Aziende

Youtube

Creato nel 2005 da tre soci, Chad Hurley, Steve Chen e Jawed Karim, Youtube è il primo e più famoso sito internet per video sharing, ovvero per la condivisione di filmati. Il primo video caricato, il 23 aprile dello stesso anno, è stato “Me at the zoo” da Jawed Karim, filmato della durata di 19 secondi che è stato girato di fronte alla gabbia degli elefanti dello zoo di San Diego. Già nel giugno del 2006 però i dati forniti dall’azienda stessa hanno indicato in cento milioni il numero di video visti ogni giorno dagli utenti di Youtube. A tutt’oggi in media sono circa 100mila i filmati che vengono messi ogni giorno sui server della società che ha sede nella località di San Bruno, in California. L’accesso al portale per la visione dei filmati è gratuito, come anche l’upload dei video: solamente, per poter effettuare quest’ultima operazione, bisogna essere utenti registrati nel database di Youtube. Dal momento della sua esplosione come sito di condivisione di video infatti, Youtube ha iniziato ad avere diversi problemi con i diritti d’autore delle opere contenute nei suoi filmati (perché spesso prese da film, telefilm, programmi televisivi e radiofonici) caricati sui suoi server. È stato quindi creato un regolamento che vieta l'upload di materiale protetto da diritto d'autore se non se ne è titolari e che si basa su una verifica ex post di quanto proposto dagli utenti. Youtube consente invece senza problemi, fatti salvi quelli di licenza autoriale, l’incorporazione dei propri video all’interno di altri siti web, come ad esempio quelli dei popolari social network e blog, e si occupa anche di generare il codice Html necessario alla buona riuscita dell’operazione. Proprio nel 2006 Youtube, sull’onda dell’enorme successo avuto in rete, viene acquistato da Google per 1,65 miliardi di dollari (pagati in azioni proprie). Dall’anno successivo sono state pubblicate nuove versioni del portale realizzate in diverse lingue, tra le quali l’italiano.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Youtube
    • Agora

    La borghesia senza amore di Michael Haneke: "E'?la fotografia della nevrosi dei Paesi ricchi contro quelli poveri"

    Michael Haneke precipita i bambini dei suoi film nello stesso gorgo feroce degli adulti: ne Il nastro bianco (Palma d'oro a Cannes nel 2009) infilzavano uccellini con le forbici. In Happy End, dal 30 novembre nei cinema, E've (Fantine Harduin), una quasi tredicenne che ha nel corpo tutte le acerbità di una bambina, affronta la depressione della madre, finge di aver assorbito la morte del fratellino e la nuova famiglia del padre Thomas (Mathieu Kassovitz) riproducendo gli schemi di indifferenza e ...

    – Cristina Battocletti

    • NovaCento

    Da grande voglio fare lo youtuber!

    La maggior parte dei ragazzini usano Youtube, il famoso canale contenente milioni di video, per accedere a contenuti di vario genere e diventano follower di alcuni personaggi che a noi adulti sembrano completamente dei matti. ... Apro il mio canale Youtube, se sono piccolo uso la gmail di mamma o papà tanto se hanno uno smartphone Android devono per forza avere un account gmail. ... Su Google, su Youtube, ma non è semplice. ... Altrimenti ho visto che su Youtube ci sono 150 mila brani musicali...

    – ImparaDigitale

    • Info Data

    Come va la vita? La mappa del benessere in Italia secondo Ocse

    Italia è sotto la media per: sistema di educazione, competenze, qualità della vita e soddisfazione nei confronti dell'esistenza che si conduce. Il paese è "promosso" invece sul piano del sostegno sociale: il 91% della popolazione riconosce di avere amici o parenti su cui poter contare in caso di difficoltà, contro una media dei paesi che fanno parte dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che si ferma all'89 per cento. E' quanto emerge da uno studio dell'Ocse, nel quale l'...

    – Infodata

    • NovaOther

    Lg V30, lo smartphone nato per suonare

    https://www.youtube.com/watch?v=a6hwpBN53gM Se stiamo ad alte quote la competizione tra smartphone potrebbe cadere sul design (ma ormai il paradigma tutto schermo è accettato da tutti). Sui materiali (vetro, acciaio o alluminio?). Magari sui servizi? Se però restiamo in ambito Android a parte il Pixel 2 gli altri hanno tutti più o meno gli stessi pregi e difetti. Oppure, sul prezzo ma anche qui la forbice si è spostata per i top di gamma intorno ai mille euro (prezzo di lancio, beneintesi).  Po...

    – Luca Tremolada

    • NovaOther

    Il senso della bellezza per la scienza

    "Se la soluzione è semplice e non c'è nient'altro da togliere, se hai ridotto all'essenziale, allora quella è la bellezza". Dice così un giovane fisico verso la metà del film "Il senso della bellezza" e ci fa venire in mente al volo il grande Michelangelo. Probabilmente il Maestro alla fine della sua opera, guardando la meravigliosa Pietà oggi in Vaticano, depone martello e scalpello e dice a sé stesso qualcosa di molto simile, ha finito infatti non può più togliere neanche un grano di marmo. La...

    – Leopoldo Benacchio

    • NovaOther

    Star Wars Battlefront II non cede al lato oscuro

    https://www.youtube.com/watch?v=J-UQSXTf5cA Star Wars Battlefront II non cede al lato oscuro. Nel 2015 è stato un titolo ambizioso ma deboluccio. Uno sparatutto in terza persona ambientato nei mondi di Guerre Stellari. Appagante per i fan della saga meno per il giocatore online. Tre diversi studi di gioco hanno collaborato nel tentativo di affrontare tutte le debolezze del gioco originale. La più importante di tutte è stata la più facile da risolvere. Guerre Stellari è più che altro una grandis...

    – Luca Tremolada

    • NovaOther

    La parità di genere dell'industria culturale

    https://www.youtube.com/watch?v=67gWiFvzJrg Passi decisivi, ma non ancora al traguardo. Si potrebbe riassumere così il processo di attuazione della Legge Cinema che, riformata a fine 2016, per la prima volta in Italia ha incluso i videogiochi in una politica pubblica a favore dell'industria culturale e creativa. A circa 12 mesi dall'approvazione in Parlamento, le misure di sostegno finanziario ai nostri studi di sviluppo sono state dettagliate martedì scorso, in occasione del Games Industry...

    – Emilio Cozzi

    • NovaCento

    Alcune idee sull'evoluzione storica della televisione, in due libri e in un video

    A partire dalla seconda metà del Novecento, la televisione è stata un simbolo di progresso e modernità. L'Italia, negli anni Ottanta e Novanta, ha costituito un laboratorio di idee per i contenuti televisivi. Al giorno d'oggi, invece, assistiamo ad un doppio fenomeno: da una parte, è in corso una età dell'oro delle serie televisive, dall'altra, le persone comunicano tramite apparecchi tecnologici e possono rendere pubbliche alcune parti della propria vita privata. La tv generalista è stata e ...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Un chatbot programmato per contrastare l'hate speech sui social

    Un chatbot programmato per contrastare l'hate speech e la diffusione delle fake news sui social network. E per aiutare le testate online nella gestione dei commenti dei lettori. Ecco Loudemy, l'ultima startup lanciata dall'imprenditrice sociale Selene Biffi.

    – di Riccardo Saporiti

    • News24

    #CambiaIkea, arriva la protesta sindacale col sorriso

    Le iniziative viaggeranno sui territori e sui social network, sui canali Uiltucs Facebook, Twitter Instagram e Youtube per un'interazione di ogni strumento e piattaforma sui quali anche Ikea è presente.

1-10 di 8247 risultati