Aziende

Yahoo!

Fondata nel 1994 da David Filo e Jerry Yang, allora studenti presso la statunitense Stanford University, Yahoo! è stata per anni una delle potenti web company del mondo. Conosciuta principalmente per la funzione di motore di ricerca, Yahoo! si è composta anche di altri servizi rivolti alla comunicazione, come e-mail, piattaforma messenger e chat in 20 lingue.

Iniziato come un semplice hobby studentesco, il lavoro di David Filo e Jerry Yang è stato quello di creare un deposito di link in grado di contenere i collegamenti diretti ai siti web legati ai loro interessi personali. Nel 1995, Sequoia Capital, società finanziaria già coinvolta in precedenti progetti di successo legati al mondo dell’elettronica ( Apple Computer, Atari, Oracle e Cisco Systems)investe 2 milioni di dollari nel progetto. Per 10 anni Yahoo diventa il portale di riferimento per milioni di utenti in tutto il mondo.

Nel 2008 la società stava per essere acquisita da Microsoft per 44 miliardi di dollari ma la trattativa non andò in porto . Negli ultimi anni , nonostante il miliardo di utenti, Yahoo! non è riuscita a far fronte alla concorrenza di Google e Facebook e ha accumulato debiti per centinaia di milioni di dollari. Il 25 luglio 2016 il gigante delle telecomunicazioni americano Verizon ha comprato gli asset core della società internet per 4,5 miliardi di dollari.

A giugno 2017 Verizon ha completato l'acquisizione di Yahoo. Le parti dell'azienda non acquistate dal gruppo sono diventate“Altaba”, società registrata come impresa d'investimenti e quotata a New York. Verizon ha deciso di far confluire Yahoo! con America On Line (AOL), in una nuova divisione chiamata Oath.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2017

Ultime notizie su Yahoo!
    • News24

    Le tacite collusioni che tengono in vita i diritti di prevendita

    Caro Galimberti, domenica sono andato in un locale di Milano per assistere al concerto di Mulatu Astatke. Ho resistito alla tentazione di comprare il biglietto in prevendita, contando sul fatto che il 73enne jazzista etiope in una serata novembrina di pioggia non avrebbe richiamato chissà che

    – di Fabrizio Galimberti

    • NovaOther

    Computer si finge umano

    Non è una nuova falla nei sistemi di protezione informatica contro spam, intrusioni digitali e furti di password. E non è neppure una vulnerabilità del software o dei sistemi informati. E' un hacking furbo e la dimostrazione che a volte, anzi spesso, l'anello debole dei sistemi di sicurezza è è l'uomo. E' stato infatti sviluppato un computer che sa fingersi un essere umano riuscendo a ingannare alcuni dei test di sicurezza più diffusi nei siti Internet, ovvero i captcha, quei codici alfanum...

    – Luca Tremolada

    • News24

    Meno disuguaglianze con più investimenti in capitale umano

    Caro Galimberti,sono piuttosto preoccupato dalle scelte politiche di una società (in primis gli Usa) che favorisce le minoranze più ricche e non amalgama gli strati sociali. Questo fenomeno interessa anche l'Italia, dove cresce il divario tra Nord e Sud del Paese e tra aree industrializzate e

    – di Fabrizio Galimberti

    • News24

    Meno monetine in tasca con l'estendersi dei pagamenti elettronici

    Certi Paesi hanno da tempo deciso l'arrotondamento ai 10 centesimi, mettendo fuori uso tutte le monetine. Quando frugo nelle tasche mi rendo conto che la situazione è ben peggiore. Le monetine orfane più a lungo sono anche quelle da 10 e da 20 centesimi, ne aspettano altre simili nella speranza di

    – di Fabrizio Galimberti

    • News24

    Freda: «Estée Lauder corre come i giganti della tecnologia»

    I risultati che ha ottenuto sono comparabili solo con quelli di alcuni giganti della Silicon Valley . «E' vero: gli indici di creazione di valore contenuti nei bilanci, ad esempio, di Google, Amazon e Yahoo!

    – di Mario Platero

    • News24

    Il tasso di cambio influenza sempre meno la competitività

    Gentile Dottor Galimberti,In questi giorni i media riportano le preoccupazioni sul rafforzamento dell'euro nei confronti del dollaro e la cosa mi lascia perplesso. Infatti se guardiamo la bilancia commerciale della Germania, della Spagna e della stessa Italia vediamo che tutte e tre le nazioni non

    – di Fabrizio Galimberti

1-10 di 1456 risultati