Persone

Vittorio Feltri

Vittorio Feltri è nato il 25 giugno del 1943 a Bergamo ed è un giornalista e scrittore italiano.

È stato a capo di diversi quotidiani e riviste:L'Europeo (1989), L’Indipendente (1992-1994), Il Giornale (1994-1997) e (2009-2010), il Borghese (1998), il Quotidiano Nazionale (1999), Libero (2000-2009) e (2011) .

A diciannove anni, Vittorio Feltri ha collaborato con L'Eco di Bergamo.

È entrato ne La Notte come praticante e nel 1974 ha lavorato a il Corriere d'Informazione, edizione pomeridiana del Corriere della Sera.

Dal 1983 è stato direttore di BergamoOggi e 6 anni più tardi è passato al settimanale L'Europeo.

Tra il 1992 e il 1994 ha guidato L'Indipendente, cavalcando l'inchiesta Mani pulite.

Nel 1994, Feltri è stato contattato da Paolo Berlusconi, editore de Il Giornale, che gli ha offerto la direzione al posto di Indro Montanelli, carica che Feltri ha conservato per 4 anni. Dopo la pubblicazione di un articolo a favore di Antonio Di Pietro, ha lasciato la poltrona ed è andato a Il Borghese. Chiusa la parentesi di 2 anni a il Gruppo editoriale del Quotidiano Nazionale, (che comprende Il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno) Feltri ha assunto la direzione di Libero, per poi tornare nel 2009 e fino al 23 settembre 2010, a Il Giornale al posto di Mario Giordano.

Tra il 2005 ed il 2009 ha partecipato ad una trasmissione televisiva " Pensieri e bamba" su Odeon TV, dove ogni lunedì veniva intervistato su argomenti di attualità.
Per alcune edizioni ha preso parte, in qualità di opinionista, alla trasmissione sportiva "Il Processo di Biscardi" insieme al fratello Ariel Feltri.

Nel 2009 inaugurò il famigerato metodo Boffo, ossia una campagna disinformativa a danno dell'allora direttore della testata giornalista Avvenire, Dino Boffo.

Feltri tirò in ballo in un editoriale pubblicato su Il Giornale, una vecchia vicenda, vera soltanto in parte, nella quale risultava coinvolto il direttore dell'Avvenire Boffo che, a causa di tale campagna disinformativa, fù costretto alle dimissioni.

A sua volta Feltri, per le accuse rivolte a Boffo poi rivelatisi false, venne sospeso dall'albo dei giornalisti per sei mesi poi ridotti a tre.

Da ultimo, nel giugno 2014, Feltri si tessera presso Arcigay, affermando dalle pagine de Il Giornale: "Noi siamo per la libertà, senza discriminazioni, convinti che sia necessario superare i pregiudizi che generano equivoci, banalità, insulti noiosi e stupidi".

Feltri è padre di quattro figli, due gemelle avute in prime nozze con Maria Luisa, poi deceduta e due figli, Mattia e Fiorenza, nati dalle seconde nozze con Enoe Bonfanti.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Vittorio Feltri
    • Agora

    La scomparsa di Veronesi e Trump nuovo presidente Usa: una giornata triste per gli animali

    Ieri hanno perso un amico e oggi trovato un nemico più potente. Una giornata triste per gli animali, che in Italia hanno perso in Umberto Veronesi un animalista, vegetariano e cofondatore del movimento "Coscienza degli animali", e che in Usa hanno visto l'elezione di Donald Trump, indicato da una delle più grandi associazioni animaliste globali, Hsi, come una "minaccia" per il mondo animale e un sostenitore della caccia e delle armi. UMBERTO VERONESI Con Michela Vittoria Brambilla, Umberto Ver...

    – Guido Minciotti

    • News24

    Sbalordire più che documentare

    Un leggero spaesamento. E' quel che prova il lettore al termine di questa silloge di 120 missive, spedite da Oriana Fallaci nel corso nella sua operosissima esistenza (1929-2006), vissuta ai quattro angoli del globo.

    – Raffaele Liucci

    • News24

    Feltri è il nuovo direttore di Libero. Santoro acquista il 7% del "Fatto"

    Vittorio Feltri è il nuovo direttore del quotidiano "Libero". Sostituisce Maurizio Belpietro. Dopo 16 anni, dunque, Feltri torna alla guida del giornale da lui fondato nel 2000 e di cui è stato direttore ed editore per 9 anni, fino alle dimissioni nel 2009. Feltri da poco aveva lasciato il

    • News24

    Putin, lo zar venuto dalla povertà

    Un uomo venuto dalla povertà, ma diventato un protagonista del nostro tempo. Una persona che per sua stessa ammissione già da ragazzino mostrava una personalità complessa, a tratti violenta, ma capace di approdare all'Università di Leningrado (di cui diventa anche assistente del rettore) con lo

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Lingotti e segreti (di palazzo Koch) per l'eroina del thriller politico

    E' certamente la Libia il Paese che da qualche anno rappresenta la vera spina nel fianco della politica estera italiana. La Libia che torna, come un fantasma. Del resto è stato a un secolo esatto dall'inizio della campagna dell'Italia giolittiana per la "Quarta sponda" che l'ex colonia si è

    • News24

    Mattarella vede Napolitano. «Mi ha fatto gli auguri per il mandato»

    Basso profilo e understatement per la prima giornata da capo dello Stato di Sergio Mattarella. Come da abitudine, il giudice costituzionale da ieri presidente della Repubblica ha raggiunto la chiesa dei Santi Apostoli, in centro a Roma, per partecipare alla messa. Al termine, Mattarella è tornato a

    – Barbara Fiammeri

1-10 di 195 risultati