Persone

Yanis Varoufakis

Yanis Varoufakis è nato il 24 marzo del 1961 ad Atene ed è un economista e politico greco, ex ministro delle finanze della Grecia nel Governo Tsipras.

Varoufakis è laureato in matematica e statistica ed ha conseguito un dottorato di ricerca in economia presso l'Università dell'Essex.

Già durante gli anni del dottorato ha prestato attività d'insegnamento presso l'università dell'Essex e l'Università dell'Anglia Orientale.

Fellow all'Università di Cambridge nel 1988, tra il 1989 ed il 2000 è stato Senior Lecturer in economia presso l'Università di Sydney.

Tornato in Grecia, nel 2000, come professore di teoria economica presso l'Università di Atene, tra il 2002 ed il 2008 dirige il corso di dottorato di ricerca in economia.

A partire dal 2013 ha insegnato alla Lyndon B. Johnson School of Public Affairs dell'Università del Texas a Austin.

Nel 2015 si è candidato con SYRIZA ed è stato eletto al parlamento ellenico, diventando, a partire dal 27 gennaio, ministro delle finanze nel governo Tsipras.

Convive con Danae Stratou ed ha una figlia, Xenia, avuta dalla ex moglie Margarite Poulos.

Ha dato alle stampe nel 2012 con l'editore Asterios, il saggio "Il Minotauro Globale. L'America, le vere origini della crisi e il futuro dell'economia globale" in cui ripercorre lo scenario economico globale e suggerisce delle possibili 'ricette' alla crisi finanziaria .

Il 6 luglio del 2015, in seguito ai risultati del referendum greco del 5 luglio, rassegna le sue dimissioni per rendere più agevoli le trattative del premier Tsipras coi Governi degli Stati creditori della Grecia.

Ultimo aggiornamento 21 luglio 2016

Ultime notizie su Yanis Varoufakis
    • News24

    Che accade alla Grecia se il Fmi non trova l'intesa con l'eurozona?

    Dopo l'ennesimo eurogruppo sul debito greco, andato a vuoto a Bruxelles dopo sette ore di discussioni fino a mezzanotte, tra la Germania che vuole il Fmi a bordo ma senza tagliare il debito, il Fondo monetario che vuole un debito «sostenibile» per entrare in partita altrimenti resta fuori, e gli

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Perché Macron mantiene il distacco di 20 punti da Marine Le Pen

    Certo, ogni appuntamento elettorale ha una componente di incertezza e l'andamento del dibattito televisivo di questa sera può ancora spostare dei voti, ma insomma, la partita delle presidenziali francesi pare ormai giocata. I sondaggi realizzati dopo l'alleanza tra Marine Le Pen e il leader

    – dal corrispondente Marco Moussanet

    • News24

    Bisogna migliorare l'architettura della Ue

    Concordiamo con Debenedetti sul fatto che non si può separare, come ha proposto di fare Luigi Zingales, la discussione sui costi/benefici dell'euro a regime da quella sui costi della transizione, nonché da un discorso più ampio di natura politica e prospettica.

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    L'euro? E' una questione tutta politica

    Dire, come come ha fatto Luigi Zingales nella sua rubrica «Alla luce del Sole» di domenica 16 aprile, che è mancato finora un "dibattito serio" sull'Italia e l'euro, mi pare un po' esagerato. Anzi questo giornale, secondo la sua posizione e tradizione, vi ha seriamente contribuito: solo nelle

    – di Franco Debenedetti

    • News24

    Perché la moneta fiscale non è la manna dal cielo

    Nei dieci punti programmatici di politica estera del M5Ssi parla di introdurre una nuova moneta, parallela all'euro, che viene chiamata moneta fiscale. Anche Berlusconi ha fatto cenno in varie occasioni ad una nozione simile, ricordando le am-lire della sua infanzia, sia pure in termini talmente

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Dijsselbloem, futuro in bilico per l'arbitro delle finanze Ue

    BRUXELLES - Con una intervista di troppo a un giornale tedesco, Jeroen Dijsselbloem sta rischiando di minare un capitale di credibilità politica faticosamente accumulato in questi anni. Mai come oggi il futuro dell'attuale presidente dell'Eurogruppo, un socialdemocratico olandese, appare in bilico

    – di Beda Romano

    • News24

    Uscire dalla moneta unica vuol dire tagliare i salari

    Al nostro articolo del 1 marzo scorso su questo giornale ("Non è l'euro il problema dell'Italia") sono state mosse due osservazioni critiche da parte di persone seriamente interessate al tema. Dato che si tratta di due punti cruciali, proviamo a fornire qualche chiarimento.

    – di Lorenzo Codogno Giampaolo Galli

    • News24

    E se fosse l'inizio della fine dell'Occidente?

    «Se la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti è stato un terremoto, allora il periodo di transizione che conduce al suo insediamento il 20 gennaio sembra un allarme tsunami», sostiene l'ex ministro degli Esteri spagnolo, Ana Palacio. Ma i campanelli d'allarme sono

    • News24

    Il rapporto complicato tra democrazia e affari

    A settembre, il New York Times ha tenuto una tavola rotonda su democrazia e affari al Democracy Forum 2016 organizzato ad Atene. Il dibattito è stato moderato da Paul Krugman e vi hanno preso parte Yasheng Huang (professore di economia globale e management al Mit), Ross LaJeunesse (direttore

    – di Paul Krugman

    • News24

    Un'Europa tedesca o una Germania europea?

    Il voto di giugno con cui il Regno Unito ha scelto di abbandonare l'Unione europea non ha solo cambiato il corso della storia britannica, ma ha posto alcune domande fondamentali sul ruolo della Germania in Europa e nel mondo. Con la crisi migratoria che indebolisce a livello politico la cancelliera

    – di Hugo Drochon

1-10 di 352 risultati