Ultime notizie:

Al Capone

    Così i gestori eliminavano le tracce sugli smartphone

    Quello che vedete nella foto in basso è un innocuo apparecchio che si trova legalmente in commercio. E' comodo da tenere in una mano e da utilizzare, ma soprattutto si può facilmente riporre in un cassetto sicuro, magari chiuso a chiave. La scatolina grigia è una memoria al cui interno si può

    – di Angelo Mincuzzi

    Il fallimento è sparito e le crisi vanno previste: Pmi, abbiamo un problema?

    Il fallimento non esiste più; è stato abolito per legge. D'ora in poi, se si vorrà andare male, finire in concordato preventivo e approdare in tribunale si dovrà essere liquidati (lo ammetto suona un po' come un regolamento di conti della mafia di Al Capone, ma ok). Quello che sembra una battuta è una semplice verità. Al termine di un iter complesso ed articolato, il decreto legislativo, in attuazione della L. 155/2017, rubricato "Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza" è stato definit...

    – Enrico Verga

    Con Tintin a spasso nella storia

    «Un grande uomo, e mite. E' mai possibile? I grandi uomini, veri o presunti, il più delle volte lo diventano grazie alla baruffa, alla battaglia, all'arroganza, al colpo letale inferto a tradimento: sono grandi belve. Georges Remi è un grand'uomo vero, raro, mite». Così Michel Serres inizia il

    – di Emilio Gentile

    Dodici mesi di carcere a un dentista per evasione fiscale. Accade nell'America di Trump. E in Italia?

    In Italia il tema dell'evasione fiscale è un tabù che i partiti si guardano bene dall'affrontare in una campagna elettorale. Eppure 108 miliardi (o 120 a seconda dei calcoli) non dichiarati al fisco ogni anno sono a, ben pensarci, un'enormità. E così mentre in Italia si chiudono entrambi gli occhi pur di evitare l'argomento, dall'altra parte dell'Atlantico arriva una notizia che fa meditare. Un dentista residente a Shelby County, nel Tennessee, è stato condannato pochi giorni fa a 12 mesi di c...

    – Angelo Mincuzzi

    Manson e l'«Helter Skelter»: quando il diavolo si chiamava Charlie

    C'è stato un tempo in cui il diavolo per gli americani si chiamava Charlie. Con quel diminutivo da strisce a fumetti i marines al fronte indicavano il nemico vietnamita, una non meglio identificata entità che, in qualsiasi momento, nel bel mezzo della giungla si sarebbe potuta manifestare per

    – di Francesco Prisco

    LIBRO APERTO A FIRENZE (una fiera con anche dei Comics!)

    Chi, per San Valentino, ha cercato di evitare i cioccolatini avvolti nelle citazioni delle più acute massime della Pausini, quasi sicuramente si è orientato sul prodotto dell'industria dolciaria pubblicizzato sopra. Peraltro, arrivano circolari dove si spiega che la festa di San Valentino non è altro che la commemorazione della famosa strage che avvenne nel 1929 a Chicago a opera di Al Capone. Il tubo dei baci Perugina, prende proprio spunto dalla canna del modello di mitragliatrice che venne...

    – Luca Boschi

    New York e Chicago, ecologia, cultura liberal e grande freddo

    Atterrare a New York, curiosa associazione mentale, fa sempre ricordare una vecchia canzone degli U2: Angel of Harlem. «It was a cold and wet december day / when we touched the ground at JFK».? Evoca grandi nevicate, lunghi inverni, e il fumo denso dai tombini della Grande Mela, la città più grande

    – di Simone Filippetti

    New York e Chicago, ecologia, cultura liberal e grande freddo

    Atterrare a New York, curiosa associazione mentale, fa sempre ricordare una vecchia canzone degli U2: Angel of Harlem. «It was a cold and wet december day / when we touched the ground at JFK».? Evoca grandi nevicate, lunghi inverni, e il fumo denso dai tombini della Grande Mela, la città più grande

    – di Simone Filippetti

1-10 di 68 risultati