Persone

Viktor Orban

Viktor Orbàn è un politico ungherese nato il 31 maggio 1963 a Székesfehérvár, attualmente Primo ministro dal 2010. È anche leader del partito Fidesz-Unione civica ungherese.

È stato il fondatore, in giovane età, dell'Alleanza dei Giovani Democratici (da cui l'acronimo Fidesz), di impronta anticomunista.

Nel 1990 ha fatto il suo primo ingresso in Parlamento, schierandosi contro il governo capeggiato da Jòzsef Antall.

È stato Primo ministro dell'Ungheria dal 1998 al 2002, anni del suo primo mandato politico, durante il quale ha cercato di risollevare l'economia ungherese da una forte crisi.

Nel 2010 ha vinto nuovamente le elezioni parlamentari. Nel 2011 il suo governo ha introdotto numerosi elementi di conservatorismo nella Costituzione.

Nell'aprile 2014 il partito di cui è leader, Fidesz-Unione civica ungherese, ha riottenuto la vittoria nelle elezioni.

Durante questo governo le posizioni politiche di Orban si sono ulteriormente inasprite orientandosi sempre di più verso nazionalismo e populismo e con un atteggiamento sempre più critico nei confronti dei "burocrati di Bruxelles che vogliono comandare in casa nostra". Nel 2015 il premier ha fatto costruire una barriera lungo il confine con la Serbia per fermare l'afflusso dei migranti e ha annunciato di volerne costruire un'altra. Ha anche indetto un referendum popolare che si terrà il 2 ottobre del 2016 per evitare il ricollocamento dei migranti sul suolo ungherese secondo quanto deciso dall'Ue.

Nell'ultimo periodo ha attirato ulteriormente su di sé l'attenzione mediatica per la sua dura posizione nei confronti degli immigrati, affermando che le persone «arrivate illegalmente dovrebbero essere rastrellate e deportate in un'isola».

Nel referendum da egli voluto sulla proposta di ripartizione dei migranti tra i Paesi della Ue che si è tenuto il 2 ottobre 2016 e di cui Orban è un vivace oppositore, ha subito una sconfitta poiché la maggioranza degli elettori ungheresi ha disertato le urne non facendone raggiungere il quorum per la validità (la metà degli elettori più uno).

Ultimo aggiornamento 03 ottobre 2016

Ultime notizie su Viktor Orban
    • News24

    Internazionale populista, lo spauracchio dell'Europa si chiama Steve Bannon

    Dalla Lega di Matteo Salvini in Italia («Il cuore pulsante della politica in Europa») al Rassemblement national di Marine Le Pen in Francia, senza lasciare per strada Fidesz di Viktor Orban, la destra radicale di Alternative für Deutschland in Germania, i polacchi di Diritto e giustizia e qualche sigla minore.

    – di Giuseppe Chiellino e Alberto Magnani

    • Agora

    Evviva, siamo i migliori amici di Trump

    Mentre Trump e Conte si complimentavano l'uno con l'altro a Washington, Viktor Orban arringava le minoranze ungheresi dell'Est d'Europa, convocate in un campo estivo in Romania.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Attacchi a migranti, non c'è solo l'Italia: i numeri in Europa

    Fra gli esempi di far-right ci sono il tedesco Alternative für Deutschland (12,6% dei voti e 94 seggi al Bundestag alle ultime elezioni), il francese Rassemblement National (nuovo nome del Front National di Marine Le Pen, votato dal 21,3% dei francesi nel primo turno delle elezioni 2017), l’ungherese Fidesz (il partito del governo di Viktor Orban) e il polacco Diritto e giustizia.

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Il guanto di sfida sovranista all'Europa

    Le posizioni del partito ungherese Fidesz di Viktor Orban sono condivise dai cristiano sociali bavaresi di Horst Seehofer, dai popolari spagnoli del nuovo segretario Pablo Casado e dai popolari austriaci di Sebastian Kurz, ma anche da diversi popolari dell’Europa del nord.

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    La sfida sovranista a Europa e costituzione

    Che tipo di Europa vogliono promuovere leader come l'ungherese Viktor Orban, il polacco Jaros?aw Kaczy?ski, il danese Kristian Dahl, l'austriaco Norbert Hofer e l'italiano Matteo Salvini?

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Orban e gli altri, l'internazionale sovranista che vuole scalare il Ppe

    Anzi, condurre una radicalizzazione delle politica europea direttamente dal cuore del Ppe, il gruppo che ospita già formazioni come Fidesz (il partito nazionalconservatore del premier ungherese Viktor Orban) e l'Unione cristiano sociale (Csu): la costola bavarese della Cdu di Angela Merkel che ha obbligato la Cancelliera a un accordo restrittivo sui migranti.

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Forza e debolezze dei sovranisti

    Il 18 giugno scorso, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha sostenuto che «la difesa della frontiera è un compito obbligatorio da fare a casa e non già un compito europeo».

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Polonia, il premier difende la "purga" dei magistrati. Dura replica Ue

    Strasburgo - «Invece di additare il populismo domandatevi perché la gente sta voltando le spalle all'Europa». Di fronte alla plenaria di Strasburgo, il primo ministro della Polonia Mateusz Morawiecki ha inaugurato così un «discorso sul futuro dell'Europa» che assomiglia più a un manifesto

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Se nazionalismi e muri smontano l'Europa

    La caduta del muro di Berlino, la riunificazione tedesca prima ed europea poi l'avevano disintegrata, si sperava per sempre. Invece, quasi 30 anni dopo, una nuova cortina di ferro rischia di calare sull'Unione. I brillanti autori però non sono i nostalgici della defunta Urss o la Russia dello zar

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Come è finito davvero il vertice Ue di Bruxelles sui migranti (e non solo)

    Sì alle piattaforme di sbarco per migranti, alla creazione di centri di controllo «nei paesi che li vogliono», ai 500 milioni di euro al Fondo fiduciario per l'Africa (e ad altri 3 miliardi di euro alla Turchia per la gestione dei rifugiati). Sullo sfondo, del tutto in sordina, i progressi

    – di Alb.Ma.

1-10 di 286 risultati