Ultime notizie:

Alexis De Tocqueville

    Ma per il sud potrà essere un'occasione

    Sebbene le espressioni «regionalismo differenziato» e «secessione dei ricchi» vengano usate sempre più spesso in maniera intercambiabile nel dibattito pubblico, esse hanno in realtà davvero poco in comune. Riprova ne è il fatto che, secondo il recente documento del Senato della Repubblica, in ben

    – di Giuseppe Nucera e Matteo Olivieri

    Lezione di cultura democratica

    Il libro di Sabino Cassese, che raccoglie alcuni dei suoi articoli pubblicati sulla stampa nazionale, è in primo luogo un viatico che ci accompagna attraverso le complesse e contorte vicende della politica italiana, in particolare quella contemporanea, che va pressappoco dalla caduta del governo

    – di Pasquale Pasquino

    Libertà tra rischio e passione. Il festival di Verona

    "Per essere liberi val la pena rischiare"; con queste parole don Adriano Vincenzi presenta l'VIII edizione del Festival di dottrina sociale della Chiesa che si svolgerà a Verona dal 22 al 25 novembre, intitolato "Il rischio della libertà". L'iniziativa nasce nel 2011 dall'impegno di alcune

    – di Flavio Felice*

    Impeachment, accuse al Colle infondate. Saranno un boomerang

    Non appena svaniti i sogni di gloria di un governo a trazione pentastellata, Luigi di Maio ha ventilato l'ipotesi di promuovere lo stato d'accusa nei riguardi di Sergio Mattarella per attentato alla Costituzione. Ma un'ipotesi del genere è stravagante. Si fonda sul nulla.

    – di Paolo Armaroli

    I frangiflutti necessari per arginare i nazionalismi

    Emerso impetuosamente nel 2016 prima nel Regno Unito (con il referendum di giugno) e poi negli Stati Uniti (con le elezioni di novembre), il nazionalismo si è diffuso in tutta Europa nel corso del 2017. Si è trattato di un'onda che ha scosso istituzioni e assetti sia sovranazionali che nazionali. E

    – di Sergio Fabbrini

    NEET - Perché l'Italia è messa peggio della Bulgaria o della Romania

    Recenti statistiche hanno confermato quanto in cuor nostro già sapevamo o sospettavamo. L'Italia è il paese nel quale è più alto il numero di giovani tra i 20 e i 34 anni che né studiano, né lavorano, né sono in formazione (NEET, secondo l'acronimo inglese). Sono il 30,7% del totale (la media europea è del 18,3%). La quota italiana tra i 15 e i 24 anni è del 19,9%. L'Italia fa peggio di alcuni paesi europei più poveri, come la Bulgaria e la Romania. Da molti osservatori la terribile statistica è...

    – Beda Romano

    Costituente, dibattito istruttivo

    Il leader socialista Pietro Nenni, all'Assemblea costituente, si pronunciò contro il bicameralismo sostenendo che esso costituiva una minaccia per la funzione legislativa, potendo bloccare qualsiasi legge. Un altro socialista, Lelio Basso, si pronunciò contro una seconda camera composta di

    – di Sabino Cassese

1-10 di 54 risultati