Persone

Vladimir Putin

Vladimir Putin è un politico, nato il 7 ottobre 1952 a San Pietroburgo, attuale Presidente della Russia, incarico già ricoperto dal 2000 al 2008. Dal 2008 alla sua rielezione a Presidente (avvenuta nel 2012), è stato invece Primo Ministro, sotto la presidenza di Dmitry Medvedev.

Al Cremlino Putin è giunto nel 1996, sotto Eltsin, per il quale ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quelli di Capo delegato del Dipartimento per la gestione della proprietà presidenziale, Capo del Servizio Federale di Sicurezza e Capo del Consiglio di sicurezza presidenziale, fino a diventarne Primo Ministro dal 1999.

Vladimir Putin ha iniziato la sua carriera politica nel 1991, come braccio destro del sindaco di Leningrado (poi ridivenuta San Pietroburgo); Putin ha lavorato nell’amministrazione della città fino al 1996, contribuendo al suo rilancio economico, e occupandosi per un periodo dei rapporti con gli investitori esteri in qualità di Direttore del Comitato per le Relazioni Esterne.

Prima di entrare in politica, Putin ha maturato una lunga esperienza nei servizi di sicurezza russi: dal 1975 al 1991, infatti, ha fatto parte del KGB. Vladimir Putin, che è laureato in Diritto Internazionale alla Facoltà di Legge dell’Università Statale di Leningrado, è stato eletto dal noto settimanale statunitense Time "Uomo dell’anno 2007".

Ultimo aggiornamento 19 settembre 2016

Ultime notizie su Vladimir Putin
    • News24

    Se Erdogan brucia tutti i ponti intorno a sè

    Erdogan si appoggia sempre di più all'Iran della guida suprema Alì Khamenei e al presidente russo Vladimir Putin, due politici che dovrebbero essere visti con prudente distacco da un paese membro della Nato.

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Mosca dichiara guerra al debito Usa. E se lo facesse anche la Cina?

    Un modo elegante per ribadire quanto affermato da Vladimir Putin in maggio, quando il presidente aveva attaccato il «monopolio del dollaro», definendo gli Stati Uniti un «parassita» che «vive al di sopra dei propri mezzi» e promettendo di voler rafforzare la «sovranità economica» della Russia.

    – di Enrico Marro

    • News24

    I dazi di Trump così simili a quelli di Londra nel 1932

    Perdipiù, la sua auto-degradante conferenza stampa con il presidente russo Vladimir Putin è stata accompagnata da una zaffata ben più forte di appeasement in stile Chamberlain.

    – di Harold James

    • News24

    Dalle infrastrutture al lavoro, tutte le «distanze» tra M5S e Lega

    Nell’ambito della politica estera, se in più di un’occasione Matteo Salvini ha espresso apprezzamento per Vladimir Putin, e ha messo in evidenza la necessità di revocare le sanzioni europee scattate nei confronti della Federazione russa a seguito dell’annessione della Crimea, Di Maio ha espresso posizioni più filo Usa.

    – di Andrea Carli

    • Agora

    Israele e Iran: sindromi belliche

    Per esempio: Donald Trump è talmente prono a Vladimir Putin che i democratici più liberal, sempre favorevoli al dialogo, oggi sono anti-russi quanto i repubblicani con tendenze da Dottor Stranamore come John McCain. ... La sindrome più pericolosa coltivata dal presidente, soprattutto per quel che resta della stabilità del Medio Oriente, è quella che gli permettere di andare d'accordo con i peggiori autocrati della Terra: Kim, Putin, al Sisi, Mohammed bin Salman, Rodrigo Duterte, Recep Erdogan,...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Trump non vuole riformare l'ordine mondiale, vuole distruggerlo

    La risposta, in parte, è che tutto ciò che indebolisce l’alleanza occidentale aiuta Vladimir Putin; se Trump non è un agente russo nel senso letterale del termine, certamente si comporta come tale in tutte le occasioni possibili.

    – di Paul Krugman

1-10 di 2910 risultati