Le nostre Firme

Alberto Orioli

vicedirettore |  @orioli_alberto |  alberto.orioli@ilsole24ore.com |

Alberto Orioli nato a Ferrara il 18-7-1962 giornalista professionista dal 1983 ha frequentato l'Istituto per la formazione al giornalismo (Ifg) è vicedirettore del Sole 24 Ore dal 2008. Responsabile del servizio Problemi del lavoro alla fine degli anni 80, poi caporedattore e responsabile della Redazione romana come vicedirettore. Dal 2010 è vicedirettore a Milano. Si occupa di temi legati alla politica e alla politica economica nonché di lavoro e temi sociali. Ha scritto per Il Mulino <Gli oracoli della moneta> 2016; per Il Saggiatore <Non è il Paese che sognavo> con il Presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi sui 150 anni dell'Unità d'Italia (2011); per Il Sole 24 Ore <Figli di papà a chi?> libro sulla storia del Movimento dei Giovani imprenditori di Confindustria (2014); per Laterza <L'ultimo tabù> con Aris Accornero sull'abolizione dell'articolo 18 (1999); per Ediesse <Fondata sul lavoro?> libro intervista a Gino Giugni (1994); per Ediesse <L'accordo di San Tommaso> con Roberto Mania (1993).

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: italiano, inglese

Ultimo aggiornamento 08 ottobre 2018

Ultimi articoli di Alberto Orioli

    Reddito di cittadinanza, 5 punti che Di Maio deve chiarire

    Finora solo schegge. Così rarefatte da sembrare impazzite. Sul reddito di cittadinanza sono tanti i punti da chiarire. E farlo prima possibile aiuta l'opinione pubblica e i mercati, molto scettici sul tema che considerano uno dei punti più "pericolosi" della prossima manovra.

    – di Alberto Orioli

    Arrampicata sportiva, il piacere delle mani sulle rocce

    L'uomo di pianura «si arrampica», il climber «arrampica». Cade la forma riflessiva, il verbo si assolutizza. Perde senso quel cenno a un'egolatria spicciola e autoriferita, retaggio fanciullesco. L'arrampicata, con il suo brivido, non sconvolge solo le leggi della fisica e della gravità, ma anche

    – di Alberto Orioli

    Dall'approccio «punitivo» un boomerang per i precari

    Rendere più convenienti i contratti full time rispetto a quelli a tempo ha una logica. Farlo con l'aumento dei contributi per i contratti a termine e con il ritorno del balzello burocratico delle causali per i loro rinnovi non è la stessa cosa. Tuttavia sembra essere questa la strada annunciata

    – di Alberto Orioli

    Non è tempo di amarcord per il collocamento pubblico

    E' un bene aver dato centralità al tema delle politiche attive del lavoro. Una brutta definizione che indica la volontà di coprire, una volta per tutte, il divario tra chi cerca e chi offre lavoro e di creare forme di assistenza per chi cerchi o abbia perso il lavoro. Ma guai a tornare al

    – di Alberto Orioli

    I moniti dell'Europa non sono tutti uguali

    Se il vicepresidente della Ue Valdis Dombrovskis chiede all'Italia e al nuovo governo di rispettare gli impegni sulla riduzione del debito, dice una cosa che innanzitutto preme a noi come italiani.Il 132% di rapporto debito/Pil non è sostenibile a lungo e ogni anno divora oltre 60 miliardi di

    – di Alberto Orioli

    Lavoro e diritti, quali regole ai tempi della «gig economy»

    E' come se vivessimo nel mondo di "Blade Runner "con gli schemi intellettuali del "Nome della rosa". Un futuro medievalizzato. E' la situazione che vive oggi il diritto del lavoro quando deve fronteggiare l'impatto della diffusione dell'internet delle cose e dell'esplosione dei nuovi consumi online

    – di Alberto Orioli

    Il Rinascimento qui e ora

    Ci volevano un sudafricano professore a Oxford, ex economista della Bers (Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo), e un canadese, anch'egli professore a Oxford, curioso del mondo e capace di parlare il mandarino, per scuoterci dall'ottundimento quotidiano in questa Italia illividita e

    – di Alberto Orioli

    La partita dei posti stabili si vince con il taglio al cuneo

    Superata la nebbia fitta creata dai fumogeni della campagna elettorale il tema del lavoro si vede per quello che è: una variabile legata al ciclo economico, alla formazione e alle politiche di incentivazione.

    – di Alberto Orioli

    Il lavoro e l'anello mancante

    Nel giorno in cui si dovrebbe fare festa per il ritorno della produttività del lavoro si impone l'amara analisi della cartina dell'Italia declinata secondo il tasso di disoccupazione. E l'Italia al Sud si copre di giallo, il giallo M5s, dove la mancanza del lavoro è più forte.

    – di Alberto Orioli

    Contratti, la rivincita delle parti sociali sulle parole della politica

    In tempi di chimere sovraniste, un'intesa tra imprese e sindacati sull'esercizio di una sovranità micro come quella contrattuale è un segnale che la politica non può non cogliere. Dalle parti sociali arriva tutt'altro che uno scarto centrifugo, ma un accordo razionale, capace di guardare lontano,

    – di Alberto Orioli

1-10 di 486 risultati