Le nostre firme

Alfredo Sessa

Trust projectvice caporedattore Domenica

Attuale coordinatore dell’inserto culturaleDomenica, Alfredo Sessa è approdato al Sole 24 Ore nel 1989, dall’Istituto alla formazione al giornalismo “Carlo De Martino” di Milano. Dopo un’esperienza nella redazione Norme e Tributi, ha lavorato a lungo nella redazione Esteri (1990-1993), con un focus rivolto soprattutto al mercato internazionale delle materie prime. Ha seguito, in particolare, il mercato petrolifero e i vertici Opec, il cartello dei produttori di petrolio, durante i difficili frangenti delle Guerre del Golfo.

Passato alla redazione Europa, le pagine settimanali che il Sole 24 Ore ha dedicato alla costruzione del mercato unico europeo e agli adempimenti normativi per le imprese, Sessa ha ricoperto il ruolo di inviato per il Sole 24 Ore a Bruxelles (1994-1997) negli anni della costruzione dell’unione monetaria europea e dell’allargamento ai Paesi dell’Est.

Al rientro nella redazione milanese è iniziata l’avventura di “Mondo e mercati” (1999-2010), le pagine del Sole 24 Ore che approfondiscono i temi dell’internazionalizzazione, dei Paesi emergenti e delle nuove opportunità di business all’estero per le imprese italiane.

E’ stata quindi la volta della caporedazione centrale (2011-2016), la “torre di controllo” del giornale, dove avviene il coordinamento del lavoro delle singole redazioni specializzate, il controllo di qualità e l’aggiornamento finale del quotidiano e dei prodotti collaterali.

Dal settembre 2017, infine, l’incarico come coordinatore della redazione Domenica

Luogo: Milano

Lingue parlate: italiano, francese, inglese

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 21 agosto 2019
    Pedalare serio e Felice

    Cultura

    Pedalare serio e Felice

    Per capire chi era veramente Felice Gimondi, campione di ciclismo degli anni 60 e 70, bastava osservarlo nei pochi momenti di relax di una grande corsa a tappe. Cronoprologo a squadre del 54° giro d’Italia, 20 maggio 1971, partenza da Lecce. Mentre tutte le squadre pedalicchiano con andatura

  • 06 luglio 2019
    Tour de France al via: Bruxelles si veste di giallo in onore di Eddy Merckx

    Cultura

    Tour de France al via: Bruxelles si veste di giallo in onore di Eddy Merckx

    La «Grande boucle» parte dal Belgio per celebrare la prima vittoria del campione fiammingo, 50 anni fa, nella grande corsa a tappe francese

  • 01 giugno 2019
    Parma investe sulla  bellezza condivisa

    Cultura

    Parma investe sulla bellezza condivisa

    La cultura batte il tempo è una frase dal fascino magnetico. Prima incuriosisce, poi lascia addosso un leggero senso di inquietudine e di mistero. La cultura batte il tempo è la frase-totem, le cinque parole che Parma ha scelto come fil rouge per il suo ruolo di Capitale italiana della Cultura 2020.

  • 09 luglio 2018
    Italiani in maglia gialla

    Cultura

    Italiani in maglia gialla

    «Vittoria ciclistica italiana in Francia. Per la prima volta dalla sua creazione, il Giro di Francia (5.500 km di percorso) è stato vinto da un italiano - Ottavio Bottecchia - che sin dalla prima tappa, e per tutta la durata della corsa, ha vestito il maglione giallo destinato al trionfatore». Così

  • 02 giugno 2018
    Quando i Mondiali di calcio segnano la   Storia

    Cultura

    Quando i Mondiali di calcio segnano la Storia

    Arriva puntuale ogni quattro anni questa strana sospensione del tempo, il Campionato mondiale di calcio, a ritmare le nostre esistenze. Anche quelle di chi odia e dribbla il football. Russia 2018 inizia il 14 giugno, con la partita inaugurale tra i padroni di casa e l’Arabia Saudita. La finale si

  • 02 ottobre 2017
    Il sogno americano di Abdul-Jabbar

    Cultura

    Il sogno americano di Abdul-Jabbar

    Quando un grande risultato sportivo diventa un evento lontano nel tempo, il racconto delle imprese dei campioni è un pretesto per capire come eravamo, e cosa siamo diventati. Succede per esempio a noi italiani quando il pensiero torna alle vittorie dei Mondiali di calcio del 1982 e del 2006.

  • 22 agosto 2017
    La chanson de geste di Botescià

    Cultura

    La chanson de geste di Botescià

    Ottavio Bottecchia fu un campione imperfetto, come tutti i veri campioni. Amava pedalare tra il silenzio delle montagne, che sembravano rimandare l’eco del suo mutismo di corridore veneto, povero, semplice e solido. Senza immaginare di ritrovarsi, un giorno, avvolto dal frastuono di una improvvisa

  • 05 aprile 2017
    Favole, fumetti e grandi domande

    Cultura

    Favole, fumetti e grandi domande

    Ai bambini si può parlare di tutto. Anzi, si deve parlare di tutto. Di nascite, morti, famiglia, gioie, dolori e misteri della vita. E pazienza se gli adulti non conoscono le risposte alle grandi questioni esistenziali. L’importante è parlare ai bambini con il giusto linguaggio. Quello scelto da

