Persone

Abu Mazen

Mahmud Abbas, più noto in Italia con il nome di Abu Mazen

è nato a Safad il 26 marzo del 1935 ed è stato Presidente dell''Autorità Nazionale Palestinese.....

Ha ricoperto tale incarico dal 2005, anno in cui ha vinto le elezioni presidenziali, al 3 gennaio 2013, quando l'ANP è stata formalmente assorbita dal proclamato Stato di Palestina. Attualmente è Presidente della Palestina e dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina.

La sua presidenza si è caratterizzata per il pragmatismo, ma anche per lo scontro politico e talvolta militare con l'ala estremista di Hamas.

Con Israele si è sempre dichiarato aperto al dialogo, ma ha rifiutato di proseguire i negoziati fin quando quest'ultimo continuerà a costruire nuovi insediamenti nei territori occupati. Prima di essere presidente dell'autorità nazionale palestinese è stato, dal 2004, presidente dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, succedendo in questa carica a Yasser Arafat.

Abu Mazen entrò nell'Olp già negli anni Sessanta, quando lavorava in Qatar: in quel periodo Arafat stava cercando il sostegno dei palestinesi emigrati all'estero. Proprio Arafat, che fu alla guida dell'OLP sin dalla sua fondazione, nominò nel 2003 Abu Mazen Primo Ministro, cedendogli parte dei propri poteri. La nomina di Abu Mazen a primo ministro è stata fortemente sostenuta dai paesi occidentali a seguito del rifiuto di Israele di proseguire i negoziati con Arafat. Abu Mazen era infatti il candidato ideale per subentrare al leader in quanto si presentava come una personalità moderata ma era anche uno dei pochi esponenti politici ad aver contribuito alla creazione dell'OLP, godendo quindi del sostegno popolare.

Abu Mazen è laureato in legge all'università di Damasco ed ha effettuato un dottorato di ricerca in storia all'università di Mosca.

Il 27 aprile del 2013 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria napoletana ed il giorno successivo quella di Pompei.

Hanno destato particolare attenzione le sue dichiarazioni contro l'Olocausto definito "il più odioso crimine contro l'umanità avvenuto nell'era moderna", dichiarazioni rese durante la celebrazione dello Yom HaShoah e che hanno visto per la prima volta un leader palestinese usare in pubblico parole così gravi contro il genocidio nazista.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Abu Mazen | Yasser Arafat | Organizzazione per la liberazione della Palestina | Hamas | Italia | Israele | Mahmud Abbas |

Ultime notizie su Abu Mazen

    Chi può fermare l'annessione israeliana

    Per la prima volta un capo di governo israeliano è alla sbarra in un tribunale, accusato di reati che potrebbero costargli il posto e la prigione. In realtà il primo premier a essersi trovato in quelle condizioni non è Bibi Netanyahu ma Ehud Olmert, nel 2008. Fra i due, tuttavia, c'è una differenza non solo sostanziale ma anche morale. Accusato di illeciti simili, legati alla corruzione, Olmert diede le dimissioni prima di entrare in tribunale: annunciò di volersi presentare ai giudici da sempli...

    – Ugo Tramballi

    Israele - Palestina: una pace senza pace

    Immaginiamo che il Trump Show visto alla Casa Bianca non fosse solo una finzione trasformata nella realtà di un Truman Show. Che effettivamente fosse l' "accordo del secolo" e non un'oscenità diplomatica costruita da un enfant gaté al quale il suocero aveva promesso di farne uno statista. Con pennarello per sottolineare e block notes per prendere appunti ho letto le 181 pagine di "Peace to Prosperity - A Vision to Improve the Palestinian and Israeli People". Per cosa avrei chiamato Slow News qu...

    – Ugo Tramballi

    Il Natale triste di Betlemme nella «disputa» tra palestinesi e israeliani

    Le bande dei boy-scout venute da tutta la Palestina, scendono dal suq uguale alla quinta di un presepe: case a cupola, campanili e minareti. Attraversano la piazza della Mangiatoia e davanti alla chiesa della Natività, svoltano a sinistra, marciando verso altri vicoli del cuore di Betlemme. E' così

    – di Ugo Tramballi

    La pace del secolo fra Israele e Palestina (Trump dixit)

    Donald Trump ci sta preparando una nuova grande sorpresa d'estate. No, non l'imminente vertice della Nato nel quale l'Alleanza Atlantica farà la fine del G7: cioè diventerà un altro campo di battaglia fra l'America e l'Occidente. Non lo sarà nemmeno il successivo incontro a Helsinki fra Trump e Vladimir Putin: il primo vertice fra due grandi potenze bianche, cristiane e populiste, contro gli smidollati sistemi liberal-democratici. La sorpresa sarà ancora più impensabile: un nuovo piano di pace f...

    – Ugo Tramballi

    Proteste palestinesi, l'Argentina annulla l'amichevole con Israele

    L'Argentina non giocherà la partita amichevole contro la nazionale israeliana a Gerusalemme. Dopo due giorni di polemiche, proteste e minacce la gara prevista per il 9 giugno è saltata. A innescare la miccia era stato il presidente della Federcalcio palestinese, generale Jibril Rajoub, da molti

    Storia di Gaza, un inferno lungo 12 anni sotto il segno di Hamas

    Entrarci richiede anche un'ora. Uscirci molto di più. Ci vuole pazienza; occorre sottoporsi alle meticolose perquisizioni dei soldati israeliani, ai raggi X, ai body scanner. A volte anche spogliarsi ed attendere senza indumenti in una stanza fredda.

    – di Roberto Bongiorni

1-10 di 485 risultati