Persone

Vladimir Putin

Vladimir Putin è un politico, nato il 7 ottobre 1952 a San Pietroburgo, attuale Presidente della Russia, incarico già ricoperto dal 2000 al 2008. Dal 2008 alla sua rielezione a Presidente (avvenuta nel 2012), è stato invece Primo Ministro, sotto la presidenza di Dmitry Medvedev.

Al Cremlino Putin è giunto nel 1996, sotto Eltsin, per il quale ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quelli di Capo delegato del Dipartimento per la gestione della proprietà presidenziale, Capo del Servizio Federale di Sicurezza e Capo del Consiglio di sicurezza presidenziale, fino a diventarne Primo Ministro dal 1999.

Vladimir Putin ha iniziato la sua carriera politica nel 1991, come braccio destro del sindaco di Leningrado (poi ridivenuta San Pietroburgo); Putin ha lavorato nell’amministrazione della città fino al 1996, contribuendo al suo rilancio economico, e occupandosi per un periodo dei rapporti con gli investitori esteri in qualità di Direttore del Comitato per le Relazioni Esterne.

Prima di entrare in politica, Putin ha maturato una lunga esperienza nei servizi di sicurezza russi: dal 1975 al 1991, infatti, ha fatto parte del KGB. Vladimir Putin, che è laureato in Diritto Internazionale alla Facoltà di Legge dell’Università Statale di Leningrado, è stato eletto dal noto settimanale statunitense Time "Uomo dell’anno 2007".

Ultimo aggiornamento 19 settembre 2016

Ultime notizie su Vladimir Putin
    • News24

    Intrappolati nella Rete dei big tech

    Le società aperte sono in crisi, mentre sono in aumento forme diverse di dittatura e regimi di stampo mafioso, di cui la Russia di Vladimir Putin è un tipico esempio.

    – di George Soros

    • Agora

    America! Chi era costei?

    Quando gli israeliani hanno abbattuto un drone siriano e i siriani un caccia bombardiere israeliano, Bibi Netanyahu ha telefonato immediatamente a Vladimir Putin. ... La crisi è stata cauterizzata con il fondamentale aiuto di Putin che ha guadagnato mille punti. ... Più prima che poi anche Putin, come già gli americani, si perderà nel dedalo dove gli interessi iraniani contrasteranno con quelli di Mosca ed Hezbollah pretenderà di fare cose che ai russi non piacciono.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Norilsk, è di nuovo sfida tra oligarchi russi (con Abramovich in mezzo)

    Se Vladimir Putin ha rimesso in riga gli oligarchi della prima ora, archiviando la stagione delle privatizzazioni anni 90, una costante di quei tempi non sembra venire mai meno:?la rivalità tra Vladimir Potanin e Oleg Deripaska, rispettivamente... Al gruppo nel 2012 si è aggiunto un "pacificatore", il re del Chelsea Roman Abramovich:?azionista di minoranza - con il 6,3% - voluto da Putin nel nome della stabilità come cuscinetto tra i due grandi rivali.

    – di Antonella Scott

    • News24

    Usa e Turchia, da alleati a potenziali nemici in Siria

    Che succede in Turchia dove Washington e Ankara si trovano ai ferri corti nonostante le visite di esponenti di alto profilo dell'amministrazione Trump, ultima dei quali quella del segretario di Stato Rex Tillerson al suo omologo Mevlut Cavusoglu? La Turchia ora si trova in un campo opposto a quello

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Aramco e gas liquido, si stringe l'alleanza tra Mosca e i sauditi

    La visita di re Salman a Mosca dell'autunno scorso inizia a dare frutto: l'alleanza energetica tra russi e sauditi si fa sempre più stretta. E' fondata sui tagli produttivi concordati in nome della stabilità dei prezzi del petrolio davanti all'offensiva dello shale americano, ma ormai guarda più

    – di Antonella Scott

    • News24

    Il silenzio di Mosca sui russi uccisi (dagli americani) in Siria

    Cento, o forse più di 200 soldati russi (a seconda delle fonti) uccisi dalla coalizione a guida statunitense a Deir Ezzor, il 7 febbraio scorso: la notizia diffusa dall'agenzia Bloomberg - che cita fonti sia americane che russe - tocca un nervo scoperto a Mosca. Dove non è riconosciuta

    – di Antonella Scott

    • Info Data

    Doping: l'altra faccia delle Olimpiadi

    Dodici medaglie d'oro, 27 d'argento e 11 di bronzo. E' il conto delle medaglie olimpiche ritirate alla Russia, più di un terzo del totale a partire dal 1968. Il sistema di doping messo in piedi dalla Russia tra il 2011 e il 2015 è stato di tale portata da essere definito dall'Agenzia Mondiale Antidoping (AMA) "senza precedenti", "sistemico" e centralizzato". Oltre un migliaio di atleti ne hanno beneficiato, alterando le Olimpiadi di Pechino 2008, Londra 2012 e soprattutto quelle invernali di Soc...

    – Lorenzo Bodrero

    • Info Data

    Doping: l'altra faccia delle Olimpiadi. I numeri

    Dodici medaglie d'oro, 27 d'argento e 11 di bronzo. E' il conto delle medaglie olimpiche ritirate alla Russia, più di un terzo del totale a partire dal 1968. Il sistema di doping messo in piedi dalla Russia tra il 2011 e il 2015 è stato di tale portata da essere definito dall'Agenzia Mondiale Antidoping (AMA) "senza precedenti", "sistemico" e centralizzato". Oltre un migliaio di atleti ne hanno beneficiato, alterando le Olimpiadi di Pechino 2008, Londra 2012 e soprattutto quelle invernali di Soc...

    – Lorenzo Bodrero

1-10 di 2744 risultati