Persone

Alberto Alesina

Alberto Alesina è nato a Broni (PV) il 29 aprile 1957 ed è un economista italiano, professore all'Università Harvard.

La sua formazione scolastica e accademica, inizia diplomandosi al liceo classico Berchet di Milano e prosegue con gli studi all'Università Bocconi di Milano, dove si laurea nel 1981.

Dopo la laurea inizia la sua carriera accademica negli Stati Uniti e dagli anni novanta partecipa periodicamente come ospite in alcuni programmi televisivi nazionali fra i più seguiti.

Alberto Alesina è attualmente Senior Associate per il Center for European Studies (CES), Research Associate per il National Bureau of Economic Research (NBER), il Center for Economic Development della Harvard University, e Research Fellow del Center for Economic Policy Research (CEPR). E’ Fellow della Econometric Society.

Alesina è inoltre autore di numerosi articoli presso le maggiori riviste scientifiche internazionali, è stato per otto anni co-editor del Quarterly Journal of Economics e sarà il nuovo direttore del dipartimento di Economia della Universita di Harvard.

Alberto Alesina ha pubblicato diversi libri fra cui: The Size of Nations, Fighting Poverty in the US and Europe: A World of Difference, Goodbye Europa, un saggio scritto a quattro mani con l'economista Francesco Giavazzi, e Il liberismo è di sinistra.

In un articolo, scritto con Andrea Ichino, ha avanzato la proposta provocatoria di tassare le donne in maniera inferiore rispetto agli uomini (Gender Based Taxation).

Si tratterebbe, secondo gli autori, di un provvedimento privo di costi per lo Stato e che dovrebbe contribuire al raggiugimento di effettive pari opportunità tra uomini e donne.

E' articolista delle riviste Voxeu.org e Lavoce.info, rivista on line, indipendente, di politica ed attualità.

Nel novembre 2009 ha pubblicato, sempre con Andrea Ichino, il libro L'Italia fatta in casa, nel testo gli autori si soffermano sull'importanza che riveste, per il benessere del sistema Paese, il lavoro fatto in casa dalle mamme, dai nonni, dai papà, un lavoro spesso invisibile nelle statiche sulla ricchezza del Paese ma che contribuisce, in maniera significativa, in Italia più che in altri paesi, al benessere generale della popolazione.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scuola e Università | Harvard | Pavia | Berchet | Europe | Bocconi | Milano | Senior Associate | Quarterly Journal of Economics | Goodbye Europa | Universita | Alberto Alesina | Francesco Giavazzi | Andrea Ichino |

Ultime notizie su Alberto Alesina

    I sette nodi economici che mettono a rischio la democrazia

    Fonte: Alberto Alesina, Carlo Favero, and Francesco Giavazzi, Austerity: When It Works and When It Doesn't. ... In Italiano: Alberto Alesina, Carlo Favero e Francesco Giavazzi, Austerità, Rizzoli, 2019.

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Nell'incertezza della pandemia, Visco invoca riforme e giustizia sociale

    Prima di chiudere con un messaggio positivo - "Nessuno deve perdere la speranza" - Visco esce dal discorso scritto e ricorda a braccio Fabrizio Saccomanni, scomparso nell'agosto scorso (già direttore generale della Banca, mancato governatore per il veto dell'allora ministro Giulio Tremonti) ed Alberto Alesina (capo del dipartimento di economia ad Harvard University), che mancheranno alla comunità italiana per la forza delle idee, la franchezza (dei grandi) e la straordinaria umanità.

    – Beniamino Piccone

    Cemento? No, grazie. Le vere infrastrutture sono digitali

    Ricordiamoci, in chiusura, di uno dei tanti insegnamenti di Alberto Alesina - straordinario economista e mentore - che illustrava, in ogni suo paper, l'evidenza empirica combinata con una rara intelligenza: "La parola infrastrutture è il salvagente di un'industria che non innova e non cresce.

    – Beniamino Piccone

    Addio ad Alberto Alesina, economista innovatore e uomo dal cuore immenso

    Per chi ha conosciuto Alberto Alesina solo attraverso i suoi contributi sulla stampa italiana è difficile capire la perdita che il mondo dell'economia ha subito oggi. ... Alberto è una delle menti più versatili e creative che l'accademia ha avuto nel campo dell'economia – certamente una stella tra i gli economisti italiani, come dimostrano la cattedra ad Harvard e i numerosi riconoscimenti. Ma Alberto è stato e resterà anche una persona che tutti ricordano per il suo...

    – di Silvia Ardagna e Eliana La Ferrara

    E' morto Alberto Alesina, economista e docente ad Harvard

    E' morto Alberto Alesina, economista italiano, professore all'Università Harvard e visiting professor all'Università Bocconi. ... Alesina era nato a Broni (PV) il 29 aprile 1957. ... Alberto Alesina era Senior Associate per il Center for European Studies (CES), Research Associate per il National Bureau of Economic Research (NBER), il Center for Economic Development della Harvard University, e Research Fellow del Center for Economic Policy Research (CEPR).

    Liberismo e statalismo, una dicotomia «romantica»

    Uno stato anarchico? Camillo Berneri - intellettuale libertario della generazione di Piero Gobetti, Carlo Rosselli e Antonio Gramsci - era arrivato, leggendo la Filosofia della pratica di Benedetto Croce, alla conclusione che occorresse anche parlare, in termini evidentemente pragmatici, dello Stato dopo la scomparsa dello? Stato auspicata dagli anarchici[1]. Gli anarchici e il crimine Benedetto Croce aveva infatti spiegato che la società avrebbe avuto comunque, dopo un'eventuale crollo dell'is...

    – Riccardo Sorrentino

    Errori di previsione del Pil durante l'Eurocrisi: quali cause?

    Da cosa dipesero i gravi errori di previsione della crescita del Pil durante la crisi? Per l'ex capo economista del FMI Olivier Blanchard si trattò di una sottostima dei "moltiplicatori keynesiani", che portò anche a sottovalutare gli effetti recessivi dell'austerity. Alberto Alesina, Carlo Favero e Francesco Giavazzi provano a confutare questa tesi e nel loro nuovo libro suggeriscono un'interpretazione alternativa. Emiliano Brancaccio, invece, questa volta spezza una lancia a favore dell'econom...

    – Econopoly

    Banche centrali, meglio se indipendenti. Ma il linguaggio dell'economia va rinnovato

    L'indipendenza delle banche centrali, oltre a essere una forma di tutela della democrazia, serve a proteggerci dagli aumenti spropositati dell'inflazione. Anzi, è stato dimostrato che tanto più una banca centrale è indipendente, quanto più l'inflazione è adeguatamente contenuta. Non si tratta di un'opinione personale o politica, ma di uno studio pubblicato nel 1993 sul Journal of Money, Credit and Banking e intitolato Central Bank Indipendence and Macroeconomic Performance: Some Comparative Evid...

    – Francesco Mercadante

    A Roma il festival dell'economia, in scena l'impresa di crescere

    L'economia è ormai inserita a pieno titolo all'interno della nostra vita quotidiana, come mostrano i dibattiti e le prese di posizione in scena in questi giorni relativamente ai contenuti e ai riflessi della manovra economica messa a punto dal governo. Ma se si esclude la tradizionale platea degli

1-10 di 223 risultati