Aziende

Vivendi

Vivendi Sa è una società francese attiva nel campo dei media e delle comunicazioni. In particolare opera nell'industria della musica, della televisione, del cinema, dell'editoria, delle telecomunicazioni e di Internet.

La società è salita agli onori della cronaca finanziaria del 12 dicembre 2016, per il tentativo di scalata finanziaria messo in atto nei confronti del gruppo italiano Mediaset.

Vivendi Sa è quotata all'Euronext di Parigi nell'indice CAC 40 ed è guidata dal Presidente Vincent Bolloré.

Vivendi Sa gestisce le seguenti proprietà: Canal+ group (al 100%), Universal Music Group (al 100%), Telecom Italia (al 23,94%), Ubisoft (al 26,80%), Gameloft (al 95,77%), Fnac (11,27%), Telefonica (0,98%) e da ultimo Mediaset (al 28,8% )

Il gruppo è nato nel 1998, quando Compagnie Générale des Eaux ha cambiato il suo nome in Vivendi, acquistando quote di Maroc Telecom, Havas, Cendant Software, Anaya e NetHold.

Attraverso Canal+ Vivendi ha lanciato pay-tv in Italia, Spagna, Polonia, Scandinavia, Belgio e Olanda.

Nel 1999 il gruppo si è fuso con Pathé, mantendo le quote di British Sky Broadcasting e CanalSatellite.

Nel 2000 dalla fusione di Vivendi con il network televisivo Canal+ e la Universal Studios è stata creata Vivendi Universal, che nello stesso anno ha acquisito il 35% di Maroc Telecom. Nel 2004 l'80% di Vivendi Universal Entertainment è stato venduto a General Electric e l’anno successivo è stato fondato Vivendi Sa.

Dopo l’acquisizione della discografica tedesca Bmg, la divisione Vivendi Games si è fusa con Activision e successivamente ha rilevato Sfr.

Nel 2012, il Consiglio di Sorveglianza di Vivendi ha deciso di concentrare le attività del Gruppo su media e contenuti.

Nel novembre del 2013, Vivendi ha acquistato dal Gruppo Lagardère il 20% del capitale di Canal+ France che non deteneva ancora.

Nel marzo del 2016 Vivendi ha acquisito il 24,9% delle azioni di Telecom Italia, rimanendo il primo azionista.

L'8 aprile del 2016 la società francese ha firmato un contratto per acquisire il 100% di Mediaset Premium.

Il 12 dicembre del 2016 il gruppo ha annunciato di detenere il 3,01% del capitale di Mediaset per poi raggiungere il 29%. La sua influenza sulle due società italiane è in contrasto con la normativa italiana, che vieta la detenzione di partecipazioni incrociate in società tlc e media. E’ quindi scattata la richiesta formulata dal Garante delle Comunicazioni affinché Vivendi scendesse in Mediaset o in Telecom.I francesi hanno un anno di tempo per adeguarsi alle richieste.

Ultimo aggiornamento 14 settembre 2017

Ultime notizie su Vivendi
    • News24

    Il tempo ha avuto più valore del denaro

    Il termine «flessibilità» non è normalmente associato ai tedeschi. Ma quando si parla di lavoro e relazioni industriali la Germania ha in realtà molto da insegnare al resto d'Europa: la flessibilità diventa modus vivendi e attitudine comportamentale, capace di produrre un circolo virtuoso tra

    – di Attilio Geroni

    • News24

    Telecom, salta l'alleanza sui contenuti con Canal+

    La ratifica - a quanto risulta - arriverà al consiglio Telecom del 6 marzo, e non mancherà di avere un impatto sul contenzioso Vivendi-Mediaset, sancendo nei fatti che il negoziato condotto finora non può essere concluso. ... Le due parti - i legali si erano incontrati un'ultima volta a Parigi, nella sede di Vivendi, lo scorso 13 gennaio - erano riuscite a trovare uno schema che portasse a Mediaset i 760 milioni a cui era stata valutata Premium nel 2016. ...l'avrebbe tenuto Vivendi, Tim...

    – di Antonella Olivieri

    • Agora

    Il Cda di Tim valuta l'offerta per Persidera: ma Gedi considera inadeguati i 250 milioni di F2i-RaiWay

    F2i e Rai Way hanno ritoccato, senza tuttavia che ci sia un aumento significativo del prezzo, l'offerta per Persidera, dopo che i due azionisti della società di infrastrutture per la diffusione di segnali televisivi avevano fatto loro sapere di considerare inadeguati i 250 milioni messi sul piatto. A valutare la proposta - spiega l'Ansa - sarà domani, a Milano, il Cda di Tim (in Persidera con una quota del 70%), che più dell'altro socio (al 30%) Gedi, ex gruppo Espresso, ha interesse a vendere....

    – Carlo Festa

    • News24

    Milano (-0,8%) maglia nera d'Europa sotto i colpi di Juncker. Spread a 137

    Chiusura abbastanza stabile per le Borse europee (segui qui i principali indici), tranne per Milano (segui qui il Ftse Mib) che invece ha accusato la performance peggiore, pur terminando le contrattazioni sopra i minimi di giornata. A incoraggiare insistenti vendite sul listino milanese sono state

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    L'Antitrust contro Tim: sulla rete abuso di posizione dominante

    Telecom sotto accusa per abuso di posizione dominante sulla rete d'accesso, alla vigilia della presentazione in cda del piano per la separazione volontaria dell'infrastruttura. L'Antitrust ha esteso la procedura già avviata il 28 giugno scorso su Cassiopea (il piano di investimenti in fibra, ora

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    Telecom sulle montagne russe in vista del piano e cessione di Persidera

    Telecom Italia sulle montagne russe, mentre è scattato il conto alla rovescia per il cda del prossimo 6 marzo chiamato ad approvare il nuovo piano industriale dell'a.d. Amos Genish e anche in attesa di novità sul fronte della cessione di Persidera. I titoli hanno più volte cambiato la direzione di

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Europa contrastata, a Milano (piatta) in luce Ferragamo. Euro a 1,23 dollari

    Chiusura contrastata per le Borse europee, appesantite in particolare dalle vendite delle utility, aspettando la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve che dovrebbero fornire indicazioni sulla tempistica con cui la banca centrale Usa potrebbe procedere all'aumento del

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Telecom convoca cda straordinario per il dossier Persidera. Il nodo Gedi

    Telecom ha convocato per venerdì a Milano un consiglio di amministrazione straordinario per discutere della questione Persidera, la società dei mux che Vivendi si è impegnata a far cedere per avere l'ok dell'Antitrust Ue al controllo di fatto sulla compagnia telefonica. C'è però da sciogliere il

    – di Antonella Olivieri

1-10 di 1389 risultati