Aziende

Warner Bros

Fondata nel 1923 dai fratelli Harry (che è stato anche il primo presidente della casa cinematografica), Albert, Sam e Jack Warner, a Burbank, in California, Warner Bros è oggi una tra le più importanti case di produzione cinematografica e televisiva al mondo. Attualmente consociata della società madre Time Warner, il suo business è suddiviso in settori tematici, ad ognuno dei quali fa capo a una singola controllata società: Warner Bros. Pictures, Warner Bros. Television, Warner Home Video, Warner Bros. Interactive Entertainment, Warner Bros. Consumer Products, Warner Bros. Animation e DC Comics.

Tre anni dopo la sua nascita, nel 1926, la Warner Bros ha sviluppato un accordo con la Western Electric per l’utilizzo dell’avveniristico sistema Vitaphone, che permetteva di utilizzare tracce sonore registrate su disco sincronizzate alle immagini durante la proiezione. Nello stesso anno con questo sistema, Warner Bros ha prodotto il suo primo film di successo, “Don Giovanni e Lucrezia Borgia”. Nel 1927 viene invece realizzato “Il cantante di jazz”, pellicola che è la prima a contenere una sequenza sonora interna e che ha permesso alla casa cinematografica di vincere il suo primo Premio Oscar.

A partire dagli anni trenta, la Warner Bros si è specializzata nella produzione di cartoni animati, dando vita alla fortunata serie chiamata Looney Tunes nella quale sono contenuti personaggi mitici come Bugs Bunny e Daffy Duck. Durante la seconda guerra mondiale Warner Bros ha continuato a dedicarsi alla produzione di film: il celeberrimo “Casablanca” viene girato nel 1942, con Humphrey Bogart ed Ingrid Bergman. Nel 1967 la società viene rilevata dalla Seven Arts e due anni dopo, entrata nell’orbita dell’impero finanziario della multinazionale Kinney, ha cambiato il suo nome in Warner Communications.

Tra i maggiori successi della casa cinematografica, dagli anni settanta in avanti, sono annoverati tutti i film di Stanley Kubrick, a partire da “Arancia meccanica”, girato nel 1971.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Warner Bros
    • News24

    Il ritorno realistico della realtà virtuale. Ecco le novità dal Ces 2018

    Alla fine la realtà virtuale si è virtualizzata. Protagonista assoluta nel 2017 del Consumer electronic show quest'anno aveva puntati gli occhi di tutti. I caschetti che permettono di entrare in un mondo in tre dimensioni non hanno fatto il boom sperato. Gli analisti continuano a essere ottimisti.

    – di Luca Tremolada

    • NovaOther

    La fine della realtà

    La fine della realtà come la conosciamo. Così è stato descritto l'avvento della realtà aumentata (o mista), quel connubio che consente di sovrimporre a ciò che vediamo elementi digitali. La tecnologia esiste già da diversi anni, ma nel 2018 è pronta a compiere il balzo epocale. Anzitutto perché arriveranno sul mercato gli occhiali hi-tech di Magic Leap, la startup fondata da Rony Abovitz e finanziata per 1,9 miliardi di dollari da società come Google, Warner Bros., Alibaba e altre ancora. Il pri...

    – Marco Consoli

    • News24

    La famiglia Lavazza ha acquisito il 25% dello streaming Chili

    La famiglia Lavazza - che controlla l'azienda produttrice di caffè - ha acquisito, per circa 25 milioni di euro, il 25% delle azioni del servizio di streaming italiano Chili. Lo ha anticipato stamattina il sito del Financial Times, ma lo conferma la stessa Luigi Lavazza Spa, specificando che

    – di Redazione Impresa & Territori

    • News24

    La Hollywood sul Tevere incanta ancora New York

    Sulle musiche di Alessandro Cicognini e Carlo Savina, i titoli di testa creati dal color co-ordinator e fotografo Hoyningen-Huene, tratti dai dipinti della pittrice caprese Carmelina Alberino, con le sue vedute naif dell'isola, ha inizio la serie Roman Hollywood (American Movies Go To Italy), al

    – di Filipppo Brunamonti

    • NovaCento

    I flussi televisivi di ieri, di oggi e di domani

    «Quando ridiamo, ci svuotiamo e il vento passa in noi, smuovendo porte e finestre, introducendo in noi la notte del vento. Noi abbiamo bisogno di distrazioni. Resteremo ciò che siamo o ciò che saremo. Abbiamo bisogno di un corpo libero e vuoto, abbiamo bisogno di ridere e non abbiamo bisogno di nulla». Queste riflessioni sono state fatte nella prima metà del Novecento da Paul Éluard (1895 - 1952), poeta francese, tra i maggiori esponenti del movimento surrealista. Nella seconda metà del Novecen...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Cinema, «guerre stellari» tra le major sui contenuti audiovisivi

    C'era una volta a Hollywood lo studio system, il sistema delle major che faceva il bello e il cattivo tempo sul grande schermo: da un lato le "Big Five" Paramount, Mgm, 20th Century Fox, Warner Bros e Rko, dall'altro le "Little Three", Universal, Columbia e United Artists. In otto tenevano in mano

    – di Francesco Prisco

    • Agora

    Lo scrittore, la ricercatrice, l'imprenditore: le università premiano i loro alumni (per ispirare chi viene dopo)

    Sara Valpione si è laureata con il massimo dei voti a Padova nel 2008; oggi è oncologa e ricercatrice a Manchester. Nel 2017 ha vinto il Merit Award del Conquer Cancer Foundation per uno studio innovativo sul trattamento dei pazienti con melanoma presentato a Chicago. Matteo Strukul, ha un passato da giurista e un presente da scrittore. Dopo una laurea in Giurisprudenza e un dottorato in Diritto Europeo, ha pubblicato dieci romanzi. Grazie alla serie besteseller intitolata "I Medici" (oltre 300...

    – Barbara Ganz

    • News24

    Harry Potter, Niantic al lavoro per una app in stile Pokémon Go

    Niantic Labs, ovvero i creatori del successo planetario chiamato Pokémon Go sono al lavoro per realizzare un gioco ispirato a Harry Potter. Secondo quanto scritto da Techcrunch l'app per smartphone si chiamerà Harry Potter: Wizards Unite. Utilizzerà la realtà aumentata e quindi si potrà interagire

    – di L.Tre.

    • NovaOther

    Nasce l'aggregatore delle piattaforme video

    Lo streaming legale è una giungla, almeno negli Usa dove per vedere film e serie tv online esistono ormai una pletora di servizi: c'è Netflix e il suo concorrente Amazon Video, c'è iTunes per i dispositivi iOS e la Apple TV e il corrispettivo Google Play Movies, cui si aggiungono Vudu.com, Hulu.com, oltre a Youtube Red, Vimeo, FandangoNow ed HBO Now. Insomma, quando si deve scegliere un contenuto per la serata, è difficile districarsi tra abbonamenti, piattaforme e titoli a disposizione che, in ...

    – Marco Consoli

    • News24

    Apple e Amazon in corsa per la distribuzione del nuovo film di James Bond

    Che l'intenzione delle aziende native digitali fosse quella di investire con forza sui contenuti creativi lo si era capito da un pezzo. Nessuno, però, probabilmente immaginava che un giorno sarebbero arrivate ad alzare così in alto la posta: il prossimo film della saga di 007, la spia più amata del

    – di Francesco Prisco

1-10 di 556 risultati