Aziende

Airbnb

L'azienda Airbnb è stata fondata nell'agosto del 2008, ha sede principale a San Francisco (California), conta 21 uffici nel mondo e 3000 dipendenti. Il portale di annunci che permette di pubblicare e prenotare alloggi in 34000 città e 191 paesi, sia dal pc e da cellulare, è stato creato da Joe Gebbia, Brian Chesky e Nathan Blecharczyk.

Nato da un'idea di Brian e Joe, che per primi offrirono a pagamento ai turisti delle stanze del loro loft a San Francisco per contribuire alle spese del proprio affitto, il business si è sviluppato in pochi anni, dopo l'intervento dell'incubatore Y Combinator e degli investimenti milionari di Greylock Partners e Sequoia Capital. Socio investitore di Airbnb è anche l'attore e partner della A-Grade Investments, Ashton Kutcher.

Il valore della piattaforma di home-sharing più utilizzata al mondo, Airbnb, è di circa 30 miliardi di dollari (dati luglio 2016) secondo Equidate, un mercato dove vengono scambiate le azioni di società tecnologiche non quotate. In Italia nel 2015 ci sono stati 83000 host registrati che hanno guadagnato affittando stanze o appartamenti una media di 2300 euro all'anno.

Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Joe Gebbia | Airbnb | California | Y Combinator | Brian Chesky | Nathan Blecharczyk | Greylock Partners | Nato | Ashton Kutcher |

Ultime notizie su Airbnb

    CleanBnB, i soggiorni gestiti salgono a 4.397 (+169% annuo)

    Tali dati si inseriscono nel contesto di continua espansione del mercato degli affitti brevi in Italia, come attestano i dati diffusi da Airbnb che evidenziano che l'Italia rappresenta il terzo mercato al mondo dopo Usa e Francia per numero di annunci pubblicati.

    – di Radiocor Plus

    Affitti brevi gestiti su Airbnb: non scatta l'attività d'impresa

    Per stabilire se l'affitto breve gestito tramite Airbnb configura o no attività d'impresa, la stella polare è rappresentata dal Codice civile e dal Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir). ... siano stipulati direttamente o tramite soggetti che fanno intermediazione immobiliare o gesticono portali online (come Airbnb, ma non solo);

    – di Cristiano Dell'Oste

    La metamorfosi delle piattaforme agricole

    Una volta la parola chiave per raccontare i territori era "distretto". Oggi ti ritrovi a usare, mutandola dal digitale, "piattaforma". Potenza della tecnica e del desiderio di guardare avanti per capire tendenze economiche e sociali. Partendo dalle potenzialità del digitale, scaviamo dentro le

    – di Aldo Bonomi

    Case per studenti, la sfida si gioca su palestre, spazi food e servizi

    E' un business ancora sottodimensionato quello degli studentati, con un gap tra domanda e offerta nonostante le pipeline in via di sviluppo, ma che è destinato a evolversi puntando, rispetto ad altre forme di residenzialità, su una maggiore attenzione ai servizi, agli spazi comuni, al coinvolgimento degli ospiti e che, come già avviene all'estero, dovrà presto integrare al piano terra un'offerta retail

    – di Laura Dominici

    Overtourism, perché se ne parla troppo e non è il vero problema italiano

    L'autore di questo post è Luca Martucci, consulente ed esperto di marketing di destinazione - Overtourism è la parola sulla bocca di tutti. Il termine divenuto così popolare è spesso abusato, grazie a falsi miti e molta superficialità, ma Il turismo c'entra fino ad un certo punto. Probabilmente il founder del travel magazine Skift non immaginava l'inferno mediatico che avrebbe scatenato, quando nel 2016 usò questo termine in una mail ai suoi collaboratori per parlare poi dell'Islanda! L'accusa,...

    – Econopoly

    Corsa agli affitti e turismo scaldano i canoni nelle città

    Canoni in rialzo del 4,3% negli ultimi otto mesi. Il costo medio degli affitti è in aumento un po' in tutto il Paese, ma soprattutto nelle grandi città. L'ufficio studi di Immobiliare.it registra così un ulteriore scatto in avanti del mercato delle locazioni abitative, in linea con gli ultimi

    – di Michela Finizio

    Rispunta la web tax, da anni senza decreti attuativi

    L'accordo programmatico per il nuovo governo, consegnato l'altra sera al premier incaricato Giuseppe Conte (si veda«Ill Sole 24 Ore »di ieri) torna sulla web tax, definita «necessaria per le multinazionali del settore che spostano i profitti e le informazioni in paesi differenti da quelli in cui

    – di Alessandro Galimberti

    Vuoi sapere se la tua famiglia spende troppo (rispetto alla media)?

    Frutta e verdura, scarpe, farmaci, benzina. Scopri se il budget di spesa della tua famiglia per questi (ed altri) prodotti e servizi è nella media rispetto al dato Istat. E' questo il senso del tool messo a punto da Infodatablog utilizzando la base dati dell'Istituto nazionale di statistica sui consumi medi delle famiglie italiane. Inserendo i dati relativi alle proprie spese (stimate su base annuale) è possibile, con un semplice click, vedere se gli importi sono in linea con le medie 2018 regis...

    – Infodata

1-10 di 722 risultati