Persone

Alberto Contador

Alberto Contador Velasco è nato a Madrid il 6 dicembre del 1982, è alto 176 cm, pesa 62 Kg ed è un ciclista su strada. Nonostante la sua giovane età ha già al suo attivo il raggiungimento di traguardi che lo avvicinano ai grandi campioni della storia del ciclismo.

E' il vincitore dell'ultima edizione 2015 Giro d'Italia.

Diventato professionista nel 2003, già al Tour de France del 2005 si mette in evidenza come uno dei giovani più promettenti. Nel 2007, a soli 24 anni, vince il suo primo Tour de France, dopo la squalifica del danese Rasmussen. L'anno successivo non può difendere la maglia gialla perché la sua squadra, a causa di numerosi scandali in cui era rimasta coinvolta, non è invitata al Tour. Arriva quindi al Giro d'Italia ma in pessime condizioni fisiche. Pur senza preparazione specifica, Alberto Contador riesce a conquistare la vittoria della maglia rosa, rendendo la vittoria del Giro un risultato ancor più sorprendente.

Sempre nel 2008 conquista per prima volta anche la vittoria alla Vuelta a España, vittoria poi ripetuta nel 2012 e nel 2014.

Nella classifica generale dei migliori ciclisti del mondo spicca per essere uno dei 6 corridori ad aver vinto tutti e tre i grandi Giri ciclistici: Giro d'Italia (nel 2008), Tour de France (nel 2007 e 2009) e Vuelta a España (nel 2008, 2012 e 2014).

Contador inizia la stagione 2015 con l'obiettivo di centrare la "doppietta" Giro-Tour, riuscita solo a sei corridori nella storia e mai più verificatasi dal 1998.

La sua tenacia è stata premiata con la vittoria della novantottesima edizione del Giro d'Italia che lo ha visto sul podio del vincitore il 31 maggio del 2015, col tempo di 88 ore 22 minuti e 25 secondi in classifica generale, immediatamente sopra il ciclista italiano Aru Fabio secondo classificato con 88 ore 24 minuti e 18 secondi.

Contador è inoltre uno dei pochissimi ciclisti ad aver vinto Giro e Vuelta nello stesso anno. Nel 2009 torna a correre al Tour de France, scontrandosi con atleti del calibro di Lance Armstrong,suo compagno di squadra ma al tempo stesso, suo grande avversario. Nonostante la dura competizione e la pressione psicologica, Alberto Contador conquista il suo secondo Tour con un ampio margine sugli avversari, riconfermandosi un grande campione nel panorama del ciclismo internazionale.

Nel 2012 viene squalificato dal Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) per due anni, con efficacia retroattiva, in quanto il fatto incriminato, ossia la riscontrata positività al clenbuterolo nella misura di 50 picogrammi per millilitro - quantità infinitamente piccola e irrilevante ai fini della prestazione ma al di sopra della misura consentita dalle norme atidoping - risaliva al 24 agosto del 2010. Contador sì è difeso sostenendo che le tracce di clenbuterolo riscontrate sarebbero da imputare alle bistecche che avrebbe mangiato nelle ore immediatamente precendenti all'esame, trattandosi di elemento chimico spesso utilizzato negli allevamenti per favorire la crescita del bestiame,

Il TAS a proposito di tale vicenda ha affermato che pur non essendo nella fattispecie provato il doping, tuttavia la sola presenza di anabolizzanti rappresenta di per se stessa condizione sufficiente per squalificare Contador.

Il 5 novembre 2011 ha sposato Macarena Pescador nella chiesa di Santo Domingo de Silos, vicinio Madrid.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Alberto Contador Velasco | Lance Armstrong | TAS | Fabio Aru | Macarena Pescador | Spagna | Tribunale Arbitrale dello Sport | Rasmussen |

Ultime notizie su Alberto Contador

    Tornanti, nuvole e sudore

    Senza dimenticare le folli picchiate di Fiorenzo Magni sul Pordoi; la prima maglia rosa che il Pirata conquistò ai piedi della Marmolada nel ’98; lo Zoncolan, forse la montagna più dura d’Europa, di Gilberto Simoni e anche della rinascita di Ivan Basso e ’A muntagna di Alberto Contador.

