Ultime notizie:

Alessandria

    Il virus frena, i numeri premiano le misure introdotte in Lombardia dall'8 marzo

    Infatti la quarantena vera e propria, scattata l'11 marzo per la Lombardia e per le 14 Province più colpite (Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano – Cusio – Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia) ed estesa a tutto il territorio nazionale tre giorni dopo, non poteva ancora avere effetto nel contenere il contagio visto che occorrono circa due settimane.

    – di M.T. Island

    Demografia, contagi e anziani: ecco le province dove il coronavirus rischia di provocare più vittime

    Rispetto alla popolazione residente, un'area particolarmente a rischio in questo senso è a nord-ovest e include l'intera Liguria (che d'altronde è la regione più anziana d'Italia), insieme a province piemontesi come Alessandria o in Emilia-Romagna... Si tratta anche di aree al momento meno interessate dall'epidemia, anche se comunque troviamo focolai rilevati di oltre 100 casi ad Alessandria, Genova e Trieste.

    – Infodata

    Contagi e anziani, ecco dove il coronavirus rischia di provocare più vittime

    Rispetto alla popolazione residente, un'area particolarmente a rischio in questo senso è a nord-ovest e include l'intera Liguria (che d'altronde è la regione più anziana d'Italia), insieme a province piemontesi come Alessandria o in Emilia-Romagna... Si tratta anche di aree al momento meno interessate dall'epidemia, anche se comunque troviamo focolai rilevati di oltre 100 casi ad Alessandria, Genova e Trieste.

    – Davide Mancino

    Coronavirus, i 10 giorni decisivi per capire se lo stiamo battendo

    Da una parte la Lombardia e 14 Province (Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano – Cusio – Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia), dall'altra tutto il resto dell'Italia.

    – di M.T. Island

    Coronavirus, non solo smart working: rischio ferie «forzate» fino al 3 aprile in tutta Italia

    Lo prevede il Dpcm firmato nella notte dell'8 marzo dal premier Giuseppe Conte per i lavoratori della cosiddetta zona arancione che comprende tutta la Regione Lombardia e le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

    – di Francesca Barbieri

    Coronavirus: Trenitalia e Italo assicurano il rimborso per chi rinuncia al viaggio

    Dopo il decreto in vigore dall'8 marzo che non vieta il movimento, ma lo limita nella zona arancione, costituita dall'intera regione Lombardia e da altre 14 province: Modena, Parma, Piacenza, Reggio dell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia anche i viaggi in treno sono stati rimodulati e la partenza è monitorata.

    – di Viaggi24

    Coronavirus, cosa rischia chi non rispetta la distanza di un metro e i limiti agli spostamenti

    Lo prevede il Dpcm con le «Misure urgenti di contenimento del contagio» che dall'8 marzo al 3 aprile 2020 aveva disegnato la nuova zona «arancione» - che dall'intera Lombardia si estendeva alle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro-Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia - ma che da lunedì sera è estesa a tutta Italia.

    – di Marco Peruzzi

    Coronavirus, ecco i numeri utili Regione per Regione

    Numeri che sarà importante memorizzare anche alla luce della decisione di molti governatori delle aree meno colpite dall'epidemia di imporre l'obbligo di comunicazione alle autorità sanitarie e la quarantena obbligatoria per tutti coloro che rientreranno dalla cosiddetta zona arancione (la Regione Lombardia e le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro-Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e...

    – di Celestina Dominelli

1-10 di 1778 risultati