Persone

Alex Schwazer

Alex Schwazer è nato il 26 dicembre del 1984 a Vipiteno (BZ) ed è un maratoneta italiano, campione olimpico della 50 Km di Pechino del 2008.

E' alto 185 cm e pesa 73 Kg.

Risultato positivo ai controlli anti-doping alla vigilia dei Giochi olimpici di Londra 2012, ha subito, ad opera del Tribunale Nazionale Antidoping, la sospensione dall'attività agonistica fino al 29 aprile del 2016.

Schwazer ha iniziato a praticare l'atletica leggera fin da giovanissimo, gareggiando prima nel mezzofondo, poi nella marcia, quindi nel ciclismo in mountain bike e su strada, per poi tornare alla marcia.

Nel 2005 vince prima i Campionati italiani nella gara dei 50 km, per poi ottenere il bronzo ai Mondiali di Helsinki 2005.

Nel 2008 vince l'oro ai giochi olimpici di Pechino nella 50 Km, stabilendo anche il nuovo record olimpico della specialità col tempo di 3h37'09".

Il 2010 si classifica secondo, nella 20 Km, ai campionati europei di Barcellona ma quattro anni, dopo in seguito alla squalifica per irregolarità all'antidoping, del primo arrivato Emel'janov, gli viene assegnato il primo posto e la medaglia d'oro.

Il 28 agosto del 2011 prende parte ai Mondiali di Daegu per a 20 km, classificandosi soltanto al nono posto.

Il 6 agosto del 2012 risultando positivo ai controlli antidoping, viene sospeso dalle competizioni dal CONI su richiesta del Tribunale Nazionale Antidoping.

Essendo Alex Schwarzer arruolato nei Carabinieri, per il Centro Sportivo dei quali ha vinto numerosi titoli, decide a causa della vicenda, di presentarsi ai Carabinieri di Bologna cui apparteneva, con l'intenzione di riconsegnare pistola e tesserino, viene prima sospeso dal servizio e successivamente congedato.

Terminato il periodo di squalifica comminatogli in seguito alle vicende del doping, Schwarzer torna a gareggiare nella marcia dei 50 km l'8 maggio del 2016, in occasione dei campionati del mondo a squadre organizzati a Roma ed ottiene il primo posto, col tempo di 3'39"00.

Il 21 giugno del 2016, appena dopo la qualificazione di Schwazer alle olimpiadi di Rio, viene data notizia della sua presunta positività ad una controanalisi anti-doping. Nella conferenza stampa convocata lo stesso giorno, l'atleta ed il suo staff hanno respinto le nuove accuse di doping definendole "false e mostruose" ed annunciandi di voler sporgere querela contro ignoti.

Nei giorni successivi la IAAF, federazione internazionale di atletica leggera, ha deciso di sospenderlo in via cautelare, pertanto l'atleta non potrà prendere parte ai prossimi giochi olimpici di Rio 2016.

Alex Schwarzer è stato insignito dell'onorificienza di Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana (Roma, 1º settembre 2008).

Ha convissuto con la campionessa di pattinaggio su ghiaccio Carolina Kostner ed è attualmente fidanzato con Valeria Molin Pradel.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Tribunali e organi della giustizia | Alex Schwazer | Alex Schwarzer | Atleta | Bolzano | International Amateur Athletic Federation (IAAF) | Ordine al merito della Repubblica Italiana | Coni | Valeria Molin Pradel | Carolina Kostner | Pechino | Roma |

Ultime notizie su Alex Schwazer

    Schwazer, manipolate le urine del corridore

    Sembra arrivare ad un punto di svolta il caso relativo ad Alex Schwazer. L'ultima novità è clamorosa: le urine del corridore azzurro sarebbero state manipolate. E' questa la conclusione alla quale sarebbe arrivato il Ris di Parma, che è riuscito ad ottenere dalla Iaaf le provette con le urine

    – a cura di Datasport

    Alex Schwazer sbarca sul web: ecco il sito per aspiranti marciatori

    Alex Schwazer torna in pista, stavolta come allenatore. L'atleta, che ha ormai chiuso la carriera sportiva a seguito della condanna per doping, ha aperto un sito internet dedicato ad aspiranti marciatori nel quale si propone come coach mettendo a disposizione la sua esperienza ad altissimi livelli.

    – a cura di Datasport

    Atletica, Schwazer: "Impossibile tornare tra 8 anni"

    "Sono stato sicuramente incastrato e quello che adesso resta da capire è come e da chi. Tornare a gareggiare? Tra 8 anni è impossibile". Parla per la prima volta Alex Schwazer, il marciatore azzurro squalificato per 8 anni per doping alla vigilia delle Olimpiadi di Rio. L'altoatesino si è

    – a cura di Datasport

    Zero medaglie e poche consolazioni per l'atletica azzurra

    L'atletica italiana a Rio ha il gruppo più numeroso fra gli azzurri (38 su 314) ma torna a casa con zero medaglie. Mai era successo negli ultimi sessant'anni di storia olimpica. Piange il medagliere, come non accadeva dai Giochi di Melbourne 1956, e anche il movimento di casa nostra. Ma senza le

    – di Maria Luisa Colledani

    Schwazer: «Sono distrutto». Ma Tamberi lo attacca ancora

    Altro che prender parte ai Giochi di Rio de Janeiro. Otto anni di squalifica, Olimpiadi in fumo, carriera finita. Tanto ha riservato il Tribunale di arbitrato sportivo ad Alex Schwazer, per la nuova positività a uno steroide sintetico rilevata in un controllo del 1 gennaio scorso. Il verdetto

    – di Dario Ricci

    Il Tas accoglie la richiesta della Iaaf: Alex Schwazer squalificato otto anni

    Il Tas ha accolto la richiesta della Iaaf di squalificare per doping Alex Schwazer,condannandolo a otto anni di stop. Lo si è appreso in ambienti dell'atletica internazionale. La sentenza sarebbe già stata notificata alle parti.Svanisce così definitivamente il sogno di Schwazer di partecipare alle

    Pellegrini in finale nei 200 stile libero. Pugilato, Mangiacapre torna a casa

    Federica Pellegrini conquista la finale dei 200 stile libero, chiudendo nella notte le semifinali con il terzo tempo, alle spalle della svedese Sarah Sjostrom e dell'americana Katie Ledecky. «Sono soddisfatta del risultato. Pensavo che partissero molto più forte e decise, e che 'ciao' la avrei

    Malagò sul poker di medaglie a Rio: «Sognavo una giornata così»

    «Non mi aspettavo una giornata del genere, diciamo che la sognavo. E' una giornata storica e questo è il fascino dell'Olimpiade, in tutte le competizioni in cui non c'è un cronometro in mano può succedere qualcosa. E'chiaro che non dobbiamo esaltarci e non dobbiamo deprimerci se domani le cose non

    – di Nicoletta Cottone

1-10 di 102 risultati