Ultime notizie:

Ada Masoero

    De Chirico in punta di penna e di pennello

    Che de Chirico non avesse un carattere facile, è risaputo. Ma leggendo le 460 lettere da lui scritte tra il 1909 e il 1929 a intellettuali e artisti di primo rango (Apollinaire, Soffici, Papini, Breton, Tzara, Paul e Gala Eluard...), a collezionisti, galleristi, mercanti (Paul Guillaume e Léonce

    – di Ada Masoero

    Leoncillo, il "ceramista"

    Per decenni, dopo la morte prematura, di Leoncillo (Leoncillo Leonardi, Spoleto, 1915 - Roma, 1968) non si parlò più. Dimenticato, se si escludono le rare mostre dei critici che lo avevano sostenuto in vita, a dispetto della fortuna di cui la sua scultura aveva goduto sin dai tardi anni '40, quando

    – di Ada Masoero

    Mario Schifano, gli anni felici

    MILANO. Per inaugurare la sua galleria, lo Studio Marconi, nell'autunno del 1965, Giorgio Marconi (uno dei galleristi più influenti del secondo '900, tuttora molto attivo con la sua Fondazione) organizzò una collettiva di quattro artisti. Erano Adami, Del Pezzo, Tadini e Schifano (1934-1998),

    – di Ada Masoero

    Francesco Hayez, la Valenza Gradenigo ritrovata

    MILANO - Mentre alle Gallerie d'Italia-Piazza Scala e al Museo Poldi Pezzoli continua fino al 17 marzo la grande, magnifica mostra sul Romanticismo curata da Fernando Mazzocca, a poche centinaia di metri, la GAM-Galleria d'arte moderna (uno dei musei più affascinanti di Milano sia per il

    – di Ada Masoero

    Le "Pietà" di Michelangelo e la metamorfosi del Vesperbild

    Scaturita da un'idea di Salvatore Settis e curata da Antonio Mazzotta e Claudio Salsi con Agostino Allegri e Giovanna Mori, Vesperbild. Alle origini delle "Pietà" di Michelangelo è una mostra da non perdere, per la bellezza delle opere e per la limpidezza del suo messaggio, capace di parlare a ogni

    – di Ada Masoero

    Chi ha paura del disegno?

    «Chi ha paura del disegno?» si domanda, ironicamente, il titolo della mostra che dal 23 novembre al 24 febbraio presenta nel Museo del Novecento un centinaio di opere su carta del '900 italiano raccolte dal milanese Pino Rabolini in molti anni di silenziosa ricerca. Obiettivo del collezionista,

    – di Ada Masoero

    Il moderno primitivismo di Paul Klee

    E' stato uno dei padri dell'arte moderna, nel 1911-12 esponente di primo piano del gruppo del «Cavaliere Azzurro», con Kandinskij, Franz Marc e altri grandi artisti del tempo, e poi, negli anni 20, docente (come anche Kandinskij, di cui era stretto amico) al Bauhaus. Musicista e poeta, fine

    – di Ada Masoero

    L'arte che spaventava Hitler

    Erano passati poco più di due mesi dalla sua nomina a Cancelliere del Reich - il 30 gennaio 1933 - quando Hitler ordinò alle Squadre d'assalto di chiudere il Bauhaus, la scuola superiore d'arte e architettura allora diretta da Mies van der Rohe che, cacciata l'anno prima da Dessau - già in mano ai

    – di Ada Masoero

    Fondation Beyeler tra urli e ombre

    Bacon e Giacometti insieme. Perché mai? Appartenevano, è vero, alla stessa generazione, quella che visse le tragedie della seconda guerra mondiale, ed erano entrambi fedeli alla figura in anni in cui l'astrazione radicale dell'Informale europeo e dell'Espressionismo astratto americano la faceva da

    – di Ada Masoero

1-10 di 194 risultati