Le nostre firme

Alberto Quadrio Curzio

Trust project
Alberto Quadrio Curzio

È Presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei dal 2015 e Presidente della Classe di Scienze Morali, Storiche e Filologiche della stessa Accademia dal 2009.
È Professore Emerito di Economia politica all'Università Cattolica di Milano, dove è stato ordinario di Economia politica dal 1976 al 2010 e Preside della Facoltà di Scienze Politiche dal 1989 al 2010. Presso la stessa Università è fondatore e Presidente del Consiglio scientifico del Cranec (Centro di ricerche in Analisi economica), essendone stato Direttore dal 1977 al 2010.
All'Università di Bologna è diventato nel 1972 professore straordinario e poi Preside della Facoltà di Scienze Politiche. È stato rappresentante degli Economisti italiani al CNR, Presidente dell'Istituto Lombardo, Presidente della Società Italiana degli Economisti.
È membro o Presidente del Consiglio scientifico di: Fondazione Edison, Fondazione Internazionale Balzan "Premio", Fondazione Centesimus Annus, nonché di organi della Casa Editrice Il Mulino.
È fondatore e Direttore dal 1984 della Rivista "Economia politica. Journal of Analytical and Institutional economics", attualmente co-pubblicata da Il Mulino e Springer. È membro del Consiglio scientifico di riviste internazionali. È membro della Royal Economic Society (UK) e della Academia Europaea.
La sua ricerca scientifica è improntata prevalentemente ai profili economico istituzionali e politico-sociali ed alla economia reale e strutturale in termini teorici ed applicativi
È autore di circa 400 pubblicazioni, di cui molte in lingua inglese(Il Mulino, Oxford University Press, North Holland, Elsevier, Macmillan, Basil Blackwell, Springer-Verlag, Harriman House).
È stato insignito: da Carlo Azeglio Ciampi nel 2000, della Medaglia d'oro del Presidente della Repubblica per i Benemeriti della Scienza e della Cultura; dell'Ambrogino d'Oro della Città di Milano; del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno, concesso da Sua Santità Papa Francesco; di 18 premi scientifici.

Nel 2012 ha ricevuto un riconoscimento da 32 suoi colleghi (suoi passati allievi) con la pubblicazione di un volume di studi in suo onore (Economia come scienza sociale. Teoria, istituzioni, storia. Studi in onore di Alberto Quadrio Curzio). Nel 2015 presso la Cambridge University Press è stato pubblicato il volume Resources, Production and Structural Dynamics, a lui dedicato, curato da tre suoi allievi (Mauro L. Baranzini, Claudia Rotondi, Roberto Scazzieri).

Ulteriori informazioni sono disponibili in molti repertori bibliografici tra cui Wikipedia, Who's Who in the World (American Biographical Institute), Who's Who in Finance and Industry (Marquis Who's Who), Who's Who in America (Marquis Who'S Who), Who's Who in Science and Engineering (Marquis Who's Who), The International Who's Who (Routledge), Who's Who in Italy, European Biographical reference (World Who's Who), International Dictionary of Professionals, Outstanding intellectuals of the 21st Century, Dictionary of International Biography.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 02 agosto 2022
    L’Europa e le troppe armi spuntate di fronte alla crisi dell’economia reale

    24Plus

    24+ L’Europa e le troppe armi spuntate di fronte alla crisi dell’economia reale

    Draghi sfiduciato, Macron azzoppato, Lagarde e Scholz non all’altezza: ecco perché il Pnrr va esteso ben oltre la scadenza del 2026

  • 08 marzo 2020
    Perché è arrivato il tempo per gli Euro Union Bond

    24Plus

    24+ Perché è arrivato il tempo per gli Euro Union Bond

    Nel prossimo decennio l’Ue potrebbe mettere in atto un progetto in grado di mobilitare un incremento di investimenti di almeno 500 mld di euro all’anno. Quello che manca è la volontà politica

