Aziende

Wind

Wind Telecomunicazioni Spa Ŕ un operatore che offre servizi integrati di telefonia fissa, mobile e Internet.

Fondata nel 1997, Wind Telecomunicazioni Ŕ nata dall'investimento di Enel, France TÚlÚcom e Deutsche Telekom. Nel 2001 Wind Telecomunicazioni ha concluso l’intesa con l’operatore elettrico greco Ppc, diventando l’azionista di maggioranza di Tellas. L’anno successivo, dall’unione di Inwind, Libero e Italia On Line Ŕ nato il portale Libero ed Ŕ stato concluso l’acquisto di alcuni asset di Blu. Nel 2003 Enel Ŕ diventato azionista unico del gruppo, mentre il restante 26,6% Ŕ stato comprato da France TÚlÚcom. Successivamente Ŕ stato siglato l’accordo tra Wind e l’operatore giapponese Ntt DoCoMo. Nel 2004 Wind Telecomunicazioni ha rilevato Delta Spa. Nel 2005 il gruppo Enel ha ceduto la quota di maggioranza di Wind Telecomunicazioni al magnate egiziano Naguib Sawiris, proprietario della Orascom.

A ottobre 2010 Weather Investments (controllata da Naguib Sawiris) e il gruppo russo VimpelCom annunciano la fusione. VimpelCom diventa proprietario del 100% di Wind Telecomunicazioni S.p.A. e il portale ed il servizio di posta elettronica Libero diventano una societÓ indipendente e separata da Wind.

A settembre 2016, dopo 13 mesi, l'Antitrust Ue ha dato il via libera alla fusione tra Wind e H3G, un colosso nei telefonini russo-cinese (i gruppi Vimpelcom e Hutchison Whampoa) da 7 miliardi di euro di giro d'affari 31 milioni di clienti nel mobile e 2,8 milioni nel fisso (di cui 2,5 milioni broadband).

Il 31 dicembre 2016 nasce ufficialmente Wind Tre S.p.A. nata dalla fusione delle due societÓ operative H3G S.p.A e Wind Telecomunicazioni S.p.A. a seguito della joint-venture paritetica creata da CK Hutchison e VimpelCom.

Ultimo aggiornamento 23 giugno 2017

Ultime notizie su Wind
    • News24

    Renergetica debutta su Aim Italia

    Agatos (reduce dalla business con TE Wind) ha evidenziato nel 2017 una perdita netta consolidata di circa 2,4 milioni, comunque in miglioramento rispetto al 2016, e ha avviato la cessione degli impianti mini-eolici situati in Sardegna e facenti capo alla controllata Windmill 60 Srl; intende ora focalizzarsi sullo sviluppo del settore fotovoltaico e sul promettente comparto del biometano, ed Ŕ in corso di realizzazione un impianto Biosip in provincia di Milano che sarÓ in grado, a regime, di...

    – di Valeria Novellini

    • Econopoly

    Ilva, lo straordinario che diventa ordinario e l'incertezza del diritto

    A prescindere da cosa farÓ AM, che ha le spalle talmente larghe da poter prendere qualsiasi decisione, se si osserva la questione dai punti di vista maggiormente sensibili -salute/ambiente ed occupazione- si evince che da un lato c'Ŕ AM, che si impegna a garantire entro il 2023 una riduzione delle emissioni di CO2 del 15% per tonnellata di acciaio liquido, una riduzione delle polveri del 30% e delle diossine del 50%, con superamento dell'orrendo problema dei Wind Days entro il 2020, nonchÚ a...

    – Francesco Bruno

    • News24

    Vodafone e i 2 euro in pi¨, fra proteste social e offerte aggressive

    Un portato, insomma, della vicenda dei “28 giorni” sulla quale l’AutoritÓ ha aperto un’istruttoria per possibile intesa restrittiva della concorrenza, intimando a marzo agli operatori coinvolti (anche Tim, Wind Tre e Fastweb) di ridefinire l’offerta.

    – di Andrea Biondi

    • Econopoly

    I social media sono inutili per le aziende? Il caso dei pub Wetherspoon

    Pubblichiamo un post di Roberto Fedi, libero professionista con esperienza internazionale in management, value innovation e marketing strategico - Il senso comune suggerisce che le decisioni aziendali siano razionali, fondate su dati e strategie. Talvolta sono invece prese in base a luoghi comuni o seguendo la pressione sociale. Ad esempio, i social media sembrano essere diventati uno dei casi di ci˛ che potremmo definire common nonsense: le aziende non possono prosperare senza un'attiva presen...

    – Econopoly

    • News24

    Il triangolo della banda larga mobile tra Linkem, Retelit e Go Internet

    Ma se tra i big il panorama appare ormai consolidato, dopo il mega-matrimonio Wind Tre dove da poco il magnate cinese Li Ka Shing Ŕ diventato il padrone assoluto, e l'ingresso della compagnia low cost francese Iliad, conseguenza peraltro del matrimonio Wind Tre; Ŕ invece nella seconda fascia di mercato, dove convivono molte compagnie magari sconosciute a livello nazionale ma molto radicate sui loro mercati locali, che partirÓ la terza fase di consolidamento (dopo quella dei primi anni duemila...

    – di Simone Filippetti

1-10 di 1800 risultati