    – di Maria Luisa Colledani

    Il Pistolero fa centro sull'Etna

    "Ricordo che a inizio salita non stavo bene, poi i miei compagni mi incitavano e lo scenario di quella meravigliosa salita mi spinse ad attaccare, a conquistare la tappa e la maglia rosa: fu una vittoria speciale, che non dimenticherò mai". Parole e musica sono di Alberto Contador, il fuoriclasse

    Ciclismo, Giro d'Italia 2018: Froome ci sarà

    Nasce a Milano la 101a edizione della Corsa Rosa. L'edizione del Giro 2018 partirà il 4 maggio con una crono individuale di 10 km a Gerusalemme e terminerà il 27 a Roma. L'annuncio è arrivato durante la presentazione, celebrata a Milano nel salotto di "Che Tempo che fa", la trasmissione Rai di

    – a cura di Datasport

    Ciclismo, Giro d'Italia 2018: Froome ci sarà

    Nasce a Milano la 101a edizione della Corsa Rosa. L'edizione del Giro 2018 partirà il 4 maggio con una crono individuale di 10 km a Gerusalemme e terminerà il 27 a Roma. L'annuncio è arrivato durante la presentazione, celebrata a Milano nel salotto di "Che Tempo che fa", la trasmissione Rai di

    – a cura di Datasport

    Ciclismo, mercato: tutti i movimenti per la prossima stagione

    Mikel Landa è, finora, il miglior colpo messo a segno per la prossima stagione. Lo spagnolo, infatti, dal prossimo anno correrà nella Movistar di Quintana e Valverde. Dopo due stagioni non troppo entusiasmanti, lo spagnolo ha deciso da lasciare il Team Sky, con cui, nell'ultimo Giro d'Italia, ha

    – a cura di Datasport

    Vuelta, ventunesima tappa: Trentin cala il poker ma la verde va a Froome

    Matteo Trentin cala il poker alla Vuelta di Spagna 2017. Il corridore italiano della Quick Step è il primo a tagliare il traguardo di Madrid in volata davanti al francese Lorrenzo Manzin ed al danese Soren Kragh Andersen. Chris Froome, già vincitore della Vuelta davanti a Nibali e Zakarin, chiude

    – a cura di Datasport

    Vuelta, ventesima tappa: Froome vince la Vuelta 2017

    Nella penultima tappa, ultima prima della passerella madrilena, vince Contador, autore di una grande prova su uno degli arrivi più impegnativi dei tre grandi giri. Una salita "spaccagambe" di 12 km, con una pendenza media sempre oltre il 10%, che lo spagnolo ha fatto con un'agilità che nessuno ha

    – a cura di Datasport

    Contador chiude la carriera con un'impresa alla Vuelta

    Che bel passo d'addio. Tanto di cappello. Alberto Contador, il grande campione spagnolo, conclude la sua straordinaria carriera con un fantastico assolo che lo porta a vincere la tappa più attesa: quella della salita asturiana dell'Angliru, un mostro verticale, dieci chilometri finali con delle

    – di Dario Ceccarelli

    Vuelta di Spagna, diciassettesima tappa: trionfa Denifl, Contador sfiora l'impresa

    Dopo la cronometro che ha allungato la classifica, si torna a salire nella diciassettesima tappa della Vuelta 2017. A transitare per primo sul traguardo di Alto de los Machucos, è Stefan Denifl che riesce a guardarsi le spalle dall'incredibile rimonta di un infinito Alberto Contador, secondo con

    – a cura di Datasport

1-10 di 292 risultati