  • 24 marzo 2017
    Cure speciali per pazienti speciali

    Cultura

    Cure speciali per pazienti speciali

    Non c’è un perché, ma succede. Succede di ammalarsi di cancro quando si è giovanissimi, quando si è adolescenti, e gli unici problemi con i quali si è abituati a confrontarsi sono, molto spesso, solo quelli scolastici. L’età, l’esperienza sono limitate. E ragazzi in attesa, magari, di un bacio, di

  • 09 marzo 2017
    Il ritorno del Mondo che fu

    Cultura

    Il ritorno del Mondo che fu

    Leggere una storia a fumetti di Marino Neri è come partire per un affascinante viaggio verso l’ignoto. Perché l’alchimia del racconto dell’artista modenese, classe 1979, sa combinare sapientemente elementi di forte realismo con improvvise deviazioni verso il surreale. Così la narrazione, giunta al

  • 03 febbraio 2017
    Il macinapepe e altre storie di surreale quotidianità

    Cultura

    Il macinapepe e altre storie di surreale quotidianità

    “L’invenzione del macinapepe” è la favola a fumetti disegnata per la Domenica del Sole 24 Ore (in edicola il 5 febbraio) da Sarah Mazzetti, giovane illustratrice bolognese. Il racconto, che prende le mosse da una piatta e banale quotidianità, all’improvviso fa una capriola e riparte verso un

  • 27 gennaio 2017
    Musica, fumetti e viaggi interstellari

    Cultura

    Musica, fumetti e viaggi interstellari

    Angelo Adamo, 48 anni, nato a Cosenza, è un astronomo con una grande passione per la divulgazione scientifica. In bilico per lavoro tra Bologna e la Sicilia, Adamo, che ha disegnato per la Domenica del Sole 24 Ore il fumetto Se solo i grandi guardassero il cielo, ama con la stessa intensità

  • 26 gennaio 2017
    Liberi di scegliere nel mondo che cambia

    Cultura

    Liberi di scegliere nel mondo che cambia

    Salvaguardare le libertà in un mondo che cambia profondamente. È questo il tema al centro della prima edizione di “Liberi di scegliere. Festival della cultura della libertà”, la manifestazione in programma, sabato 28 e domenica 29 gennaio, a Piacenza (Palazzo Galli, della Banca di Piacenza).

  • 22 gennaio 2017
    Schiappa, raccontaci chi sei veramente!

    Cultura

    Schiappa, raccontaci chi sei veramente!

    Con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così, Greg Heffley, cioè la Schiappa, potrebbe benissimo essere nato a Genova. E invece il protagonista di uno dei bestseller mondiali della letteratura per gli adolescenti, il “Diario di una Schiappa”, battuto in libreria solo da Harry

  • 21 gennaio 2017
    Ho sgridato Maradona

    Cultura

    Ho sgridato Maradona

    Cristina Portolano, giovane artista napoletana che vive e lavora a Bologna, disegna il mistero e la nostalgia dell’infanzia, età in cui tutto è possibile e in cui tutto si decide. Una sorgente inesauribile dell’immaginario, l’infanzia, che ha ispirato anche “Il pulviscolo”, la storia a fumetti che

  • 13 gennaio 2017
    Elenia, la ragazza che dà del tu alla luce

    Cultura

    Elenia, la ragazza che dà del tu alla luce

    Elenia Beretta, 29 anni, illustratrice bergamasca, dà del tu alla luce. Sa come domarla e come diffonderla, bianca e generosa, per fare risaltare i colori caldi che reggono il peso dei sentimenti e raccontano le storie. Nella favola “Tre desideri”, che Elenia ha disegnato per “C’è qualcuno che sa

  • 11 gennaio 2017
    Questa sera esco e vado al Classico

    Cultura

    Questa sera esco e vado al Classico

    Sembra che Adriano Olivetti e Steve Jobs la pensassero allo stesso modo, anche se non si sono mai incontrati. L’imprenditore italiano amava assumere non solo ingegneri, ma anche laureati in discipline umanistiche. Anche il fondatore di Apple era convinto che alle sorgenti della creatività e dello

  • 07 gennaio 2017
    Graphic novel dal volto umano

    Cultura

    Graphic novel dal volto umano

    I disegnatori dei fumetti sono persone fuori dal comune. Li incontri per discutere di illustrazioni, di nuvolette, di personaggi mitici, di passato e futuro della nona arte, e loro invece ti sorprendono parlandoti del fascino, del mistero e dell’imprevedibilità dello scrivere. Otto Gabos, l’autore

  • 03 gennaio 2017
    Addio a John Berger, implacabile osservatore del reale

    Cultura

    Addio a John Berger, implacabile osservatore del reale

    John Berger, lo scrittore, saggista, disegnatore, sceneggiatore inglese, è morto ieri nel sobborgo di Antony, a pochi chilometri da Parigi. Aveva 90 anni. Berger era un alfiere della controcultura, libero come l’aria, e come tale difficile da inquadrare nelle tradizionali categorie che ruotano

  • 20 dicembre 2016
    Musei Vaticani, Barbara Jatta nuovo direttore

    Notizie

    Musei Vaticani, Barbara Jatta nuovo direttore

    Arriva per la prima volta una donna alla guida dei Musei Vaticani. Papa Francesco, lanciando un importante messaggio di rinnovamento, ha infatti nominato Direttore dei Musei Vaticani, con decorrenza dal 1° gennaio 2017, Barbara Jatta, finora vice-direttore degli stessi Musei.