Persone

Aldo Grasso

Aldo Grasso è nato il 10 aprile del 1948 a Sale delle Langhe (CN) ed è un critico, giornalista e docente italiano. Cura sul sito web del Corriere della Sera il forum TeleVisioni e dal 2008 è direttore scientifico del Centro di ricerca sulle televisioni e gli audiovisivi dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove insegna Storia della radio e della televisione.

Tra l'ottobre del 1993 ed il settembre del 1994 è stato direttore della programmazione radiofonica Rai e conduttore televisivo.

Laureato in Lettere, Aldo Grasso ha intrapreso la carriera accademica all'Università Cattolica di Milano, diventando assistente universitario, lettore di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa e in seguito docente di Storia e critica del cinema.

Ha insegnato anche a Brescia e successivamente ha assunto la titolarità della cattedra di Storia della radio e della televisione.

Autore di diversi programmi radiotelevisivi, tra i quali "A video spento" e "Tv parade", nel 1990 è diventato critico televisivo per il Corriere della Sera.

Dal 1994 al 1995 è entrato nel Consiglio della Nuova Fonit Cetra.

Tra i vari riconoscimenti, ha vinto il Premio Imola 2005 per la sezione spettacolo ed il Premio della critica Mollicone d'argento 2010.
Aldo Grasso è autore e coautore di diversi libri, tra i quali:

L'irrealismo socialista, Roma 1978; Storia della televisione italiana, Milano 1992; La scatola nera della pubblicità, Cinisello Balsamo 2000; Fenomenologia di Fiorello, Milano 2008; Arredo di serie. I mondi possibili della serialità televisiva americana, Milano, 2010; Televisione convergente. La TV oltre il piccolo schermo, Milano, 2010; Ciclone Grillo, genesi e ascesa di un movimento, Milano 2013.

E' sposato con la studiosa di storia Anna Foa ed ha una figlia, Benedetta (1988).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Storia | Aldo Grasso | Milano | Televisione | Cuneo | Nuova Fonit Cetra | Università Cattolica del Sacro Cuore | Anna Foa |

Ultime notizie su Aldo Grasso

    #Coronavirus: la tentazione di trasformare il caso in causa

    Prima del 21 febbraio e dell'emergenza, in Italia la comunicazione online pubblica sul coronavirus presentava numeri nettamente inferiori rispetto ad altri paesi europei. Ovviamente lo scenario è cambiato radicalmente dopo il 21 febbraio. Il monitoraggio di Eikon Strategic Consulting è diventato un involontario t0 che ci consente di cogliere cosa è cambiato in pochissimi giorni. Tra il 21 e il 24 febbraio sono stati pubblicati  quasi 800k contenuti, pari al 48% del totale di post prodotti in E...

    – Cristina Cenci

    Che fine hanno fatto (e quanto valgono) le «marche» di Carosello

    Alcuni sono spariti, altri sono stati acquisiti da multinazionali, altri ancora sono diventati esse stessi multinazionali: l'avventurosa storia dei brand che fecero la fortuna del popolare format televisivo. Dalla Lavazza di Caballero alla Nutella di Jo Condor

    – di Francesco Prisco

    Paolo Verri e il successo della Cultura, da Torino a Matera: «Ora tocca a Taranto»

    «Con la cultura non si mangia»: la frase infelice è rimasta appiccicata addosso a Giulio Tremonti da quando la pronunciò - era ministro dell'Economia nel 2010 - per giustificare i tagli dei fondi al ministero allora guidato da Sandro Bondi. Proprio in quella fase, in cui l'Italia era schiacciata

    – di Eliana Di Caro

    Salini: «La mia Rai guarderà ai giovani». Su Fazio il muro di Salvini

    DOGLIANI (CN) - Niente da fare. Toccare il tema Fazio equivale a generare immediata reazione nel vicepremier Matteo Salvini. Alla dichiarazione dell'ad Rai Fabrizio Salini, intervenuto in mattinata al Festival della Tv e dei Nuovi Media di Dogliani - «Con Fazio stiamo valutando. Tra due mesi

    – dal nostro inviato Andrea Biondi

    Urbano Cairo fra smentite di discese in campo, Rcs e il derby di Torino

    DOGLIANI (CN) - «Non ci ho pensato neanche un secondo» dice Urbano Cairo rispondendo alla domanda su una sua possibile futura discesa in campo in politica. Certo, smentita che arriva dopo tanto discutere dell'Italia che «deve accelerare il passo» e dei parallelismi fra la sua azione risanatrice in

    – dal nostro inviato Andrea Biondi

    Memorie dalla televisione italiana degli anni Ottanta e Novanta

    Nell'immagine: un momento della cerimonia di conferimento della Laurea Honoris Causa in Televisione, Cinema, Produzione Multimediale a Mike Bongiorno. A sinistra: Rosario Fiorello, showman italiano. A destra: Mike Bongiorno, showman italo-americano (1924 - 2009). Milano, Università IULM, 14 dicembre 2007. In Italia, è stata la televisione ad introdurre gli italiani nella modernità. Gli anni Ottanta e Novanta, in particolare, furono l'età dell'oro dell'intrattenimento televisivo in Italia, con ...

    – Gabriele Caramellino

    La televisione e la cultura dell'originalità

    Nell'immagine: l'autore e attore Corrado Guzzanti mentre interpreta il personaggio di Quelo, nello show televisivo Pippo Chennedy Show, andato in onda sulla televisione italiana (Rai) nel 1997. Per gli addetti ai lavori e per gli appassionati di televisione, il personaggio di Quelo è indimenticabile: era il "guru" in accappatoio bianco che dava consigli di vita ai suoi vari interlocutori, con espressioni variopinte come "la seconda che hai detto", "la risposta è dentro di te e però è sbagliata"...

    – Gabriele Caramellino

1-10 di 82 risultati