  • 10 dicembre 2017
    Da Bruxelles un progetto troppo fragile

    Mondo

    Da Bruxelles un progetto troppo fragile

    La Commissione europea ha emanato pochi giorni fa le «Proposte per il completamento della Unione economica e monetaria» a 19 Paesi che coinvolgono anche gli altri 8 Paesi della Ue a 27.Questo impressionante insieme di cinque progetti riguarda la creazione di un Fondo monetario europeo, di un

  • 25 novembre 2017
    L’Europa della crescita non sia solo tattica

    Commenti e Idee

    L’Europa della crescita non sia solo tattica

    Nel clima di crescente euroscetticismo c’è il rischio che la lettera, ampiamente commentata, che la Commissione europea ha inviato al Governo italiano circa il progetto di bilancio 2018 venga classificata come rigorista e antisociale quando esprime delle cautele sui ritocchi al sistema

  • 31 ottobre 2017
    Banche e rilancio: le riforme che servono

    Finanza e Mercati

    Banche e rilancio: le riforme che servono

    In occasione della Giornata mondiale del risparmio di oggi è molto atteso l’intervento di Ignazio Visco appena riconfermato Governatore della Banca d’Italia dopo dibattiti con toni confusi e concitati. Per questo è bene riflettere sulle ragioni istituzionali europee(e internazionali) e su quelle

  • 11 ottobre 2017
    L’ultima trappola di Schäuble in Europa

    Mondo

    L’ultima trappola di Schäuble in Europa

    Nei giorni scorsi abbiamo avuto varie proposte assai criticabili per la Uem. Wolfgang Schäuble, ministro delle Finanze uscente e presidente del Bundestag entrante, ha proposto un Fmi come “sovrano rigorista” delle finanze della Uem. La Vigilanza bancaria della Bce, il cui consiglio è presieduto da

  • 29 settembre 2017
    I primi passi  dell’Europa industriale con guida a tre

    Commenti e Idee

    I primi passi dell’Europa industriale con guida a tre

    Al rischio che l'esito delle elezioni in Germania compromettano il processo di integrazione europea si è contrapposto discorso europeista di Macron alla Sorbona. Si potrebbe dire che una Merkel euro-indebolita e un Macron euro-assertivo mantengono l’asse franco-tedesco con più Francia e meno

  • 15 settembre 2017
    Se Juncker trascura l’Eurozona

    Mondo

    Se Juncker trascura l’Eurozona

    Il discorso sullo Stato dell’Unione pronunciato da Juncker prefigura una Ue più forte e coesa adesso che la crisi economica è superata. L’apprezzabile impostazione comunitaria per la Ue a 27 trascura però l’Eurozona. Forse Juncker non aveva scelta in questa occasione ma, dopo la ovvia conferma a

  • 20 agosto 2017
    Dopo  il Pil  gli investimenti sono la partita in Europa

    Commenti e Idee

    Dopo il Pil gli investimenti sono la partita in Europa

    La crescita del Pil nel secondo trimestre del 2017 dell’1,5% sullo stesso trimestre 2016 e dello 0,4% sul primo trimestre del 2017 è una buona notizia che conferma molti altri dati su export,produzione industriale, occupazione.Le opinioni sono però discordi perché si passa dall’ottimismo sui dati

  • 09 agosto 2017
    La «staffetta» tra Pechino  e Berlino per la crescita

    Commenti e Idee

    La «staffetta» tra Pechino e Berlino per la crescita

    Mentre le “stravaganze” del presidente Trump continuano, le leadership di Angela Merkel e di Xi Jinping si consolidano. Guardando all’economia sul medio-lungo termine, una svolta si è avuta al G20 di Amburgo un mese fa.Troppo pochi hanno rilevato che questa 12esima riunione annuale del G20 dei capi

  • 26 luglio 2017
    La solidarietà economica che può aiutare  l’Africa

    Commenti e Idee

    La solidarietà economica che può aiutare l’Africa

    Trattando di Africa e di migrazioni verso l’Europa le opinioni vanno dalla affermazione “aiutiamoli a casa loro” fino a “accogliamoli tutti”. Non si tratta di una alternativa perché la cooperazione allo sviluppo e le migrazioni, se governate, sono complementari. Il principio su cui fondare le

