Aziende

Yahoo!

Fondata nel 1994 da David Filo e Jerry Yang, allora studenti presso la statunitense Stanford University, Yahoo! è stata per anni una delle potenti web company del mondo. Conosciuta principalmente per la funzione di motore di ricerca, Yahoo! si è composta anche di altri servizi rivolti alla comunicazione, come e-mail, piattaforma messenger e chat in 20 lingue.

Iniziato come un semplice hobby studentesco, il lavoro di David Filo e Jerry Yang è stato quello di creare un deposito di link in grado di contenere i collegamenti diretti ai siti web legati ai loro interessi personali. Nel 1995, Sequoia Capital, società finanziaria già coinvolta in precedenti progetti di successo legati al mondo dell’elettronica ( Apple Computer, Atari, Oracle e Cisco Systems)investe 2 milioni di dollari nel progetto. Per 10 anni Yahoo diventa il portale di riferimento per milioni di utenti in tutto il mondo.

Nel 2008 la società stava per essere acquisita da Microsoft per 44 miliardi di dollari ma la trattativa non andò in porto . Negli ultimi anni , nonostante il miliardo di utenti, Yahoo! non è riuscita a far fronte alla concorrenza di Google e Facebook e ha accumulato debiti per centinaia di milioni di dollari. Il 25 luglio 2016 il gigante delle telecomunicazioni americano Verizon ha comprato gli asset core della società internet per 4,5 miliardi di dollari.

A giugno 2017 Verizon ha completato l'acquisizione di Yahoo. Le parti dell'azienda non acquistate dal gruppo sono diventate“Altaba”, società registrata come impresa d'investimenti e quotata a New York. Verizon ha deciso di far confluire Yahoo! con America On Line (AOL), in una nuova divisione chiamata Oath.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2017

Ultime notizie su Yahoo!
    • News24

    I big tech dovranno fornire dati ai magistrati di altri Paesi Ue

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - La Commissione europea ha presentato questo pomeriggio un progetto di legge che dovrebbe permettere ai magistrati nazionali di recuperare indizi elettronici direttamente presso i fornitori di servizi Internet in tutta Europa, anziché passare dal magistrato

    – di Beda Romano

    • News24

    Daresti i tuoi risparmi a Facebook?

    La fiducia in Facebook è crollata. Lo scandalo Cambridge Analytica ha lasciato il segno e ora il social network più famoso al mondo è considerato meno "sicuro" di gruppi come Yahoo! che, negli ultimi anni, hanno dovuto fare i conti con pesanti attacchi hacker. La strada del fondatore Mark

    – di Christian Martino

    • News24

    La Lamborghini status symbol per i criptomilionari: vendite al top

    Il 1° di aprile Coinmarketcap, il sito di riferimento per le quotazioni delle criptovalute, ha indicato anche il valore della capitalizzazione di bitcoin in termini di Lamborghini: un pesce d'aprile per scoprire che il sistema della criptovaluta più famosa vale oltre mezzo milione di Lambo, per la

    – di P.Sol.

    • Info Data

    Crolla la fiducia in Facebook. Peggio di quella in Yahoo!

    Il grafico che ci propone Statista è eloquente: la fiducia in Facebook è crollata. Complice lo scandalo Cambridge Analytica, il social network di Mark Zuckerberg è scivolato addirittura al di sotto di Yahoo!, azienda tech martoriata dagli attacchi hacker negli ultimi anni. Il sondaggio, basato su cittadini americani, è stato condotto nei giorni scorsi da Reuters/Ipsos. Zuckerberg si è scusato pubblicamente e ha annunciato interventi importanti sul trattamento dei dati personali. Ma a giudicare...

    – Biagio Simonetta

    • News24

    Così i tweet dei robot insidiano le news dei listini di Borsa

    Basta un tweet! Un «cinguettio» per manipolare l'informazione dei mercati. Soprattutto se, nel mondo dei social network, a «gorgheggiare» non è un uomo. Bensì un robot. La riprova? La fornisce una ricerca, realizzata all'interno del progetto UE SoBigData, da un gruppo di scienziati italiani. Gli

    – di Vittorio Carlini

    • News24

    AEquacy: stop ai capi e alla gerarchia, nell'azienda serve auto-organizzarsi

    Si chiama AEquacy e viene definito come un nuovo modello di lavoro basato su una struttura radiale e paritaria di team auto-organizzati e coordinati tra loro. Un nuovo paradigma, in altre parole, che offre a tutti i membri dell'organizzazione la possibilità di prendere parte ai processi

    – di Gianni Rusconi

    • News24

    Big tech alla sfida delle competenze

    Nonostante il termine "economie di rete" abbia un preciso e chiaro significato economico, i non-economisti tendono a confonderlo con altri concetti, come i rendimenti di scala incrementali e il learning-by-doing.

    – di Hal Varian

    • News24

    Più integrazione nella Ue a partire dagli assetti esistenti

    La nomina di un ministro delle Finanze che dovrebbe sovraintendere ai bilanci di tutti gli Stati dell'area dell'euro, nell'intento di rafforzare l'integrazione delle loro politiche economiche e finanziarie, sarebbe, a mio parere, un grave errore. Anzitutto perché costituirebbe una ulteriore

    – di Fabrizio Galimberti

    • News24

    Da Google alle banche: cosa cambia con la nuova normativa europea sui dati personali

    Sulla gestione e la protezione dei dati personali, in Europa, sta per cambiare tutto. Lato utenti, ce ne accorgeremo in questi giorni su Facebook: il social pubblicherà una serie di video informativi sui dati personali e la privacy, inoltre tutte le impostazioni sulla sicurezza verranno concentrate

    – di Luca Salvioli

1-10 di 1489 risultati