Persone

Ali Khamenei

Ali Khamenei è nato il 15 luglio del 1939 a Mashhad (Iran) ed è un politico e un religioso iraniano.

Ex Presidente dell’Iran, Khamenei è l’attuale Guida Spirituale del Paese.

Dopo gli studi religiosi, Ali Khamenei è diventato professore ed ha introdotto i computer ed internet nelle scuole del Qom, città sacra dove si trova, oltre alla tomba di Fatima, una residenza dell’ex capo spirituale e politico Ruhollah Khomeyni.

Ali Khamenei ha intrapreso la carriera politica con la Rivoluzione Islamica: è stato membro del Consiglio della Rivoluzione ed ha partecipato alla fondazione del Partito della Repubblica Islamica. Inoltre e sempre in quegli anni, ha diretto i Guardiani della Rivoluzione.

Nel 1981 Khamenei è scampato ad un attentato, dopo il quale è stato definito “martire della vita”. Lo stesso anno, dopo l'assassinio di Muhammad Ali Rajai e durante la guerra Iran-Iraq (1980-1988), Ali Khamenei ha vinto le elezioni ed è diventato presidente dell’Iran, mandato che gli è stato confermato nel 1985. La sua politica interna è stata considerata conservatrice e la politica estera anti-occidentale. Alla morte di Khomeyni, nel 1989, Khamenei è stato eletto Guida Suprema dell’Iran.

A proposito del recente accordo con gli Stati Uniti sul programma nucleare iraniano, Ali Khamenei ha dichiarato che l'Iran non cambierà la sua politica nei confronti dei governi di Siria ed Iraq e dei «popoli oppressi» di Yemen e Bahrein, o dei palestinesi ed ha esortato il Parlamento iraniano a verificare che l'accordo tuteli effettivamente gli interessi nazionali, senza disattendere i principi della rivoluzione islamica, nè depotenziare le sue capacità militari difensive.

Nel 2015 il Wall Street Journal ha confermato che Khamenei è affetto da un tumore.

Ali Khamenei ha quattro figli e due figlie.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Ali Khamenei | Iran | Iraq | Muhammad Ali Rajai | Ruhollah Khomeyni |

Ultime notizie su Ali Khamenei

    Alla vigilia delle sanzioni Trump apre a sorpresa al dialogo con Teheran

    Etemaad cita il figlio di Karrubi, Hossein, secondo il quale il Consiglio supremo per la sicurezza nazionale (Snsc) ha di recente votato a maggioranza per la fine della loro custodia, anche se la misura di clemenza deve ancora essere approvata dalla Guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei.

    – di Vittorio Da Rold

    Usa contro Iran: la guerra di parole (per ora) sulle rotte di petrolio e Medio Oriente

    Poche ore prima del tweet di Trump Pompeo ha affermato che la guida suprema dell'Iran, Ali Khamenei, avrebbe un fondo speculativo segreto personale da 95 miliardi di dollari non tassato e utilizzato dalle Guardie islamiche rivoluzionarie: «Il livello di corruzione e ricchezza tra i leader del regime dimostra che l'Iran è gestito da qualcosa che somiglia alla mafia più che a un governo», ha precisato Pompeo.

    – di Roberto Bongiorni

    Trump attacca il presidente iraniano: «Attento»

    «Fate attenzione». Si chiude così un duro messaggio rivolto dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, al suo omologo iraniano, Hassan Rouhani. «Non minacciare mai più gli Stati Uniti - scrive Trump su Twitter - o ne pagherete le conseguenze, come pochi nella storia ne hanno sofferte prima.

    Oltre il Russiagate: che cosa dobbiamo aspettarci dal vertice Trump-Putin

    Putin, che tratta con tutti gli attori in campo cercando di mediare tra interessi opposti (come dimostrano le visite che la settimana scorsa gli hanno reso il premier israeliano Benjamin Netanyahu e, il giorno dopo, Ali Akbar Velayati, consigliere della Guida Suprema iraniana Ali Khamenei), cammina su un filo.

    – di Antonella Scott

    Se l'avversario dell'Occidente abita alla Casa Bianca

    L'Occidente ha un grande avversario. Non è Vladimir Putin che occupa con abilità gli spazi immensi liberati dalla geopolitica di oggi: la sua Russia ha la forza militare ma non il dinamismo economico e sociale per essere un'alternativa attraente per chi non sia come Matteo Salvini.Non è nemmeno Xi

    – di Ugo Tramballi

    Iran e nucleare, regime più debole per scioperi e caro vita

    Che succede in Iran alla vigilia della possibile uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare firmato in pompa magna nel 2015 dal presidente americano, Barack Obama, Cina, Russia e partner europei? Qual è lo stato attuale del Paese cinque mesi dopo la violenta rivolta di dicembre che aveva

    – di Vittorio Da Rold

1-10 di 178 risultati