Aziende

Veneto Banca

Il Gruppo Veneto Banca nasce nel 1877, anno di fondazione della Banca Popolare di Montebelluna, in provincia di Treviso.A partire dal 1997 la Popolare ha intrapreso un cammino che l'ha portata cambiare la denominazione in Veneto Banca.
Dal 2000 ha esteso i propri interessi all'Europa Orientale.Nel 2010 Veneto Banca porta a termine due nuove acquisizioni: quella di Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana. Nel 2013 Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana viene fusa in Veneto Banca, divenendo la Direzione Territoriale della capogruppo a presidio del Centro Italia.

Nel mese di ottobre 2015 viene presentato il piano industriale del Gruppo per il periodo 2015-2020, che prevede la chiusura di 130 filiali entro il 2017.

Nell'assemblea straordinaria dei soci del 19 dicembre 2015 viene approvata,come richiesto dal decreto legge 3/2015 del Governo Renzi, la trasformazione da Soc. Coop. a Società per Azioni (S.p.A.) e la conseguente quotazione in borsa, con la necessità di un aumento di capitale da 1 miliardo di €.

Aumento che viene sottoscritto da "Fondo Atlante" che controlla il 97,64% del capitale azionario dell'istituto.

L'8 agosto del 2016, Beniamino Anselmi, ex Presidente del Comitato Esecutivo di Banca Carige, viene eletto Presidente del nuovo CdA targato Fondo Atlante mentre Cristiano Carrus viene confermato Amministratore delegato.
Il 7 novembre del 2016 Beniamino Anselmi rassegna le dimissioni da Presidente del CdA e Maurizio Lauri, Presidente di Banca Intermobiliare, assume la Presidenza ad Interim. L'11 novembre Massimo Lanza è diventato il nuovo presidente e Cristiano Carrus l'ad. Da gennaio 2017 è in corso la fusione con la Banca popolare di Vicenza affidata all’ad Fabrizio Viola.

Nel 2016 la banca ha registrato perdite per 1,5 miliardi di euro.

Il 14 giugno 2017 i legali della banca hanno dato l'avvio dell'azione di responsabilità che presenta un conto da 2,3 miliardi a titolo di danni «nei confronti di ex amministratori e sindaci alternatisi in carica fino al 26 aprile 2014».

Il 21 giugno 2017 Intesa San Paolo ha acquistato a 1 euro Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca senza farsi carico dei crediti deteriorati.

Ultimo aggiornamento 22 giugno 2017

Ultime notizie su Veneto Banca
    • News24

    Banche venete, «sì» finale al decreto

    Con il voto di ieri al Senato, che ha confermato la fiducia al governo e convertito in legge il decreto sulle Venete, le regole per la liquidazione di Popolare Vicenza e Veneto Banca diventano definitive.

    – Gianni Trovati

    • Agora

    Warburg Pincus e Jc Flowers sul dossier Banca Intermobiliare

    Procede dunque con rapidità il processo per la vendita di Banca Intermobiliare (Bim), la società storicamente controllata da Veneto Banca (e poi da Quaestio sgr) che, dopo la liquidazione coatta amministrativa dell'istituto veneto, è uscita dal perimetro di asset acquisiti da Intesa Sanpaolo.

    – Carlo Festa

    • News24

    Dl banche venete, ok del Senato con 148 sì e 91 no: è legge

    Il provvedimento è stato approvato nello stesso testo già votato dalla Camera, dove l'unica modifica era stata l'inserimento del testo del Dl sulla sospensione del pagamento di un bond di Veneto Banca. Il provvedimento facilita la liquidazione coatta amministrativa della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, garantendo la continuità del sostegno del credito alle famiglie e alle imprese del territorio.

    • News24

    Banche Venete, «no» ai rimborsi agli azionisti

    Un altro ordine del giorno, firmato da esponenti di Fi, Lega e Pd, punta a «misure finalizzate a tutelare i piccoli risparmiatori» che hanno comprato azioni di Popolare Vicenza o Veneto Banca all'interno di vendite caratterizzate da «scarsa trasparenza», in cui sono state negate «le informazioni necessarie sul grado di rischio», e chiede di «prevedere un inasprimento delle pene» a carico dei responsabili del crack.

    – di Gianni Trovati

    • News24

    Banche venete, il decreto viaggia verso la fiducia

    Al provvedimento sulla liquidazione coatta amministrativa degli istituti veneti di credito (Banca Popolare Vicenza e Veneto Banca) erano stati presentati ieri 203 emendamenti e 49 ordini del giorno. ... Lo ha ribadito il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, rispondendo oggi a un'interrogazione su Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza nel question time alla Camera.

    • News24

    Effetto Atlante sul settore bancario, Unicredit e Banco Bpm i titoli più colpiti

    In vista dell'approvazione dei conti semestrali nei prossimi giorni, gli istituti di credito si apprestano ad azzerare il valore dell'investimento nel fondo Atlante I. Ieri la stessa Quaestio sgr, gestore del fondo, ha annunciato di aver abbassato dell'80% il valore delle quote e di avere allo studio la liquidazione di Atlante I. Dopo l'avvio della liquidazione della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, in cui il fondo aveva investito 3,4 miliardi, il valore di Atlante, I ha spiegato...

    – di Paolo Paronetto

    • News24

    Europa in rosso con supereuro. Su Milano pesano Fca e banche

    Chiusura in rosso per le Borse del Vecchio Continente, con Piazza Affari zavorrata da banche e auto mentre a Wall Street il Dow Jones viaggia in territorio negativo. A Milano il FTSE MIBha terminato le contrattazioni in calo dell'1,10% e il Ftse All Share dell'1,01 per cento. Più contenuta la

    – di Flavia Carletti

    • Agora

    Genoa, i dubbi di Preziosi sulle garanzie finanziarie della cordata Gallazzi

    Nelle ultime settimane sarebbero inoltre circolate indiscrezioni su un'intensa attività di Beniamo Anselmi, il banchiere cattolico ex-Veneto Banca, che dovrebbe diventare presidente del Genoa, volta a cercare partner finanziari per la cordata: i rumors parlano anche di un suo tentativo per coinvolgere nella cordata la famiglia Zanetti di Segafredo oltre al tentativo di proporre a Giuseppe Guzzetti, presidente di Fondazione Cariplo, un coinvolgimento nel Cda del nuovo Genoa.

    – Carlo Festa

    • News24

    Bad bank, la «lezione» dei modelli europei

    La compravendita delle sofferenze bancarie può dirsi un mercato dei "bidoni", meglio noto come "market for lemons", perché è dominata dall'asimmetria informativa: è estremamente difficile stabilire con esattezza il valore di recupero di un credito deteriorato divenuto sofferenza, non-performing o

    – Isabella Bufacchi

1-10 di 1031 risultati