Persone

Walter Veltroni

Walter Veltroni è nato a Roma il 3 luglio del 1953 ed è un politico e giornalista italiano.

Esponente di spicco del Partito Democratico, ne è stato il Segretario Nazionale dall’anno della sua fondazione, nel 2007, fino al 2009, quando si è dimesso in seguito alla sconfitta del partito alle regionali in Sardegna.

Veltroni è altresì conosciuto per avere ricoperto l’incarico di Sindaco di Roma per due mandati consecutivi, dal 2001 al 2008.

Prima di aderire al Partito Democratico, Veltroni ha militato a lungo nel Pds, di cui è stato Segretario nazionale dal 1998 al 2001 e che in seguito ha contribuito a trasformare nei Ds. Veltroni ha anche assunto le cariche di Vicepresidente del Consiglio e di Ministro per i Beni Culturali e Ambientali sotto il Governo Prodi, dal 1996 al 1998.

La prima volta di Walter Veltroni come deputato nazionale risale al 1987, ma la sua carriera politica è iniziata quand’era ancora molto giovane: durante i suoi studi al liceo ha infatti ricoperto il ruolo di Segretario della Federazione Giovanile Comunista Italiana, e successivamente, a soli 21 anni, è stato eletto consigliere comunale di Roma nelle liste del Partito Comunista Italiano, carica che ha mantenuto per cinque anni.

Veltroni, che dal 1995 è iscritto all’albo dei giornalisti professionisti ed in passato è stato anche direttore dell’Unità, è un grande appassionato di cinema: sicuramente importante è stato il suo contributo alla nascita del Festival Internazionale del Film di Roma, all’epoca in cui era sindaco della Capitale.

Nel febbraio del 2010 promuove, diventandone presidente, la fondazione "Democratica" . A tale fondazione, che negli intenti dichiarati da Veltroni non intende porsi come una nuova corrente di partito, aderiscono diverse persolatià politche vicine all'ex sindaco di Roma, quali Enrico Morando, Salvatore Vassallo, Marco Minniti, Giorgio Tonini, Walter Verini, Andrea Martella e Roberto Morassut.

Il 14 ottobre del 2012, dichiara, durante un'intervista rilasciata nel corso della trasmissione Che tempo che fa, di non avere intenzione di candidarsi alle elezioni politiche del 2013.

Il 19 maggio 2013, in coccasione di un suo intervento al Salone del Libro di Torino, ha espresso il suo pieno sostegno a Matteo Renzi definendolo «il miglior candidato premier» .

Nella primavera del 2014 ha debuttato come regista, col film documentario "Quando c'era Berlinguer", prodotto con Sky Cinema in occasione del trentennale della morte dello storico segretario del PCI.

Nel settembre 2014, su richiesta dell'amico George Clooney, ha officiato a Venezia, nel municipio di Ca' Farsetti, le nozze civili tra l'attore e regista statunitense e l'avvocato libanese Amal Alamuddin.

E' stato insignito delle seguenti onoreficenze: Ufficiale della Legion d'onore (Parigi, maggio 2000) e Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Roma, 21 dicembre 2005).

È sposato dal 1982 con l'architetto Flavia Prisco ed ha due figlie: Martina (Roma 20 settembre 1987), aspirante regista e Vittoria (Roma 9 agosto 1990) stilista.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Walter Veltroni
    • News24

    Pd, Emiliano presenta sua piattaforma: «Vorrei chiamarla Resistenza»

    Ed è certamente dispiaciuta a Renzi la scelta neutrale di Walter Veltroni, che pure all'assemblea del 18 febbraio aveva steso il suo manto protettivo su Renzi contro gli scissionisti: non sarà al Lingotto e non si schiererà.

    – di A. Gagliardi e A.Tripodi

    • News24

    Renzi attacca Emiliano e rilancia il Mattarellum

    Ed è certamente dispiaciuta a Renzi la scelta neutrale di Walter Veltroni, che pure all'assemblea del 18 febbraio aveva steso il suo manto protettivo su Renzi contro gli scissionisti: non sarà al Lingotto e non si schiererà.

    – Emilia Patta

    • News24

    Italia tra «invocazioni maggioritarie» e intese al ribasso

    Fino al fresco caso del Pd, il partito a "vocazione maggioritaria" immaginato da Walter Veltroni nel 2007 e di cui lo stesso ex segretario ha parlato, dieci anni dopo, all'assemblea del partito in un quadro oggi completamente diverso, passati i mille giorni "maggioritari" di Renzi.

    – di Guido Gentili

    • News24

    Da un'assemblea al Paese, il passo non è breve

    Come ha detto Walter Veltroni si va avanti ma si torna al passato, a una nuova separazione senza che sia chiaro il messaggio con il quale si chiude la porta.

    – di Lina Palmerini

    • News24

    Renzi al congresso coperto dal "padre" Veltroni

    E soprattutto Walter Veltroni, che in un momento difficile per il Pd scende di nuovo in campo e si schiera senza se e senza ma a fianco di Renzi, riconoscendolo di fatto come figlio politico. Proprio Veltroni, che nel 2008 fece il passo indietro rinunciando a indire un congresso anticipato per chiarire il dissidio politico con Massimo D'Alema (e Bersani) per il timore che il neonato Pd potesse spaccarsi in partenza, ora ricorda che il congresso è lo strumento principe del confrotno democratico...

    – di Emilia Patta

    • News24

    Sul congresso Pd Renzi non tratta. Bersaniani verso la scissione

    Come fece Walter Veltroni nel 2008 e come - ha scandito Emiliano tra gli applausi della platea del Vittoria - fece Pier Luigi Bersani nel 2013 «consentendo a Renzi di fare il segretario del Pd e poi il premier». ... Insomma Renzi, con il supporto della sua maggioranza, va a quella conta che dieci anni fa Veltroni evitò proprio per non spaccare il partito.

    – di Emilia Patta

    • News24

    Ultimo appello di Renzi all'unità Ma la scissione è già partita

    Veltroni e Bersani dopo le dimissioni non si sono più ricandidati. ... La questione è la presenza di Matteo Renzi alla guida del Pd: insomma dovrebbe fare un passo indietro per tenere unito il partito, come appunto fece nel 2009 Walter Veltroni per evitare una possibile scissione, come ha spiegato lui stesso più di una volta negli anni successivi.

    – di Emilia Patta

1-10 di 1340 risultati