  • 10 maggio 2017
    Dalla difesa comune una spinta alla ricerca

    Commenti e Idee

    Dalla difesa comune una spinta alla ricerca

    La vittoria di Macron nelle elezioni presidenziali francesi non risolverà in un sol colpo tutti i problemi di Ue e Uem. Essa è tuttavia un punto di svolta dal quale ripartire per rilanciare politiche di rafforzamenti funzionali e settoriali unificati la cui concretezza conta assai di più delle

  • 19 aprile 2017
    Statuti fiscali a misura di multinazionali

    Commenti e Idee

    Statuti fiscali a misura di multinazionali

    L’economia italiana nel 2017 dovrebbe crescere poco sopra l’1% livello annuale proiettato nel recente Def fino al 2020.A quella data saremo già alla metà della XVIII legislatura mentre adesso la XVII si avvia alla sua naturale conclusione nella primavera del 2018.Il Def si colloca a cavallo di

  • 06 aprile 2017
    Il percorso a ostacoli per convincere Bruxelles

    Commenti e Idee

    Il percorso a ostacoli per convincere Bruxelles

    A giorni il Documento di Economia e finanza (Def), contenente il Programma di stabilità e il Programma Nazionale di riforma, imposterà gli aggiustamenti per il 2017 e la legge di bilancio per il 2018. L’importanza di questo Def è evidente perché il 2018 sarà un anno elettorale cruciale nel quale si

  • 31 marzo 2017
    Eurobond, la leva del fondo salva Stati

    Commenti e Idee

    Eurobond, la leva del fondo salva Stati

    Ritorniamo alla nostra domanda iniziale (Il Sole 24 Ore di ieri): cosa faranno Bce e Sebc dei titoli che hanno in portafoglio? È possibile passare dall’Eurobond Composito all’EuroSintBond? Proviamo a ipotizzare che Bce e Sebc trasferiscano questi tioli all’Esm il cui capitale è detenuto secondo

  • 30 marzo 2017
    Eurobond «sintetici» la via per uscire dal Qe

    Commenti e Idee

    Eurobond «sintetici» la via per uscire dal Qe

    1. Premessa: quanti sono gli Eurobond “inesistenti”?

  • 25 marzo 2017
    La concretezza può salvare l’Europa ideale

    Notizie

    La concretezza può salvare l’Europa ideale

    La ricorrenza dei 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma del 25 marzo celebra una costruzione che è un esempio di portata storica di convergenza e anche di integrazione tra Paesi e gruppi di Paesi della Ue oggi a 27 Stati. La dichiarazione che verrà firmata dei capi di Stato e di Governo non

  • 07 marzo 2017
    Juncker «provocatore» sul futuro dell’Europa

    Commenti e Idee

    Juncker «provocatore» sul futuro dell’Europa

    I 60 anni dei Trattati di Roma del 25 marzo cadono in un momento molto difficile per l’Europa al punto che non si capiscono più i grandi vantaggi dall’Unione europea e dall’Unione economica e monetaria. Non bastano però le parole e la retorica per ricordare che i benefici superano i costi perché

  • 28 febbraio 2017
    Convergenza obbligata  per rilanciare  l’Europa

    Commenti e Idee

    Convergenza obbligata per rilanciare l’Europa

    La Commissione europea ha pubblicato nei giorni scorsi la valutazione della situazione economica e sociale, delle riforme strutturali e degli squilibri degli Stati membri nel «Pacchetto d’inverno del Semestre europeo». Si tratta di elaborati di notevole qualità ma anche complessi che avrebbero

  • 18 febbraio 2017
    La svolta che l’Europa non deve ignorare

    Commenti e Idee

    La svolta che l’Europa non deve ignorare

    Le tre recenti risoluzioni del Parlamento europeo (Pe) sono fondamentali nel metodo e nel merito per il futuro della Ue. Anche perché esito di un lungo processo nelle commissioni del Pe, da un confronto serrato tra i partiti politici del Pe e infine di deliberazioni dell’Assemblea europea. La prima