Ultime notizie:

Alberto Lattuada

    Ugo Tognazzi, irresistibile e fiero goliarda

    Trent'anni fa moriva il grande attore e regista cremonese. Comico e tragico, lo vollero tutti i grandi: da Risi a Bertolucci, da Ferreri a Monicelli

    – di Cristina Battocletti

    Trent'anni fa moriva Ugo Tognazzi, irresistibile goliarda

    Moriva il 27 ottobre 1990 il grande attore e regista cremonese. Comico e tragico, lo vollero tutti i grandi: da Risi a Bertolucci, da Ferreri a Monicelli Sono passati trent'anni da quando Ugo Tognazzi morì, il 27 ottobre del 1990, nel sonno a Roma per un'emorragia cerebrale. Eppure, è indelebile nella nostra memoria la smorfia di sarcasmo e irrisione che caratterizzò la sua lunga e prolificissima carriera di attore. Classe 1922, lumbard di Cremona, Tognazzi fu uno dei pochi nordici, assieme a W...

    – Cristina Battocletti

    Per quest'anno non cambiare

    Complici i 7.500 chilometri di coste, il nostro cinema - da Rossellini a Paolo Virzì, passando per Dino Risi, i Vanzina e persino i cosiddetti "musicarelli" - ha quasi sempre affidato il racconto delle vacanze alla vita di mare, arricchendolo a piacere di incomunicabilità, screzi sociali ed edonismo. Anche grazie a queste pellicole, generazioni di stranieri si sono innamorate del nostro Paese, eleggendolo a meta del cuore. Quest'anno tocca a noi (ri)scoprirlo

    – di Mattia Carzaniga

    100 anni di Fellini

    Il 20 gennaio del 1920 nasceva il regista, sceneggiatore, illustratore riminese. Il ritratto dell'uomo, dei suoi film e degli attori feticcio

    – di Cristina Battocletti

    Ripido e scosceso

    La Gravina è un canyon di fronte al quale si rimane affascinati per l'aspetto primordiale. Anche per la Gravina, i Sassi sono scelti come set cinematografici di diversi film, dalla Lupa di Alberto Lattuada (1953) al Vangelo Secondo Matteo (1964) di Pier Paolo Pasolini fino a The Passion (2004) di

    Lo scrittore-libraio che «catturò» Hemingway

    Per cercare un'immagine di Alberto Vigevani, che non ho mai incontrato, diversa da quelle della maturità, ho digitato su Google I ragazzi di via Pal (non con la preposizione articolata di un altro film). In una foto di scena lo si vede in primo piano (era il capo della banda): ha sedici anni, ma ha

    – di Mario Andreose

    25 anni senza Fellini

    «Dovevo morire! Si conosceva anche la data, esattamente il 4 novembre 1961... Non sono addolorato, non ho paura, bisogna salutare gli amici, e soprattutto disdire gli appuntamenti». Così annotava Federico Fellini il 19 ottobre del 1961 nel diario in cui trascriveva, illustrandoli, i suoi sogni per

    – di Cristina Battocletti

    25 anni senza Fellini: l'uomo, il fumettista, il regista

    Moriva 25 anni fa il grande regista, fumettista e sceneggiatore, vincitore di 5 Oscar, di cui uno alla carriera. Rese immortali la sua Rimini e l'Italia degli anni Sessanta «Dovevo morire! Si conosceva anche la data, esattamente il 4 novembre 1961... Non sono addolorato, non ho paura, bisogna salutare gli amici, e soprattutto disdire gli appuntamenti». Così annotava Federico Fellini il 19 ottobre del 1961 nel diario in cui trascriveva, illustrandoli, i suoi sogni per Ernst Bernhard, lo psico...

    – Cristina Battocletti

    Foto d'autore per i Sassi del '53

    Un bianco e nero elegante, al tempo stesso primordiale come l'oggetto inquadrato: le case consumate, la sacra festa con Sant'Agata che svetta verso il cielo in cima al carro, lo sguardo provocante e selvaggio della Lupa. Nel '53 l'obiettivo di Federico Patellani ha documentato - prima ancora che le

    – di Eliana Di Caro

1-10 di 55 risultati