Persone

Alessandro Di Battista

Alessandro Di Battista è nato il 4 agosto del 1978 a Roma ed è un politico italiano, attualmente deputato alla Camera in rappresentanza del Movimento 5 Stelle.

Figlio di Vittorio, già consigliere comunale nelle file dell'MSI, si è diplomato presso il liceo scientifico Farnesina di Roma, quindi laureatosi in discipline dell'arte, della musica e dello spettacolo (DAMS) presso la Università degli Studi Roma Tre, ha conseguito, presso l'Università Sapienza di Roma, un Master di secondo livello in tutela internazionale dei diritti umani.

Successivamente ha lavorato, per un anno in qualità di cooperante, in Guatemala, occupandosi di educazione e progetti produttivi nelle comunità indigene.

Nel 2008 si è occupato di istruzione e microcredito in Congo ed ha approfondito, per conto dell'UNESCO, la tematica del diritto all'alimentazione.

Nel 2010, partito per l'Africa, ha lavorato alla stesura di un libro "Sulle nuove politiche continentali" che lo ha portato a viaggiare in Patagonia, Cile, Bolivia, Amazzonia, Ecuador, Colombia, Perù e Nicaragua.

Nel 2011 ha cominciato a collaborare alla redazione del blog di Beppe Grillo, dove ha pubblicato un reportage sulle azioni di ENEL in Guatemala.

Nel 2012 gli è stato commissionato, dall'Associati Casaleggio, un libro sui sicari sudamericani. Di Battista è quindi partito per Ecuador, Panama, Guatemala e Colombia pubblicando, alla fine dello stesso anno con l'Adagio (Casaleggio Associati) l'eBook "Sicari a cinque euro", dove viene analizzata l'origine del fenomeno del sicariato e vengono suggerite alcune possibili soluzioni al fenomeno.

Candidatosi con la lista Amici di Beppe Grillo alle comunali di Roma del 2008, entra successivamente a far parte del Movimento 5 Stelle, di cui diventa, per la regione Lazio, portavoce. Nel 2012 è candidato alle parlamentarie per il Movimento 5 Stelle e viene eletto per la circoscrizione Lazio 1, alla Camera dei deputati nelle politiche del 2013.

Il 7 maggio del 2013 viene designato vicepresidente della commissione Affari esteri e comunitari della Camera dei deputati. Il 20 novembre 2017 Di Battista ha annunciato che non si ricandiderà in Parlamento alle elezioni politiche del 2018.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Alessandro Di Battista | Camera dei deputati | Roma | Guatemala | Stella | Beppe Grillo | Organizzazione delle nazioni unite per l'educazione, la scienza e la cultura | Farnesina | Ecuador | Colombia | Movimento Sociale Italiano | Enel | Affari | Master | Africa |

Ultime notizie su Alessandro Di Battista

    Da Articolo 1 alla commemorazione dell'ex Dc Sullo, tutte le kermesse del Conte Due

    Con la nascita dell'esecutivo M5S-Pd-LeU-Italia Viva e la fine dell'esperienza alla guida dell'esecutivo targato M5S-Lega, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha messo al centro della sua strategia politica la promozione di un dialogo tra tutti gli attori politici, anche quelli apparentemente più lontani dalla sua linea. Una scelta che si è manifestata in concreto in una partecipazione più assidua da parte del capo di governo a una serie di kermesse

    – di An.C.

    Sottosegretario agli Esteri/Manlio Di Stefano

    Deputato M5s, classe 1981, è stato sottosegretario agli Esteri già nel primo governo Conte. Considerato vicino alle posizioni di Alessandro Di Battista, è stato riconfermato.

    Dalla crisi con la Francia all'apertura alla Cina: Di Maio conquista la Farnesina

    Trentatré anni, il leader politico dei Cinque Stelle è stato il più giovane vicepresidente della Camera. Al governo con la Lega nell'esecutivo giallo verde, da vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, è stato impegnato in un spalla a spalla costante con Matteo Salvini. Con la caduta dell'esecutivo dopo lo strappo del leader del Carroccio, ha fatto alla fine un passo indietro sulla vicepresidenza: la mossa ha sbloccato la trattativa per la nascita di un esecutivo M5S-Pd

    – di Andrea Carli

    La piattaforma Rousseau: numeri, uomini e scenari

    Il Quirinale l'ha derubricata allo stato di una delle possibili forme di consultazione interne alle forze politiche, priva della capacità di incidere sia sull'incarico a Conte che sulla lista dei ministri. In caso contrario, si configurerebbe una interferenza nelle prerogative che la Costituzione assegna al capo dello Stato

    – di Manuela Perrone

1-10 di 358 risultati