di servizi che, attorno all’apparecchio acustico, ha sviluppato e commercializzato servizi esclusivi di personalizzazione e di assistenza. Sempre all’avanguardia nella ricerca di soluzioni ai problemi di sordità, Amplifon, nel 1996, ha introdotto in Italia il primo apparecchio acustico completamente digitale che ha unito alle dimensioni molto ridotte una qualità sonora ad altissima definizione.

Amplifon opera in 22 Paesi e detiene (dati 2016) il 9% della quota di mercato mondiale delle soluzioni per l'udito.
Nel primo semestre del 2016 Amplifon ha realizzato un giro d'affari di 544,21 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 16 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sanità | Studi Amplifon | Algernon Charles Holland | Borsa Valori | Italia | Internazionale Socialista |

Ultime notizie su Amplifon

    Borse sull'ottovolante del petrolio. Piazza Affari chiude in rosso con le banche

    Seduta contrastata per le Borse europee, con il greggio che accelera al ribasso (-5%) dopo il rally della vigilia. Resta alta l'attenzione sul Medio Oriente, mentre inizia oggi la due giorni di riunione della Fed. A Milano focus sul gruppo infrastrutturale dopo lo scivolone di ieri: oggi il cda di addio per Castellucci

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

    Europa in rialzo, dopo Draghi aspetta la Fed. Piazza Affari +0,44%

    Il 17 e 18 settembre di riunirà il Fomc, il braccio operativo dell'istituto centrale Usa per decidere la linea di politica monetaria. Gli investitori attendono anche le risposte dei Governi europei per la crescita. A Milano Atlantia in profondo rosso, bene le banche

    – di Eleonora Micheli

    Testacoda Ferrari (-6%) pesa su Piazza Affari (-0,55%), spread a 159

    Gli indici europei hanno chiuso contrastati. Geopolitica sotto i riflettori: segnali positivi sul fronte del commercio, incertezza sulla Brexit. Occhi puntati sulle banche centrali. A New York, ancora debole il settore tech, male Ford dopo bocciatura di Moody's

    – di Flavia Carletti

    Le Borse aspettano al varco la Bce, a Milano affonda Recordati. Spread a 154

    Le aspettative per misure espansive di politica monetaria non danno slancio ai listini, che chiudono una seduta contrastata. A pesare i timori sulla Brexit, mentre Milano si "salva" grazie ai bancari e al settore auto. Nel giorno della fiducia al Conte bis torna in rosso Atlantia

    – di Eleonora Micheli ed Enrico Miele

    Ottimismo Usa-Cina ridà slancio all'Europa e Milano strappa un +1%. Spread a 150

    L'annuncio di nuovi colloqui sul tema dazi e un generale ritorno dell'appetito per il rischio hanno favorito i listini. In Italia ancora occhi puntati sul nuovo governo e sui riflessi sullo spread, sceso sotto 150 punti per poi chiudere esattamente su questa quota. Acquisti su St, banche e galassia Agnelli-Elkann. Petrolio in rialzo dopo le scorte Usa

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Piazza Affari +0,6% con spread a 167. Londra svetta, euro ai minimi da maggio 2017

    A Milano occhi puntati sulla formazione del nuovo Governo. Tengono gli altri mercati del Vecchio Continente nonostante da ieri siano scattate tariffe aggiuntive tra Stati Uniti e Cina. Oggi Wall Street chiusa per il Labour Day. Corre la Borsa di Londra, favorita dalla debolezza della sterlina per lo scontro tra Parlamento Uk e il premier Johnson

    – di Eleonora Micheli e Andrea Fontana

    Tensioni Pd-M5S spingono in rosso Milano (-0,35%). Spread risale a 175 punti

    Piazza Affari è passata in territorio negativo nel pomeriggio con l'emergere delle nuove tensioni fra Pd e M5S nell'ambito delle trattative per il nuovo governo. Il leader dei 5 Stelle, Luigi di Maio, ha posto nuove condizioni per la formazione del governo giudicate dal Pd 'ultimatum inaccettabili'

    – di Enrico Miele e Corrado Poggi

    La Juventus scatta e vince (ancora) lo scudetto sul Ftse Mib

    I titoli del club bianconero guadagnano ulteriore terreno e, dopo due sedute a passo di carica, continuano a svettare sul Ftse Mib, confermando quanto emerso dalla classifica Value Creators di Boston Consulting Group

    – di Paolo Paronetto

    Piazza Affari chiude a -1,1% nel Conte-day, spread cala a 204 punti, sprint Juve

    A Piazza Affari hanno terminato in territorio negativo i titoli bancari sebbene in recupero sul finale grazie al restringimento dello spread. In difficoltà anche i titoli del settore energetico a causa della flessione a New York del prezzo del greggio (-1,7%). Bene il titolo Juventus con i tifosi che sognano di poter affiancare Neymar a Cr7

    – di Paolo Paronetto e Corrado Poggi

1-10 di 190 risultati