Persone

Alberto Nagel

Alberto Nicola Nagel è nato il 7 giugno del 1965 a Milano ed è manager italiano, amministratore delegato di Mediobanca ed ex Vicepresidente di Assicurazioni Generali.

Conseguita la maturità classica presso l'Istituto Leone XIII di Milano, si è laureato in Economia Aziendale presso l'Università Bocconi.

Entrato in Mediobanca nel 1991, assume incarichi di responsabilità viia via crescente per diventare Funzionario il 1º aprile 1995 e Direttore Centrale il 1º febbraio 1998.

Nel 2002 diventa Vice Direttore generale ed a partire dall'aprile del 2003 è, sempre in Mediobanca, Direttore generale.

E' sotto la direzione manageriale di Nagel che avviene l'espansione del Corporate & Investment banking di Mediobanca sui mercati esteri con le nuove sedi di Parigi (2004), Mosca e Lussemburgo (2005), Francoforte, Madrid e New York (2007), Londra (2008), Istanbul (2013).

Il 21 giugno del 2013 presenta alla comunità finanziaria nazionale ed internazionale il piano strategico triennale 2014-2016 del grupppo bancario, che viene accolto positivamente e considerato da più parti come una svolta per il capitalismo italiano.

Nagel è stato anche Vicepresidente delle Assicurazioni Generali (una delle partecipate di Mediobanca) fino al 2012, quando, con l'entrata in vigore dell'articolo 36 del dl "salva-Italia", che bandisce i doppi incarichi negli organi di gruppi finanziari, ha dovuto rassegnare le dimissioni da consiglio.

Alberto Nagel è sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Alberto Nicola Nagel | Mediobanca | Bocconi | Milano | Leone XIII | Generali |

Ultime notizie su Alberto Nagel

    Mediobanca regge, con addio al Patto. Analisti puntano su appeal liquidità

    Nagel a maggio: «Già pronti anche a scioglimento anticipato» ... «Noi siamo pronti su entrambi gli scenari ed entrambi gli scenari ci trovano preparati», aveva del resto dichiarato lo scorso maggio l'a.d. Alberto Nagel, commentando la possibilità di uno scioglimento anticipato del Patto rispetto alla scadenza naturale di fine 2019.

    – di Paolo Paronetto

    Mediobanca, il patto regge: UniCredit allineato agli altri soci

    La terza generazione del management di Piazzetta Cuccia – l’ad Alberto Nagel e il presidente Renato Pagliaro – non è rimasta a guardare, ma ha guidato invece l’evoluzione, trasformando l’antico centauro – metà holding e metà banca d’affari – in una figura un po’ meno mitologica – più banca retail che banca d'affari – ma maggiormente in grado di stare al passo coi tempi per sostenersi in autonomia.

    – di Antonella Olivieri

    UniCredit resta in Mediobanca e frena sul dossier SocGen

    Tanto che a fine luglio, dopo un “franco e cordiale” confronto con l’ad di Mediobanca Alberto Nagel sul caso Ieo, l’ipotesi che Mustier uscisse da Mediobanca appariva concreta.

    – di Alessandro Graziani

    Generali, utile migliore da 10 anni. Nagel conferma, cessione del 3% di Trieste

    Mediobanca: Nagel, faremo acquisizioni anche quest'anno ... L'ad di Mediobanca, Alberto Nagel, ha spiegato che le aree di interesse per possibili operazioni di crescita esterna sono «il wealth management, ma anche il consumer e guardiamo all'advisory e al capital market».

    – di C. Condina e P. Paronetto

    Mediobanca, utili a 682 milioni Nagel: nessuna uscita dal patto

    Alberto Nagel archivia un altro trimestre a gonfie vele alla guida di Mediobanca e non prevede - a oggi - scossoni al patto di sindacato che contempla, a fine anno, una finestra di uscita anticipata, con disdette da inoltrare entro fine settembre. Il patto, che oggi vincola il 28,5% del capitale,

    – di Antonella Olivieri

    Mediobanca positiva dopo i conti trimestrali migliori delle attese

    La trimestrale migliore delle attese sostiene il titolo Mediobanca a Piazza Affari. Le quotazioni di Piazzetta Cuccia, pur in frenata rispetto ai massimi dell'avvio, si mantengono infatti in territorio positivo. L'istituto ha chiuso il terzo trimestre dell'esercizio 2017-2018 con un utile netto di

    – di Paolo Paronetto

    Mediobanca forte in Borsa, conti sopra le attese e payout più generoso

    Mediobanca è tra i migliori del FTSE MIB dopo la presentazione dei conti del IV trimestre giudicati sopra le attese dalle case di investimento che sottolineano inoltre l'aumento del pay-out (dal 40% al 40-50%), cioè la porzione di utili in distribuzione agli azionisti, e aspettano possibili mosse

    – di Andrea Fontana

1-10 di 477 risultati