Persone

Alberto Nagel

Alberto Nicola Nagel è nato il 7 giugno del 1965 a Milano ed è manager italiano, amministratore delegato di Mediobanca ed ex Vicepresidente di Assicurazioni Generali.

Conseguita la maturità classica presso l'Istituto Leone XIII di Milano, si è laureato in Economia Aziendale presso l'Università Bocconi.

Entrato in Mediobanca nel 1991, assume incarichi di responsabilità viia via crescente per diventare Funzionario il 1º aprile 1995 e Direttore Centrale il 1º febbraio 1998.

Nel 2002 diventa Vice Direttore generale ed a partire dall'aprile del 2003 è, sempre in Mediobanca, Direttore generale.

E' sotto la direzione manageriale di Nagel che avviene l'espansione del Corporate & Investment banking di Mediobanca sui mercati esteri con le nuove sedi di Parigi (2004), Mosca e Lussemburgo (2005), Francoforte, Madrid e New York (2007), Londra (2008), Istanbul (2013).

Il 21 giugno del 2013 presenta alla comunità finanziaria nazionale ed internazionale il piano strategico triennale 2014-2016 del grupppo bancario, che viene accolto positivamente e considerato da più parti come una svolta per il capitalismo italiano.

Nagel è stato anche Vicepresidente delle Assicurazioni Generali (una delle partecipate di Mediobanca) fino al 2012, quando, con l'entrata in vigore dell'articolo 36 del dl "salva-Italia", che bandisce i doppi incarichi negli organi di gruppi finanziari, ha dovuto rassegnare le dimissioni da consiglio.

Alberto Nagel è sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Alberto Nicola Nagel | Mediobanca | Bocconi | Milano | Leone XIII | Generali |

Ultime notizie su Alberto Nagel

    Mediobanca riorganizza l'investment banking

    Jean MarieMessier, fondatore della boutique parigina Messier Maris et Associès recentemente acquisita da Mediobanca, entra nell'organigramma di vertice di Piazzetta Cuccia che ha annunciato una nuova organizzazione per il suo core business, l'attività di corporate e investment banking.

    – di Antonella Olivieri

    Canzonieri, il «Gattuso» dei deal maker che cresce in Mediobanca

    «Quando l'ho incontrato la prima volta, mi sono un po' preoccupato. Ricordo di aver chiamato Nagel, lamentandomi della nuova Mediobanca. Poi mi sono dovuto scusare e ricredere: senza il lavoro di Francesco Canzonieri, all'epoca arrivato da poco in Piazzetta Cuccia, non avremmo mai chiuso con

    – di Alessandro Graziani

    Mediobanca, il 2% del capitale per i banker di Messier Maris

    In gioco c'è il 2% del capitale di Mediobanca, una quota superiore a quella di molti pattisti, ma è ad erogazione decennale e serve per "fidelizzare" i banker di Messier Maris & Associés, la banca d'affari francese recentemente acquisita con l'utilizzo di azioni proprie come moneta di pagamento.

    – di Antonella Olivieri

    Ecco perché Mediobanca ha rilevato Messier Maris & Associés in Francia

    Mediobanca si espande in Francia. Mediobanca e Messier Maris & Associés hanno infatti raggiunto un accordo di partnership strategica di lungo periodo sulla base del quale Mediobanca ha acquisito una partecipazione del 66% in Messier Maris & Associés. Fondata alla fine del 2010 da Jean-Marie Messier e Erik Maris,Messier Maris & Associés è oggi una delle tre principali boutique di Corporate Finance francesi, con un'ampia e fidelizzata base clienti anche a livello internazionale. MMA è specializzat...

    – Carlo Festa

    Manager, l'industria paga più delle banche con bonus e azioni gratis

    Bis di Sergio Marchionne, scomparso a luglio, come il manager più pagato tra le società quotate in Italia nel 2018, con 17,29 milioni di euro lordi. Al secondo posto Carlo Cimbri, numero uno di Unipol cresciuto all'ombra di Giovanni Consorte, con 14,78 milioni. Terzo con 13,68 milioni Valerio

    – di Gianni Dragoni

    Generali, Edizione supera quota 4%, mandato al vertice per nuovi acquisti

    Edizione si rafforza nel capitale delle Generali e potenzialmente potrebbe arrivare al 5% della compagnia. Secondo indiscrezioni, la holding che fa capo alla famiglia Benetton, socia fino a poche settimane fa del 3% del Leone, avrebbe aumentato già il peso azionario portandosi intorno al 4%.

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

1-10 di 491 risultati