Persone

Al Pacino

Al Pacino è nato il 25 aprile del 1940 a New York ed è un attore, regista e produttore cinematografico statunitense.

I genitori erano entrambi figli di immigrati italiani, originari della Sicilia.

Abbandonato dal padre quando era ancora in fasce, Al Pacino trascorse un'infanzia molto difficile, imbattendosi, già in eta adolescenziale, nell'uso dell'alcol e delle droghe leggere non ricorse tuttavia mai a quelle pesanti essendo rimasto molto scosso dalla prematura morte, per droga, di due suoi giovani amici.

All'età di 17 anni Al Pacino decise di abbandonare gli studi per dedicarsi allo svolgimento di diversi lavori: facchino, lustrascarpe ed operaio.

Nel 1962 rimasto orfano della madre, morta prematuramente all'età di 43 anni, si iscrive a numerose scuole di recitazione, venendo ammesso, alla fine degli anni '60, all'Actors Studio, dove seguirà le orme del suo più grande maestro, Lee Strasberg.

Nel 1972 venne scelto dal regista Francis Ford Coppola per interpretare il personaggio Michael Corleone ne "Il padrino"; si trattò di una svolta nella carriera cinematografica di Al Pacino, che gli valse una nomination al premio Oscar nella categoria miglior attore non protagonista.

Nel 1973 interpretò il film Serpico, che gli valse la candidatura all'Oscar nella categoria di miglior attore protagonista.

Nel 1975 ritornò ad interpretare Michael Corleone ne Il padrino - Parte II; il film ottenne undici nomination agli Oscar, vincendone sei, tra cui miglior film e miglior regia.

Negli anni succ essivi Al Pacino, diventato ormai una figura di spicco del lungometraggio, interpreta diversi films, tra i quali ricordiamo:

"Scarface" di Brian De Palma (1983); "Revolution" di Hugh Hudson (1985); "Scent of a Woman" di Martin Brest (1992); "L'avvocato del diavolo" di Taylor Hackford (1997)
"Insomnia" di Christopher Nolan (2002); 88 minuti (88 Minutes) di Jon Avnet (2007); "Ocean's Thirteen" di Steven Soderbergh (2007); "The Humbling" di Barry Levinson (2014); e "Danny Collins" di Dan Fogelman (2015).

Al Pacino ha avuto diverse relazioni ed è padre di Julie Marie (1989), nata dalla convivenza con Jan Tarrant, e dei gemelli Olivia e Anton, avuti nel 2001 dall'attrice Beverly D'Angelo.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Cinema | Al Pacino | Film | Julie Marie | Beverly D'Angelo | Francis Ford Coppola | Christopher Nolan | Barry Levinson | Brian De Palma | Hugh Hudson | Jon Avnet | Martin Brest | Steven Soderbergh | Taylor Hackford | Dan Fogelman | Jan Tarrant | Succ essivi | Lee Strasberg | Michael Corleone |

Ultime notizie su Al Pacino

    Dante Spinotti: 40 anni in cerca di luci e ombre

    Dopo aver ricevuto il Pardo e il Quarzo d'oro alla carriera, il direttore della fotografia festeggia la lunga attività con «Il minestrone». E ricorda che tutto iniziò sotto al suo letto d'infanzia Un cercatore di luci o di ombre «per dare corpo a una storia.». Ecco cos'è un direttore della fotografia per Dante Spinotti, che quest'anno compie ufficialmente 40 anni di carriera di "illuminatore" di pellicole con Il minestrone di Sergio Citti (1981). «Fu un bagno di romanità verace nelle perifer...

    – Cristina Battocletti

    Non c'è più il venditore di una volta. Ecco come adattarsi (o estinguersi)

    L'autore del post, Silvano Joly, 55 anni, torinese, guida Syncron in Italia e Spagna. Manager per Innovation Leader come PTC, Reply, Sap, Dassault Systemes e Centric Software, ha lavorato anche con Aziende pre-IPO, start up e collabora con varie Università Italiane. Mentore pro-bono di start-up high-tech è da sempre amico della Piccola Casa della Provvidenza (Cottolengo), il più antico istituto dedicato all'assistenza di persone con gravi disabilità - Nel 1976 Alberto Sordi diresse "Il comune s...

    – Econopoly

    Prima Netflix, poi Amazon e dietro Disney. Il riassunto sulla serata dei Golden Globe

    Prima Netflix, poi Amazon e dietro Disney. Vincono ancora una volta loro la sfida dei Golden Globe Awards, i prestigiosi premi della HFPA (la Stampa Estera di Hollywood), dedicati a film e serie tv. Se l'anno scorso è stato l'anno dei record con 42 nomination all'attivo, quest'anno è stato l'anno della conferma. Sei premi su un totale di 11 per la sezione serie tv mentre se si aggiunge la categoria film, Netflix ha vinto 10 premi su 25 disponibili. Nelle categorie particolarmente ambite della mi...

    – Luca Tremolada

    Serie tv, Netflix trionfa con The Crown e la Regina degli Scacchi. Tutti i vincitori dei Golden Globe

    Prima Netflix, poi Amazon e dietro Disney+. Vincono ancora una volta loro la sfida dei Golden Globe Awards, i prestigiosi premi della HFPA (la Stampa Estera di Hollywood), dedicati a film e serie tv. Se l'anno scorso è stato l'anno dei record con 42 nomination all'attivo, quest'anno è stato l'anno della conferma. Sei premi su un totale di 11 per la sezione serie tv mentre se si aggiunge la categoria film, Netflix ha vinto 10 premi su 25 disponibili. Nelle categorie particolarmente ambite della m...

    – Luca Tremolada

    Scritte, una storia che cammina

    Caselle in Pittari, 10 Settembre 2021 Caro Diario, ieri con Nicola Chiacchio è stata una giornata buona. Nicola fino a Dicembre è assegnista di ricerca per Scritte, ha fatto il lavoro di tesi per la magistrale su Scritte come nuovo paradigma di impresa, insomma contribuisce con un pezzetto delle sue idee e del suo lavoro alla navigazione del nostro progetto editoriale. E' arrivato in tarda mattinata, abbiamo fatto un giro in sala d'incisione e in bottega, dove abbiamo scritto sul muro una prima ...

    – Vincenzo Moretti

    Brand di mafia e nomi di boss: così nel mondo fanno affari migliaia di imprese

    Il nome "mafia", declinato anche nei sostantivi regionali, nazionali e internazionali, non solo va di moda - anche solo per promuovere un nuovo ristorante - ma stuzzica in tutto il mondo la fantasia di commercianti e imprenditori: dagli Usa alla Russia, dalla Tanzania a Puerto Rico

    – di Roberto Galullo

1-10 di 190 risultati