Persone

Alberto Nagel

Alberto Nicola Nagel è nato il 7 giugno del 1965 a Milano ed è manager italiano, amministratore delegato di Mediobanca ed ex Vicepresidente di Assicurazioni Generali.

Conseguita la maturità classica presso l'Istituto Leone XIII di Milano, si è laureato in Economia Aziendale presso l'Università Bocconi.

Entrato in Mediobanca nel 1991, assume incarichi di responsabilità viia via crescente per diventare Funzionario il 1º aprile 1995 e Direttore Centrale il 1º febbraio 1998.

Nel 2002 diventa Vice Direttore generale ed a partire dall'aprile del 2003 è, sempre in Mediobanca, Direttore generale.

E' sotto la direzione manageriale di Nagel che avviene l'espansione del Corporate & Investment banking di Mediobanca sui mercati esteri con le nuove sedi di Parigi (2004), Mosca e Lussemburgo (2005), Francoforte, Madrid e New York (2007), Londra (2008), Istanbul (2013).

Il 21 giugno del 2013 presenta alla comunità finanziaria nazionale ed internazionale il piano strategico triennale 2014-2016 del grupppo bancario, che viene accolto positivamente e considerato da più parti come una svolta per il capitalismo italiano.

Nagel è stato anche Vicepresidente delle Assicurazioni Generali (una delle partecipate di Mediobanca) fino al 2012, quando, con l'entrata in vigore dell'articolo 36 del dl "salva-Italia", che bandisce i doppi incarichi negli organi di gruppi finanziari, ha dovuto rassegnare le dimissioni da consiglio.

Alberto Nagel è sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Alberto Nicola Nagel | Mediobanca | Bocconi | Milano | Leone XIII | Generali |

Ultime notizie su Alberto Nagel

    Generali, Edizione supera quota 4%, mandato al vertice per nuovi acquisti

    Edizione si rafforza nel capitale delle Generali e potenzialmente potrebbe arrivare al 5% della compagnia. Secondo indiscrezioni, la holding che fa capo alla famiglia Benetton, socia fino a poche settimane fa del 3% del Leone, avrebbe aumentato già il peso azionario portandosi intorno al 4%.

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    Generali: Caltagirone sale oltre il 5% del capitale, Del Vecchio al 4,8%

    Francesco Gaetano Caltagirone sale al 5% di Generali e in questo modo centra l'obiettivo che aveva annunciato diversi mesi fa diventando un azionista chiave del Leone di Trieste. Lo scorso 6 febbraio, infatti, l'imprenditore romano con due differenti operazioni ha rilevato altre 550mila azioni del

    Davos, il parterre degli italiani: i presenti e gli assenti

    Mancheranno Salvini e Di Maio: per loro, andare al Forum economico Mondiale di Davos - quintessenza dell'establisment globale, vertice delle elite globaliste - sarebbe controproducente in un momento ormai pre-elettorale in vista delle elezioni europee di maggio. Ma gran parte del potere economico,

    – di Stefano Carrer

    Industriali battono banchieri: ecco i 50 manager più pagati in Italia nel 2017

    Sergio Marchionne, l'ex amministratore delegato di Fca-Fiat Chrysler somparso il 25 luglio scorso, è stato il manager più pagato nel 2017 fra le società italiane quotate in Borsa, con 46,3 milioni di euro lordi di compensi totali, tra stipendio monetario, bonus e controvalore delle azioni gratuite,

    – di Gianni Dragoni

    Generali, Nagel: i prezzi attuali non vanno bene per la vendita del 3%

    «Ovviamente se il titolo» Generali «scende sotto certi livelli non è più interessante per noi vendere, non vendiamo registrando una minusvalenza, anche se devo dire che i nostri valori di carico e le nostre aspettative di prezzo non sono lontani anni luce dal prezzo attuale». Così l'amministratore

    Mediobanca regge, con addio al Patto. Analisti puntano su appeal liquidità

    La decisione a sorpresa di Vincent Bollorè, che ha comunicato la disdetta con un anno di anticipo al patto di sindacato di Mediobanca, provocando lo scioglimento dell'accordo parasociale dopo oltre 60 anni (il patto è nato nel 1956) non ha provocato particolari scossoni a Piazza Affari. Il titolo

    – di Paolo Paronetto

    Mediobanca, il patto regge: UniCredit allineato agli altri soci

    Il patto Mediobanca durerà almeno un altro anno: tutti i maggiori azionisti - UniCredit, Bolloré, Mediolanum, Benetton, Fininvest - sono orientati a non sfruttare la finestra di disdetta anticipata che si apre a fine mese. Oggi la questione potrebbe finere sul tavolo del cda di Piazza Gae Aulenti,

    – di Antonella Olivieri

    UniCredit resta in Mediobanca e frena sul dossier SocGen

    Il ceo di UniCredit Jean Pierre Mustier è orientato a rimanere ancora per un anno nel patto di sindacato di Mediobanca, rinunciando ad avvalersi della facoltà di disdetta anticipata entro il prossimo 30 settembre. Dalla banca arriva il consueto «no comment» ma, stando a fonti finanziarie citate

    – di Alessandro Graziani

    Lo spread presenta il conto a banche, famiglie e imprese

    La prima banca italiana, Intesa Sanpaolo, ha annunciato ieri che l'aumento dello spread tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi ha pesato sui conti del gruppo nel primo semestre, andando ad erodere il suo capitale di prima qualità (Core Tier 1) di 35 punti base. La prima assicurazione

    – di Morya Longo

1-10 di 482 risultati