Aziende

Salini Impregilo

Salini Impregilo è un gruppo industriale specializzato nella realizzazione di grandi opere complesse, è attivo in oltre 50 Paesi con 35.000 dipendenti, vanta un giro d'affari annuale di circa € 4,7 miliardi ed un portafoglio ordini che supera i 33 miliardi di euro.

Il Gruppo è attivo nella costruzione di grandi opere quali dighe, impianti idroelettrici, opere idrauliche, ferrovie, metropolitane, aeroporti, autostrade ed edilizia civile e industriale.

Il Gruppo Salini Impregilo è ufficilamente nato il 1 gennaio 2014, risultato della fusione per incorporazione di Salini in Impregilo ma le due aziende fondatrici operano sul mercato delle grandi costruzioni ingegneristiche da oltre 100 anni.

Il percorso che ha portato alla fusione è iniziato nel 2011 con l'ingresso di Salini nel capitale Impregilo ed è proseguito nell'estate del 2012 con il coinvolgimento degli investitori nel Progetto Campione Nazionale®, attraverso una sollecitazione di deleghe di voto.
Salini S.p.A., il 6 febbraio del 2013 ha lanciato un'Offerta Pubblica di Acquisto sulla totalità delle azioni ordinarie di Impregilo, dando così i natali al nuovo Gruppo Salini Impregilo.

Tra i lavori più spettacolari eseguiti da Impregilo, vanno ricordati negli anni Settanta il trasferimento del complesso archeologico di Abu Simbel, in cui il tempio fu tagliato a pezzi e ricostruito a monte di una diga in costruzione. Altri grandi lavori all'estero a cui ha partecipato la società sono la diga di Karanjukar in Islanda ed il raddoppio del Canale di Panama.

.

Ultimo aggiornamento 27 giugno 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Beni culturali | Impresa | Benetton | Fiat | Borsa Valori | Gruppo Salini Impregilo | Ligresti | Lodigiani | Milano | Salini S.p.A. |

Ultime notizie su Salini Impregilo

    Borse raffreddate da Trump su dazi Cina. Piazza Affari si salva

    Prevalgono le vendite in Europa: per il presidente Trump l'accordo da firmare negli Usa non prevede l'eliminazione di tutte le tariffe . A Milano il risveglio delle utility prima delle trimestrali e l'accordo Tim-Google compensa i cali delle banche e fa chiudere il listino in lieve incremento. Nella prossima settimana focus soprattutto sui dati macroeconomici statunitensi e sul settore auto

    – di Eleonora Micheli e Andrea Fontana

    Salini Impregilo, parte la ricapitalizzazione da 600 milioni

    Chiusa in poche ore l'operazione da 600 milioni di euro con il collocamento di 400 milioni di titoli che darà vita a Progetto Italia e sancisce l'ingresso di Cdp nel capitale della compagnia e la conseguente diluizione del socio Salini Costruttori che comunque parteciperà all'iniezione di liquidità con 50 milioni. Forti richieste dagli investitori istituzionali

    – di Laura Galvagni

    Segnali di pace Usa-Cina spingono Borse. A Piazza Affari sprint Unicredit

    Piazze europee tutte positive, mentre Wall Street aggiorna i massimi. Prosegue la stagione delle trimestrali delle grandi società quotate. A Piazza Affari oltre a Unicredit, bene Generali. Bene il lusso sull'allentamento delle tensioni sui dazi. Spread in rialzo a 150 punti

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Salini e Astaldi vincono la gara per i treni canadesi dell'Ontario

    L'ingeneria italiana conquista nuovi successi all'estero. Salini Impregilo e Astaldi, membri del consorzio Mobilinx insieme a partner canadesi, si aggiudicano il contratto per i lavori di ingegneria civile del progetto Hurontario Light Rail Transit (HuLRT), del valore di 917 milioni di euro (circa 1,3 miliardi di dollari canadesi) e commissionato da Infrastructure Ontario e Metrolinx

    – di Marco Morino

    Salini, 2019 anno record. Ordini potenziali oltre 20 miliardi

    Confermata la strategia commerciale «di consolidamento del portafoglio ordini nei mercati con un basso profilo di rischio e che presentano ottime previsioni in termini di pianificazione di grandi opere infrastrutturali anche nei prossimi anni»

    Italia-Turchia: sulle relazioni economiche pesa più il rischio cambio che la crisi siriana

    Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha annunciato che, oltre alla sospensione delle esportazioni future di armi alla Turchia (che avverrà per decreto), l'Italia avvierà anche «un'istruttoria dei contratti in essere» con Ankara. Ma, come nel passato, le imprese avranno probabilmente più lungimiranza della politica e sapranno valutare i rischi reali del business con la Turchia

    – di Gerardo Pelosi

1-10 di 345 risultati