Ultime notizie:

Alberto Marinelli

    La televisione e il web: lavori in corso

    Che cosa sta diventando la televisione? Domanda da un milione di dollari. In questi anni assistiamo all'avanzata delle forme di comunicazione online, ma è anche vero che è in corso una vera e propria golden age delle serie televisive. Nell'area fra tv e web, ci sono lavori in corso. Tra i soggetti che si occupano di monitorare il presente e il futuro di questo settore dei media, c'è anche DigiLab: un centro interdipartimentale di ricerca dell'Università La Sapienza di Roma, che organizza le ...

    – Gabriele Caramellino

    Tutto quello che sapete sulla social TV è falso

    Avrebbe potuto essere questo il titolo del panel di giovedì scorso, ospitato da Todi Appy Days - la seconda edizione della manifestazione dedicata al mondo delle applicazioni -. Una ghiotta occasione, nella quale ho avuto la fortuna di sedere ad un tavolo di tutto rispetto, che colpo dopo colo ha sfatato i luoghi comuni sulla condivisione dell'esperienza TV, per suggerire nuove direzioni in cui guardare. E' falso, ha esordito Antonio Pavolini, che sia possibile circoscrivere, e quindi quantific...

    – Paola Liberace

    Interattività! I media digitali e l'interazione uomo-macchina

    E' appena uscito il volume che ho curato sull'interattività, si chiama I media digitali e l'interazione uomo-macchina. Il libro fa parte della collana La società digitale curata da Mario Riciardi e l'editore è Aracne. Hanno partecipato parlando di nuove tecnologie, modi, forme, pratiche e storytelling Leandro Agrò, Stefania Antonioni, Sebastiano Bagnara, Ornella Costanzo, Luigi Galluccio, Salvatore Iaconesi, Mirko Lino, Giulio Lughi, Giusy Mandalà, Alberto Marinelli, Tatiana Mazali, Graziell...

    – Simone Arcagni

    Let's get #networked, right now

    Calmo, concreto, coinciso: Barry Wellman presenta il libro "Networked", scritto insieme a Lee Rainie - e tradotto ora in italiano, a cura di Alberto Marinelli e Francesca Comunello - armato di una sorta di "force tranquille", tutto teso a rassicurare gli astanti: no media panic, non bisogna avere paura dei media, tanto meno dei social networks. Non bisogna credere alle sirene di quanti, di tanto in tanto, si abbandonano all'allarmismo: specialmente tra i sociologi. Gli esempi citati spaziano da...

    – Paola Liberace

    Formazione, leadership, persone

    Quando gli dèi non c'erano più e Cristo non ancora, tra Cicerone e Marco Aurelio, c'è stato un momento unico in cui è esistito l'uomo, solo. Gustave Flaubert, scrittore francese (1821 - 1880). E senza dubbio questi anni sospesi tra passato, presente e futuro sono caratterizzati anche dal paradosso della sensazione di solitudine in un'epoca ricca di possibilità di socializzazione. I social networks sono l'esempio più evidente delle nuove opportunità di comunicazione e relazione oggi disponibil...

    – Gabriele Caramellino

    November mashup

    La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto, diceva Charles Bukowski, scrittore tedesco naturalizzato americano (1920 - 1994). Va anche detto che lo spettacolo a volte è bello e a volte no: fa tutto parte della varietà della vita. Dopo l'ampio e sorprendente gradimento riscontrato dal post precedente (Comunicare tra corpo umano, web e social media) su questo blog, propongo dunque un altro mix di notizie, ricordando che questo genere di post è in via di esaurimento,...

    – Gabriele Caramellino

    Televisivo, troppo televisivo

    Il pomeriggio di ieri alla Social Media Week di Milano, a parlare di "Narrazioni convergenti" (per chi non c'era, da rivedere qui), è stato impegnativo e coinvolgente - quasi come una serie di Lost. Proprio Lost ci ha dato l'occasione di rispondere alla domanda dalla quale eravamo partiti: è vero che (come qualcuno sosteneva) la TV sociale serve alla comunicazione, alla diffusione, alla promozione del contenuto - ma non entra nel contenuto, non lo condiziona, non lo tange?   E' stata Romana Andò...

    – paola liberace

1-10 di 16 risultati